Marina Sereni
Marina Sereni
<b>941</b> Ore. <b>22%</b> Totale sedute
<b>34</b> Eventi da me promossi
<b>140</b> Interventi a Montecitorio
<b>127</b> Impegni in Italia
<b>54 </B> Missioni e incontri internazionali
News
Pagina:
Arriva la pausa estiva ed essendo l'ultima della XVII Legislatura, vale la pena tirare un po’ le fila di questi quattro anni. LAVORO e FISCO,  AMBIENTE, DIRITTI, SICUREZZA e GIUSTIZIA, WELFARE e SALUTE, SCUOLA e CULTURA… cos’è cambiato? Quali leggi organiche o quali provvedimenti ad hoc abbiamo approvato? 
Il Gruppo del PD della Camera dei Deputati sta facendo un grosso lavoro riassuntivo preparando schede sintetiche e chiare. Sono già tante e saranno ancora di più perché la pubblicazione che si ferma per i giorni intorno a Ferragosto, riprenderà dopo  il 21 del mese. Vi propongo quelle disponibili fin qui e vi auguro BUONE VACANZE[segue...]
Una cornice unitaria deve guidare le scelte della comunità internazionale nella gestione della crisi libica. Per noi, come hanno spiegato bene ieri i Ministri Alfano e Pinotti, questa cornice unitaria è quella definita dalle Nazioni Unite, che hanno riconosciuto il Consiglio Presidenziale/Governo di Accordo Nazionale presieduto da Al Sarraj. La complessità e la fragilità del contesto libico è sotto gli occhi di tutti, ma non ci sono alternative al dialogo e alla ricerca di una soluzione condivisa tra le diverse fazioni e gruppi libici. Non esistono soluzioni militari, non è accettabile una prospettiva di divisione della Libia, ancora meno ci si può rassegnare ad avere - a pochi chilometri dalle nostre coste - uno stato fallito, nelle mani di milizie e trafficanti di vario genere. Queste sono le ragioni di fondo per cui oggi il Parlamento ha autorizzato la nuova missione navale[segue...]
Ultimo bilancio della Legislatura, momento giusto per rendere conto ai cittadini del lavoro fatto in questi anni dall'Ufficio di Presidenza. Le cifre sono più testarde della propaganda, sono numeri, sono scritti, sono fatti inoppugnabili. Un risultato senza precedenti, frutto di interventi che hanno riguardato i deputati, a partire da quelli che ricoprono incarichi, i gruppi parlamentari, gli acquisti di beni e servizi, gli affitti, le auto blu... 350 milioni di risparmi, 67 soltanto dai capitoli del personale di cui mi sono occupata più direttamente come presidente del Comitato Affari del personale. Di fronte a questo quadro, come è ormai consuetudine, i colleghi del M5S hanno scelto di fare un po' di gazzarra all'inizio (di cui saranno pieni i loro blog e social) e poi di abbandonare l'Aula. Del lavoro fatto - in particolare sulla politica del personale - parlo insieme ad alcuni altri colleghi dell'Ufficio di Presidenza in questo video che vi propongo. [segue...]
Con l’approvazione del decreto Sud si aggiunge un altro tassello fondamentale  di riforma delle politiche rivolte al Mezzogiorno d’Italia, alla sua difficile, ma indispensabile, ripresa. I dati Istat e Svimez ci hanno detto proprio in questi giorni che nel 2017 il Sud, pur partendo da una situazione economica difficilissima, è tornato a crescere e che in media cresce più dell’intero Paese: aumentano di più in particolare sia le esportazioni, sia i posti di lavoro. Con le norme che approviamo oggi, abbiamo focalizzato l’attenzione sui giovani meridionali, sulle loro capacità, sulla loro voglia di prendere in mano il proprio destino. Lo Stato mette a disposizione le risorse, per chi vuole fare  impresa e per chi vuol mettersi in gioco. [segue...]
Non possiamo che lavorare tutti affinché da qui al 27 settembre, quando le parti sono state riconvocate dalla vice ministro Bellanova si possano individuare passi avanti per date una soluzione adeguata alla vertenza dei lavoratori della Nestlé-Perugina di San Sisto. Per ammissione della vice Ministro allo Sviluppo economico l'incontro di oggi ha mostrato una notevole distanza delle posizioni in campo. E’ preoccupante che, a poco più di un anno dalla firma dell'accordo per il rilancio del sito umbro, l’azienda abbia annunciato 340 esuberi su circa mille dipendenti. Un fatto che ha provocato il blocco della fabbrica e l’adesione massiccia alla giornata di sciopero e che ha portato oggi molti lavoratori al  presidio davanti al Mise. [segue...]
Voterò convintamente  ‘sì’ al decreto vaccini e apprezzo la posizione chiara e determinata  del Governo sull’argomento. Ma non basterà una legge per riassorbire quella marea di sfiducia che porta a mettere in discussione ogni tipo di autorità, a cominciare da quelle scientifiche e internazionali .  Il decreto è sacrosanto, tuttavia dopo dovremo interrogarci sul perché delle totali falsità, abbiano potuto affermarsi come verità assolute, e sul perché tante persone, in tutto il mondo, ma in Italia in modo particolare, mostrino totale sfiducia nei confronti delle competenze mediche e scientifiche. Tutto questo mette a rischio la salute dei cittadini”. L'ho detto intervenendo alla presentazione del  III° Rapporto “MonitoRare” sulla Condizione della persona con Malattia Rara in Italia, realizzato in collaborazione con l’Intergruppo parlamentare per le Malattie Rare. [segue...]
Al di là degli incendi dolosi, delle polemiche politiche (a proposito, la sindaca Raggi dovrebbe provare a governare, perché non è con gli slogan né con gli scaricabarile che si garantisce a una città come Roma un bene essenziale come l'acqua...), delle misure di razionamento già prese o soltanto minacciate che accompagnano le giornate di questo luglio, il problema dell’assenza di precipitazioni sta davvero mettendo a rischio l’ambiente e l’economia del nostro Paese. Come ha sottolineato la mia collega Chiara Braga durante l'audizione con il ministro Galletti il fatto che abbia piovuto pochissimo, "a partire dall'ultimo autunno, ha significato la mancanza all'appello di un volume d'acqua pari all'intero lago di Como, ovvero un deficit di pioggia di 20 miliardi di metri cubi sull'intero territorio nazionale" .  [segue...]
Con l'approvazione dell'emendamento a mia prima firma alla Legge Europea 2017, frutto di un lavoro di squadra con il governo e i colleghi Pd di Camera e Senato, si sana un’ingiustizia che vedeva le vittime di reati violenti o gli eredi espropriati di qualsiasi indennizzo a carico dello Stato nel caso avessero avuto un reddito pari o superiore a 11.528 €. Non ci ha mossi l’intento di assicurare un sussidio a persone svantaggiate, ma quello di rendere esigibile un diritto a persone violentate, pestate, uccise da criminali non identificati, non punibili o impossibilitati a risarcire. Per il 2017 vengono stanziati finanziamenti aggiuntivi per 12,8 milioni di euro  e 31,4 milioni per il 2018. [segue...]
"Il primo accordo tra l’IILA (l’Organizzazione Internazionale italo-latino americana) e l’Europa (che allora era la CEE) è del 1971, poi rinnovato nel 1991. Adesso, di fronte alle nuove sfide e ai tanti cambiamenti che stanno investendo i diversi attori globali e gli organismi sovranazionali, credo si possa rilanciare con un nuovo accordo la collaborazione tra la UE e l'IILA". L'ho detto in Campidoglio intervenendo alla cerimonia di lancio di EUROsociAl +, l'iniziativa della cooperazione dell'Unione Europea che attraverso la collaborazione tra i governi sostiene i processi di riforma e delle politiche pubbliche con un impatto sociale sulla coesione nazionale di questa Regione. Ecco il mio intervento. [segue...]
Il rapporto Istat presentato qualche giorno fa sulla povertà, ci dice che se nel 2016 i numeri complessivi non danno grandi variazioni rispetto all'anno precedente -  4,7 milioni di persone, 1,6 milioni di famiglie in condizione di povertà assoluta  - siamo in presenza di cambiamenti  strutturali profondi rispetto a dieci anni fa. Mentre nei primi anni 2000 le fasce a rischio di povertà erano costituite prevalentemente da anziani, e in particolare da donne anziane sole, oggi poveri sono i giovani under 35, i minori, le famiglie numerose, in particolare quelle con reddito operaio. Sono partita da questo dato porgendo a Montecitorio i saluti istituzionali alla presentazione dell’indagine realizzata dal Censis  sul ‘Lavoro consapevole’ e promossa da Assolavoro e JOBSinACTion, un laboratorio dedicato al mondo del lavoro animato dalla senatrice del PD Annamaria Parente. [segue...]
Concorrenza, tecnologie,  investimenti, reti transnazionali, alta velocità, mobilità pulita...ma un sistema di trasporti efficiente deve consentire di migliorare le condizioni di benessere degli individui, contribuire a ridurre il rischio di esclusione sociale, offrire opportunità rafforzando i diritti di libertà e i diritti di cittadinanza. Le competenze dell'Autorità di regolazione dei Trasporti, che ha presentato a Montecitorio il suo quarto rapporto, devono garantire l’effettivo ed adeguato bilanciamento tra le esigenze di apertura dei mercati e della concorrenza e la tutela dell’interesse dei cittadini soprattutto nei casi in cui si tratti di servizio pubblico. Questo il mio indirizzo di saluto alla presentazione. [segue...]
Dai primi approcci della comunità scientifica, che negli anni ’90 comincia a riflettere sulle disparità di genere nella possibilità di accesso alle cure, al G7 di Taormina del maggio scorso, tanta strada è stata fatta nel riconoscere che l’approccio di genere alla salute delle donne e delle adolescenti è fondamentale per promuovere la sicurezza sanitaria globale e perseguire politiche di equità anche sul piano della crescita economica e sociale sia nei paesi ricchi che in quelli più poveri o impoveriti. Ne ho parlato, salutando le tante persone intervenute al convegno “Formare una medicina attenta alle differenze sessuali e al genere”, organizzato dalla collega Paola Boldrini  che abbiamo ospitato a Montecitorio. [segue...]
Come nelle scorse settimane Raqqa in Siria ora anche la città simbolo di Mosul in Iraq viene strappata alle forze di Daesh dopo molti mesi di scontri violentissimi che hanno prodotto migliaia di morti, milioni di profughi, distruzioni indicibili. Siamo di fronte ad un innegabile successo militare della coalizione antiterrorismo, Isis ha perso gran parte dei territori del cosiddetto Califfato, risultati importantissimi per indebolire la strategia di Daesh.  Ciò purtroppo non significa la fine della guerra nell'area e soprattutto la sconfitta definitiva del terrorismo jihadista. Occorre consolidare questi risultati sul terreno e creare le condizioni perché possa avviarsi la ricostruzione e i civili possano tornare nelle loro case. [segue...]
730 PRECOMPILATO: Fisco chiaro e accessibile, i cittadini apprezzano
E’ un vero e proprio “boom”. Sono stati 2,3 milioni gli italiani che hanno utilizzato il 730 precompilato per le dichiarazioni relative al 2016, superando nettamente il dato dell’anno scorso. È il risultato di un intervento che abbiamo voluto fortemente per semplificare il complicato rapporto tra contribuenti e fisco e quindi la vita delle persone. Serve a questo l’introduzione della dichiarazione precompilata per i lavoratori dipendenti, i pensionati e tutti coloro che presentano il modello 730. [segue...]
80 EURO: In busta paga, per sempre
Lo chiamano 'bonus', ma sono 960 euro l’anno a testa, per sempre, un sostegno concreto ai redditi medio-bassi. Dal maggio del 2014, chi guadagna meno di 1500 euro netti al mese ha in busta paga 80 euro in più al mese. E’ un “bonus” ma non è “una tantum”, perché è un’entrata stabile e importante per molte famiglie italiane. Le persone che hanno diritto a questa misura sono 11,2 milioni, un italiano su cinque. È la più grande operazione di redistribuzione salariale mai fatta in Italia, resa strutturale con la legge di stabilità del 2015. Inoltre, con la legge di stabilità 2016 ne abbiamo prevista l’estensione a chi presta servizio nelle forze armate e dell’ordine e nei Vigili del fuoco. [segue...]
APE SOCIAL: In pensione prima, perché non tutti i lavori sono uguali
Non tutti i lavori sono uguali. Non tutte le persone si trovano nella stessa condizione. Con l’APE Social abbiamo scelto di intervenire concretamente a favore di chi ha avuto un lavoro particolarmente faticoso o vive una situazione di difficoltà e per questo abbiamo consentito a costoro di andare in pensione prima di quanto preveda la legge Fornero, correggendone uno degli aspetti più sbagliati e socialmente iniqui. Chi è disoccupato, chi ha problemi di salute e chi ha in famiglia dei disabili, così come chi fa lavori gravosi, potrà andare in pensione a 63 anni, e cioè 3 anni e 7 mesi prima di quanto stabilito dalla legge attuale. [segue...]
ART BONUS: L'italia riparte da cultura e turismo
La bellezza delle nostre città, dei paesaggi, il patrimonio culturale ed artistico sono la vera ricchezza dell'Italia. Così unico al mondo, può contare su 52 siti UNESCO e migliaia tra musei, parchi archeologici, chiese, borghi. Una miniera d'oro da tutelare, valorizzare e vivere, ed anche una risorsa che ci consente e potrebbe contribuire ancora di più a sviluppare la nostra economia, in particolare quella dell’accoglienza turistica.  Un regime fiscale agevolato sotto forma di credito d’imposta in favore di chi effettua erogazioni in denaro per interventi di manutenzione e restauro, o di realizzazione di nuove strutture. Benefici fiscali anche per la produzione cinematografica e audiovisiva per attrarre investimenti esteri. Misure di risanamento per fondazioni lirico-sinfoniche… [segue...]
CONTRO IL CAPORALATO: No allo sfruttamento sul lavoro
 Per contrastare una delle piaghe più gravi che affliggono la nostra agricoltura. Il fenomeno dell’intermediazione illegale e dello sfruttamento lavorativo diffuso soprattutto in agricoltura – secondo stime sindacali e delle associazioni di volontariato – coinvolge circa 400.000 lavoratori in Italia, sia italiani che stranieri, ed è diffuso in tutte le aree del Paese e in settori dell’agricoltura molto diversi dal punto di vista della redditività, dal pomodoro ai prodotti della viticoltura.

 

 

  [segue...]

CONTRO IL CYBERBULLISMO: Ora i giovani possono difendersi
Mentre la legge contro il cyberbullismo veniva votata, lo scorso 17 maggio, in tribuna alla Camera era presente il papà di Carolina Picchio, una ragazza di appena 14 anni morta suicida per un video diffuso in rete. Approvandola abbiamo pensato a lui, alla sua testimonianza e alla sua tenacia, che ha contribuito ad accendere i riflettori su un fenomeno che ferisce e stravolge le vite di tanti, troppi ragazzi. Non c’erano norme che consentissero di contrastare e prevenire il bullismo in rete. Bisognava intervenire e noi l’abbiamo fatto.

  [segue...]

CONTRO LE ECOMAFIE: Una rivoluzione per l'ambiente
 La nuova legge contro gli ecoreati ha introdotto nel Codice Penale nuovi illeciti  particolarmente gravi. Disastro ambientale, inquinamento ambientale, impedimento al controllo ambientale, traffico e abbandono di materiali ad alta radioattività ed omessa bonifica. Una risposta positiva alle raccomandazioni dell’Ue che ci ha posto all’avanguardia in Europa con nuovi delitti, inasprimento del quadro sanzionatorio e raddoppio dei termini di prescrizione. [segue...]
DIMISSIONI IN BIANCO: Mai più ricatti a lavoratrici e lavoratori
Mai più dimissioni “in bianco”. Mai più far firmare al lavoratore - ma, più spesso, alla lavoratrice - la lettera di dimissioni all’atto dell’assunzione, dunque nel momento di massima debolezza, che permetteva poi al datore di lavoro di “liberarsi” di quel lavoratore o lavoratrice a sua discrezione e senza corrispondere alcuna indennità. La nascita di un figlio, una malattia o un infortunio, potevano essere tutti motivi per licenziare indiscriminatamente una persona. Con le nuove procedure introdotte non potrà più accadere. Dopo nove anni, abbiamo riconquistato una norma di civiltà varata nel 2007 e poi, come primo atto del suo Governo, abrogata da Berlusconi nel 2008. [segue...]
DIVORZIO BREVE: Meno conflitti, tutto più semplice
Un anno per risolvere situazioni matrimoniali irrimediabilmente compromesse rispetto ai tre anni previsti dalla precedente legislazione, che diventano sei mesi in caso di separazione consensuale: queste le norme che finalmente allineano l’Italia agli altri Paesi europei. I vantaggi sono evidenti, perché ridurre il periodo conflittuale riduce anche le tensioni e le sofferenze familiari anche, e soprattutto, in caso di presenza di figli. Ecco una legge che aiuta a vivere meglio. Attesa da più di 30 anni, la legge sul divorzio breve finalmente semplifica le procedure, riduce i contenziosi e fa risparmiare. [segue...]
DOPO DI NOI: Perché nessun disabile resti solo
Una rivoluzione nelle politiche sociali. Con la legge "Dopo di noi" finanziamo e accompagniamo progetti innovativi di vita autonoma per le persone con disabilità, per garantire cure e assistenza anche dopo la morte dei genitori. 270 milioni di euro stanziati per il triennio 2016-2018 e più del 95% delle risorse del 2016 già erogate. Finalmente un percorso di dignità intrapreso, da cui non si torna indietro. Per la prima volta vengono stanziate risorse strutturali per politiche di aiuto concreto e misure integrate che mettono la persona disabile al centro di un progetto individuale. La legge sul “dopo di noi” non è uno spot. L’obiettivo è di una progressiva presa in carico della persona con disabilità già durante l’esistenza in vita dei genitori e con il suo pieno coinvolgimento nelle scelte di vita.

  [segue...]

GRANDE POMPEI: Dai crolli a modello per l'Europa
Dopo anni di incuria e abbandono, di crolli in mondovisione che facevano di Pompei un esempio tangibile di inefficienza e di inerzia, abbiamo finalmente voltato pagina e fatto rinascere un luogo unico al mondo. Pompei, oggi, è il simbolo dell’Italia che si rimbocca le maniche e che porta a compimento gli impegni presi. Interventi innovativi dal punto di vista della sicurezza e della valorizzazione, rispettando tempi e costi prefissati, hanno fatto del Grande Progetto Pompei un modello europeo di cui possiamo essere fieri.  Nel complesso, grazie all’azione del Parco Archeologico di Pompei, sono 76 gli interventi finanziati, 64 dei quali già conclusi. È cosi che sono stati utilizzati i 105 milioni di euro destinati al progetto. Soldi spesi bene. La prova migliore sono proprio i 3,2 milioni di visitatori del 2016, un vero record assoluto.  [segue...]
LEGGE SULL'AUTISMO: Sostegno, assistenza, ricerca
Una legge che pensa alla vita di persone in carne ed ossa, di ragazze e ragazzi davvero “speciali”, di famiglie straordinarie che si dedicano a loro dando e ricevendo moltissimo. Sono 500 mila, e per la prima volta potranno contare su misure che affrontano i diversi aspetti riguardanti l’autismo, dall’inserimento di diagnosi, cura e trattamento personalizzato nei Livelli essenziali di assistenza al miglioramento delle condizioni di vita delle persone autistiche (anche in età adulta) e delle loro famiglie, dalla ricerca biologica e genetica a quella di tipo riabilitativo e sociale.

  [segue...]

LO STATUTO DEL LAVORO AUTONOMO: diritti e tutele per due milioni di italiani
Sono lavoratori come gli altri, ma non avevano gli stessi diritti né le stesse tutele. Lavoratori di serie B, partite Iva, freelance e professionisti,  che tanto contribuiscono alla crescita e all’innovazione nel nostro Paese, sono stati per vent’anni abbandonati nel far west della flessibilità. Lo Statuto del lavoro autonomo (non imprenditoriale) ha riempito il vuoto ed ha esteso a 2 milioni di lavoratori diritti essenziali come la maternità, la malattia, il giusto compenso e la disoccupazione.

  [segue...]

MUSEI ITALIANI: Una riforma da record
Musei trascurati, difficili da visitare e a volte persino chiusi, considerati quasi dei semplici uffici delle Soprintendenze. È una foto in bianco e nero che appartiene al passato. È così grazie ad una riforma che ha fatto rinascere i musei italiani, che ha dato loro forza e autonomia e ha portato alla scelta di direttori selezionati con bandi internazionali che possono seguire criteri di gestione più moderni e competitivi. I risultati sono sotto gli occhi di tutti e sono la prova di una sfida vinta. Negli ultimi tre anni, nei musei statali, sono aumentati di 7 milioni – boom delle domeniche gratuite -  arrivando al record assoluto di 45,5 milioni nel 2016, con una crescita degli incassi pari a 47 milioni di euro. E nel primo trimestre del 2017 le cose sono andate ancora meglio, con 2 milioni in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno…

  [segue...]

NO ALLO SPRECO ALIMENTARE: Recuperare per redistribuire
Quella sullo spreco alimentare è la storia di una legge nata dal basso. Dall’ascolto delle associazioni che tra mille difficoltà e impedimenti burocratici, in questi anni recuperavano le eccedenze alimentari del commercio e della ristorazione per donarle a chi ne ha più bisogno. Ogni anno, in Italia, si producono circa 5,6 milioni tonnellate di alimenti che rimangono inutilizzati. Si tratta di cibo che viene preparato, trasformato, distribuito ma, per ragioni diverse, non è né venduto né consumato. La legge punta a evitare lo spreco di prodotti invenduti ma perfettamente utilizzabili e distribuirli a persone in condizioni di povertà.

  [segue...]

OK ALL'ACCORDO DI PARIGI PER IL CLIMA: Contrastare il riscaldamento globale
 

Limitare l’aumento della temperatura globale entro l’1,5 gradi centigradi rispetto a l’era preindustriale. È questo il principale obiettivo sottoscritto con gli Accordi sul clima di Parigi di dicembre 2015. Un obiettivo che sarà perseguito attraverso l’istituzione di un fondo internazionale per la diffusione delle energie verdi, compensazioni finanziarie per i paesi più poveri e un monitoraggio costante dei risultati di ciascun paese. L’Italia ha ratificato l’accordo a ottobre 2016. La decisione del Presidente Donald Trump, giugno 2017, di ritirare gli Stati Uniti dall’accordo di Parigi rappresenta sicuramente un fatto negativo. Compito dell’Europa, adesso, è guidare l’attuazione dell’accordo di Parigi sul clima. [segue...]

OMICIDIO STRADALE: Mai più pirati della strada impuniti
Per Lorenzo, per Gabriele, per tutte le vittime della strada. Per le loro famiglie e i loro amici. La legge sull’omicidio stradale, richiesta da molte associazioni e attesa da tempo dai cittadini, finalmente è realtà. Siamo passati dalla certezza dell’impunità alla certezza della sanzione penale, rivoluzionando il peso delle responsabilità a carico di chi, dopo aver commesso violazioni gravi, tra cui l’abuso di alcol e droga, uccide sulla strada. A 15 mesi dall’entrata in vigore della legge ci sono stati 25 arresti per omicidio stradale in flagranza e 410 denunciati. E dopo la legge, i controlli. [segue...]
PACCHETTO FAMIGLIA: Ora le giovani coppie hanno un sostegno vero
Molte e consistenti le novità messe in campo per aiutare economicamente le giovani famiglie e favorire così anche l’occupazione femminile. La novità più importante è che sono aiuti di carattere strutturale. Il “pacchetto famiglia” riguarda gli aspetti più delicati e impegnativi che i neo genitori devono affrontare, dal momento della nascita alle cure mediche, all’iscrizione al nido. Ecco dunque: buono asilo nido o assistenza domiciliare: 1.000 euro dal 2017;  Fondo sostegno alla natalità: prestiti a tassi e condizioni vantaggiosi alle famiglie con bambini piccoli; bonus bebè: fino a 1.920 euro per le famiglie in gravi difficoltà economiche. [segue...]
RIPRESA E OCCUPAZIONE: L'Italia torna a crescere, ecco i dati
Dopo anni in cui tutti gli indicatori economici avevano davanti, inesorabilmente, il segno “meno”, dal 2014 le cose sono iniziate a cambiare, l’Italia ha cominciato ad uscire dalla crisi e ha ripreso un cammino di crescita. E il segno “più” accompagna ora stabilmente tutte le statistiche. Il primo e più evidente esempio è il nostro Prodotto Interno Lordo: se nel 2012 il PIL diminuiva del 2,8 % e nel 2013 dell’1,7%, l’anno seguente ha fatto la sua comparsa il segno “più”. E quindi +0,1% nel 2014, +0,8% nel 2015 e +0,9% nel 2016, con una inversione di tendenza che non solo si è mantenuta costante ma si è rafforzata negli anni e con un incremento complessivo dell’1,8% nel triennio.

  [segue...]

RISCHIO CLINICO: Cure migliori, medici più sereni
ll diritto alla salute e ad un trattamento sanitario corretto sono dei diritti fondamentali, per ogni cittadino. E nel caso non vengano rispettati per errore di un medico negligente è giusto che un paziente possa chiedere un risarcimento adeguato. Al tempo stesso, il lavoro degli operatori sanitari richiede competenza e condizioni di serenità tali da garantire proprio questo diritto.  Ora, con la nuova legge sulla sicurezza delle cure e il rischio clinico si garantisce una maggiore serenità agli operatori e si rendono più facili e più veloci i risarcimenti per le vittime di errori medici. [segue...]
UNIONI CIVILI: I diritti sono legge
 

Erano vent’anni che delle “Unioni civili” non si riusciva nemmeno a discutere. Non solo in Parlamento, ma nemmeno all’interno del centrosinistra. PACS, DICO, sono tutte formule di tentativi falliti ancor prima di nascere. In questa legislatura, abbiamo trasformato questa lunga discussione in legge, con i voti pure di una parte del centrodestra. Cittadini che si sentivano di “serie B” e che, grazie a questa legge, dal 5 giugno 2016 non lo sono più.  Il modello a cui si ispira la legge è quello tedesco fondato, in base al principio di non discriminazione, sull’estensione dei diritti civili del matrimonio. Si pone fine così ad un dibattito che si trascinava da tanto tempo e si colma un ritardo che era stato segnalato anche dalla Corte europea dei Diritti. [segue...]

VACCINI OBBLIGATORI: Proteggiamo il futuro e la salute dei nostri figli
In questi mesi, sul tema dei vaccini, c’è stato un forte interesse dell’opinione pubblica. Purtroppo sono state diffuse anche molte notizie false, prive di qualunque fondamento scientifico, che hanno descritto i vaccini come pericolosi per la salute. Ripetiamo, notizie false. Noi però vogliamo farci carico di tutte le preoccupazioni, senza sottovalutarne nessuna, per questo le nostre scelte recepiscono le indicazioni di tutta la comunità scientifica, nazionale e internazionale. E con questa legge - grazie alla quale vengono resi obbligatori e gratuiti 10 vaccini, prima erano 4 - vogliamo proteggere per prima cosa la salute dei nostri figli.  [segue...]
WELFARE AZIENDALE: Lavoratori e imprese dalla stessa parte

Per i dipendenti del Colorificio San Marco, vicino Venezia, l’azienda mette a disposizione appartamenti gratuiti al mare per le ferie e rimborsa le spese per asili, scuole, università e master. I lavoratori della Siropack di Cesenatico possono usufruire di corsi di formazione on demand, polizze assicurative e buoni regalo per Natale. Quelli di Luxottica beneficiano di un bonus vita da 30 mila euro, una banca ore etica e baby week per l’inserimento al nido. Sono solo alcune delle possibilità che rientrano nel welfare aziendale, una cultura d’impresa che migliora la vita e la qualità del lavoro al dipendente e diminuisce i costi dell’azienda garantendone la produttività. Sembra incredibile ma non lo è: parliamo di tutti quei benefit e quelle prestazioni che, oltre allo stipendio, sostengono il reddito dei dipendenti e danno piccoli e grandi benefici alla vita privata, con conseguenze tangibili in termini motivazionali e di performance lavorativa.

 [segue...]
Dopo un iter travagliato e quattro letture parlamentari, dopo trent'anni dalla ratifica della Convenzione  Onu del 1984, l'Italia ha finalmente introdotto nel codice penale il reato di ‘tortura ed altri maltrattamenti e pene inumane e degradanti’. Come sempre, quando si toccano temi controversi - che mettono in gioco i diritti di ciascuno e di tutti anche di fronte alle ragioni della sicurezza collettiva - c’è chi si esprime criticamente su questa legge, portando ragioni certamente di rilievo. Personalmente, come sempre in questi passaggi, credo invece che le luci prevalgano sulle ombre.  Non perché la norma sia perfetta ma perché la legge rompe un'insostenibile resistenza, supera un ingiustificabile ritardo e costituisce un approdo da cui è possibile partire per altri traguardi. Meglio di trent’anni d’immobilismo, meglio dello scontro ideologico tra tesi opposte che non hanno trovato mai un punto di sintesi in questi anni.  [segue...]
"Da alcuni anni l’andamento infortunistico è in costante calo, il che sta a significare che le misure adottate per migliorare sicurezza e salubrità degli ambienti di lavoro funzionano e vanno nella giusta direzione. Ciò non toglie, tuttavia, che occorre continuare a immaginare possibili miglioramenti normativi e amministrativi, soprattutto per intervenire sulle cause che determinano ambienti di lavoro insicuri e insalubri, favorendo un diffuso processo di ammodernamento dei contesti organizzativi e dei modelli gestionali del lavoro. La prevenzione degli infortuni passa sicuramente attraverso una azione determinata contro il lavoro nero e irregolare e, più specificamente, una incisiva azione ispettiva e di controllo". L’ho detto dando il benvenuto alla Camera dei Deputati agli intervenuti alla alla presentazione del rapporto annuale dell’Istituto nazionale assicurazione infortuni sul lavoro, INAIL. Ecco il mio intervento. [segue...]
“Nato nel 1973, con una formula itinerante e totalmente gratuita, Umbria Jazz è senza ombra di dubbio  la più importante manifestazione di musica jazz italiana. Ha saputo cambiare nel tempo mantenendo tuttavia uno straordinario connubio tra musica e arte, tra le performance dei più grandi artisti Jazz del mondo e le nostre meravigliose chiese, i piccoli club, le grandi piazze. Per questo sono orgogliosa dell’approvazione a larghissima maggioranza da parte della Camera di una legge - a mia prima firma - che inserisce Umbria Jazz tra le poche grandi manifestazioni culturali di carattere nazionale e internazionale, valorizzandola e sostenendola con un finanziamento di un milione di euro all’anno". L' ho detto nell'aula di Montecitorio dove è stata approvata la legge con la  sola astensione di Lega e 5S. [segue...]
Il ddl Concorrenza è stato approvato a Montecitorio con alcune modifiche su assicurazioni, energia, telemarketing che rendono necessario il quarto passaggio al Senato che, spero, concluda  il lungo percorso di una legge che interviene a rimuovere ostacoli regolatori all’apertura dei mercati, a promuovere lo sviluppo e a garantire la tutela dei consumatori, anche applicando i princìpi del diritto dell’Unione europea in materia di libera circolazione e apertura dei mercati. Abbiamo migliorato il testo a favore dei cittadini intervenendo, tra l’altro,  per bloccare il telemarketing selvaggio e, sul fronte dell’energia, eliminando il meccanismo delle aste. [segue...]
Anche quest'anno i destinatari del Premio Langer sono mediatori, costruttori di ponti, saltatori di muri, esploratori di frontiera: soggetti indispensabili alla convivenza etnica:  Angalià – che in greco significa Abbraccio - organizzazione non governativa di assistenza umanitaria a profughi, migranti, richiedenti asilo e abitanti di Lesbo- e ad ASGI, Associazione italiana per gli Studi Giuridici sull’Immigrazione. Alexander Langer ci ha insegnato che i diritti umani sono universali, devono vivere nelle differenze di genere, etnia, territorio, cultura, latitudine. Questo il mio intervento alla cerimonia di assegnazione del premio 2017. [segue...]

La Federazione delle donne evangeliche, sorta in anni densi di fermenti e di lotte per migliorare la condizione delle donne nella società, è stata sempre all’avanguardia nel lavoro per l'emancipazione e il riconoscimento della libertà femminile, prendendo posizione via via a favore di tutte lesriforme che hanno ridefinito la condizione femminile negli ultimi decenni, dalla legge sulla maternità e paternità responsabile, per i nuovi diritti civili, per la tutela delle lavoratrici madri, contro ogni forma di violenza di genere. Ho partecipato alla tavola rotonda: "Donne e Riforma protestante: liberate dal Vangelo, nuove protagoniste nello spazio sociale" che si è svolta alla Bibioteca della Camera, questo il mio intervento.

 [segue...]
Se la crisi economica sembra aver raffreddato la dinamica degli scioperi nel privato, non succede così nei servizi pubblici nei quali le difficoltà di migliaia di lavoratori che protestano rischiano di scaricarsi sugli utenti privi di strumenti di reazione. Attenzione della politica, senso di responsabilità delle parti sociali, sanzioni, ma soprattutto prevenzione dei conflitti. Ne ho parlando aprendo i lavori della presentazione della relazione annuale della Commissione di garanzia dell'attuazione della legge sullo sciopero nei servizi pubblici essenziali che abbiamo ospitato a Montecitorio. Ecco il mio intervento. [segue...]
La presentazione della candidatura del tartufo all’Unesco quale patrimonio immateriale dell’Umanità è la piacevole conclusione della Mostra "In volo sull'Umbria" che chiuderà i battenti venerdì. Credo si possa dire che le foto aeree della nostra bellissima terra, catturate dal maestro Ficola, in queste settimane abbiano conquistato tutti coloro che hanno avuto l'occasione di vederle qui alla Biblioteca della Camera dei Deputati. Per questo, grazie alla collaborazione dell'Associazione Metamorfosi, nelle prossime settimane la mostra si sposterà ad Amalfi, dal 21 luglio al 10 settembre, e tornerà in Umbria, a Spoleto, dal 6 al al 30 ottobre. Voglio ricordare che le foto si possono acquistare e che il ricavato sarà destinato al restauro di un'opera d'arte danneggiata dal terremoto dello scorso anno. [segue...]
Musei aperti, città ospitali e godibili, paesaggio e ambiente, arte e cultura: la conferenza stampa di oggi ha rinnovato l'invito dell'Umbria a tutti coloro che amano le cose belle. Festival delle Nazioni, Festival di Todi, Sagra Musicale Umbra, Umbria Jazz e Festival dei Due Mondi: un'offerta straordinaria di eventi di grande qualità, artisti di fama internazionale, buon bere e ottimo cibo... La nostra regione è pronta ad accogliere italiani e stranieri che vogliano approfittare  di tutto questo per venirci a trovare nelle prossime settimane. Una nota di tristezza...a causa della scomparsa di Carla Fendi. Una grande donna della moda, una grande mecenate. Per la passione e generosità straordinarie con cui ha accompagnato in questi anni il Festival dei Due Mondi di Spoleto la ricorderemo con affetto e ammirazione. [segue...]

"L’Istituto italo-latino-americano sorge da una ragione, profondamente condivisa da quella parte della classe di governo che, negli anni Sessanta, volle con determinazione il centro-sinistra e che oggi credo dobbiamo riproporre con forza: la politica serve ad allargare le basi della democrazia, promuovere l’integrazione sociale e ridurre le disuguaglianze, serve ad unire ciò che è diviso, a ristabilire un senso di coesione e di comunità in società spesso minacciate da segni di disgregazione e di sfaldamento". L'ho detto, senza nascondere i punti di crisi di alcuni Paesi latino-americani, intervenendo all'incontro promosso per il cinquantesimo anniverario della fondazione dell'Organizzazione intergovernativa Italo-latino americana voluta da Amintore Fanfani. Ecco il mio intervento.

 [segue...]
Delega al governo per rivedere la disciplina delle intercettazioni, con una stretta, e l'omogeneizzazione delle spese; il superamento della legge cosiddetta 'ex Cirielli' sulla prescrizione; inasprimento delle pene per alcuni reati di allarme sociale tra cui il voto di scambio politico-mafioso; estinzione di alcuni reati perseguibili a querela in seguito a risarcimento: sono queste le innovazioni della riforma del processo penale definitivamente approvata oggi dall'Aula della Camera con il voto di fiducia. Il ministro Orlando parla di ‘giornata positiva per la giustizia italiana’, mi associo al suo giudizio. [segue...]
Il primo turno delle elezioni amministrative, nel quale erano chiamati al voto nove milioni di italiani, ci consegna alcuni dati interessanti su cui riflettere e lavorare. Nei centri principali i candidati del Pd e del centrosinistra sono in campo quasi ovunque e, dove si va al ballottaggio, se la giocano al secondo turno. Il M5S resta fuori dalle partite più significative a dimostrazione di una loro debolezza strutturale quando si tratta di essere presenti nel territorio. Ciò non significa certo che l'area del voto che si è fin qui riconosciuta in Grillo a livello nazionale sia scomparsa.Piuttosto i risultati di ieri ci dicono che anche in Italia - come nel resto d'Europa - i populisti non sono imbattibili. [segue...]
Domani si vota in Gran Bretagna mentre in Francia si sta svolgendo la campagna elettorale per l'Assemblea Nazionale: puntuale e terribile torna la minaccia terroristica a sconvolgere la vita di Londra e, seppure in una modalità ancora tutte da verificare, quella di Parigi. Il terrorismo di matrice islamica - che con Isis sta perdendo la battaglia sul terreno come ci dicono le cronache da Raqqa - non è sconfitto definitivamente. Non lo è in Europa e in Occidente, non lo è in Iraq, in Afghanistan, in Africa dove ogni giorno si contano vittime di attentati di questo o quel gruppo di fanatici. Non ci possiamo abituare al terrore, non possiamo certo abbassare la guardia e chiudere gli occhi. [segue...]
La decisione della Amministrazione Trump di abbandonare l'accordo sul clima raggiunto alla Cop21 di Parigi è preoccupante nel merito e nel metodo. Contrastare i mutamenti climatici, preoccuparsi delle generazioni future a cui dobbiamo lasciare un pianeta vivibile non è solo un dovere morale, ma anche un interesse razionale per le economie maggiormente sviluppate. Ecco perché ha fatto bene il Governo italiano, insieme ai partner europei, a rispondere con nettezza alla retromarcia di Trump e a ribadire la volontà di andare avanti ricercando la cooperazione di altri attori globali come la Cina. Ecco perché oggi il Pd sarà nelle piazze italiane insieme a tutti coloro che vogliono difendere gli Accordi di Parigi e la vita del pianeta. [segue...]
Nessuno può più negare un dato della realtà: le riforme danno frutti. Più occupati e più crescita, i dati dell'Istat confermano che il lavoro di questi anni non è stato vano. Per aprile 2017 si può parlare di ‘balzo record’ di nuovi posti e nell’ultimo trimestre il Prodotto interno lordo è cresciuto dello 0,4% portando la base annua all’ 1,2%. Dato ‘sorprendente’ per gli addetti ai lavori. Sono buone notizie, che tuttavia non ci inducono certo a considerare finito il nostro lavoro perché, se anche il tasso di disoccupazione scende all’11,1, ai minimi dal settembre 2012,  resta pur sempre troppo alto quel 34% tra i giovani. Quelle buone notizie però smentiscono chi continua a sostenere – nonostante l’evidenza dei numeri - che tutto va male e che  le riforme messe in campo non abbiano funzionato. [segue...]
Con il voto di fiducia di oggi la manovra correttiva ha il primo ok della Camera. Il provvedimento corrisponde pienamente alle richieste di Bruxelles, aggiustando i conti pubblici per 3,1 miliardi di euro, e, contemporaneamente, introducendo misure urgenti per alcune situazioni di crisi e interventi mirati per la ricostruzione e lo sviluppo nelle aree colpite dal sisma. Con il sì convinto il PD dimostra la serietà e il senso di responsabilità di una grande forza popolare e tranquilla, impegnata ogni giorno per stimolare crescita e per dare risposte concrete ai problemi concreti degli italiani, a cominciare dai meno fortunati. Distinguo all'interno della maggioranza su questi temi appaiono del tutto ingiustificati e incomprensibili. [segue...]
Ha fatto bene il Presidente Gentiloni a fare un bilancio del tutto oggettivo del G7 di Taormina. Un successo organizzativo pieno, che ha mostrato un Paese in grado di gestire al meglio, in primo luogo sul piano della sicurezza, un evento complesso e impegnativo come il vertice dei capi di Stato e di Governo delle maggiori potenze economiche mondiali.  Sul piano dei contenuti, non era realistico immaginare che i cambiamenti di leadership politica - in alcuni paesi europei, ma soprattutto negli Stati Uniti - non producessero conseguenze. In particolare su alcuni dossier le differenze tra i diversi protagonisti sono emerse con grande nettezza. [segue...]
E’ con grande gioia che saluto la decisione di Papa Francesco di chiamare alla presidenza della Conferenza Episcopale italiana l'arcivescovo di Perugia, Cardinale Gualtiero Bassetti. Un uomo di dialogo, mite ma non per questo indulgente verso le ingiustizie, apprezzato da tutti in Umbria per lo stile semplice e per la presenza discreta ma costante nei luoghi "difficili". A Perugia da otto anni e da tre fatto cardinale proprio da Papa Francesco Monsignor Bassetti è un pastore molto sensibile alle problematiche sociali, vicino al mondo del lavoro, ai poveri, ai carcerati, agli immigrati. Ora, dalla presidenza della Cei, avrà di certo qualche appuntamento in più e maggiori responsabilità nel governare una struttura complessa. A noi umbri, che abbiamo avuto il privilegio di conoscerlo in questi anni, non resta che augurargli di cuore un grande buon lavoro. [segue...]
MATTARELLA AL CSM:
Venticinque anni fa, alle 17,58 del 23 maggio 1992, sulla strada che porta da Punta Raisi a Palermo, in località Capaci, la mafia uccideva Giovanni Falcone, uno dei più grandi giudici italiani, la moglie Francesca Morvillo e gli uomini della sua scorta: Rocco Dicillo, Antonio Montinaro e Vito Schifani. Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, intervenendo ieri alla seduta straordinaria del Csm, ha ricordato le parole del magistrato: ""la mafia non è affatto invincibile e che occorre, piuttosto, rendersi conto che si tratta di un fenomeno terribilmente serio e molto grave". Aggiungeva che "si può vincere non pretendendo l'eroismo da inermi cittadini ma impegnando tutte le forze migliori della società". Vi propongo la lettura del suo intervento.   [segue...]
Come tante persone, associazioni, famiglie avevano chiesto e sperato finalmente con il voto di oggi a Montecitorio il contrasto al cyberbullismo è legge! Il voto finale al testo licenziato dal Senato consentirà di avere la nuova norma per  l’inizio del nuovo anno scolastico e di affrontare con più consapevolezza e maggiore coordinamento tra tutti i soggetti interessati un fenomeno odioso che colpisce tanti, troppi, bambini e adolescenti. Le nuove tecnologie digitali hanno determinato cambiamenti profondi e rapidi, ponendo sfide educative inedite per le famiglie e per la scuola e imponendo compiti nuovi per le forze dell'ordine, per il sistema dei servizi sociali e sanitari. [segue...]
Si può uscire dal corto circuito politica-giustizia-comunicazione? O siamo destinati a vedere ogni giorno qualche intercettazione illegalmente trasmessa alla stampa e illegalmente pubblicata così da celebrare un finto processo sulle prime pagine dei giornali? Ieri Renzi ha risposto con un post che in tanti, me compresa, hanno letto e condiviso sul presunto scoop de "Il Fatto Quotidiano".  C’è davvero da augurarsi che la giustizia faccia rapidamente il suo corso cosi da far emergere la verità e le responsabilità di chi in questa vicenda sta giocando sporco. Non mi rassegno all’idea che tra i politici, tra i magistrati, tra i giornalisti non prevalgano coloro che comprendono i rischi che si stanno producendo. [segue...]
ll ministro Franceschini firma il decreto di riparto dei fondi per le attività culturali nelle aree del terremoto. Un altro passo concreto per la rinascita delle aree colpite dal terremoto, per il rilancio del turismo per contrastare i rischi dello spopolamento. I 4 milioni stanziati con il "Milleproroghe" sono stati ripartiti sulla base di due criteri: una quota del 60% attribuita in maniera eguale a tutte le Regioni per garantire risorse minime per realizzare eventi culturali. La restante parte del 40% è stata attribuita proporzionalmente ai danni subiti, destinando una cifra superiore in particolari alle Marche. Dal riparto l'Umbria riceverà circa 824 mila euro. [segue...]
Non posso che esprimere grande soddisfazione per il voto di oggi in Ufficio di Presidenza sul ruolo unico del personale. E’ una tappa essenziale di un lavoro lungo che ci ha impegnato in questa legislatura e che avvia un processo ambizioso di cambiamento. Si avvicina un modello organizzativo più moderno ed efficiente, capace di valorizzare le competenze e premiare il merito, integrando le strutture di Camera e Senato, superando sprechi e duplicazioni. In una società che cambia rapidamente, con nuovi strumenti tecnologici a disposizione, con una cittadinanza sempre più esigente, motivare e coinvolgere le risorse umane sarà indispensabile per produrre innovazione e migliori capacità di risposta. [segue...]
I terroristi cambiano volto, bersagli, strategie, ma sempre, in ogni epoca, colpiscono donne e uomini innocenti. Persone impegnate nella vita politica o sindacale che credono nella  democrazia;  ragazzi e ragazze per le strade durante uno spettacolo o una manifestazione;    giornalisti innamorati della verità e delle istituzioni; uomini e donne delle forze dell'ordine che fanno della sicurezza dei cittadini il dovere di ogni giorno... Accanto a loro sono stati ricordati gli italiani caduti negli attentati compiuti dal terrorismo internazionale a Parigi, Bruxelles, Tunisi, Nizza, Berlino. La nostra forza, che viene dai valori di umanità e di solidarietà, è la sola che può sconfiggere settarismi e radicalismi di ogni segno e colore. [segue...]
“Il compito che ci aspetta è immenso (...) Oggi inizia un’era di speranza e di fiducia. So che ci sono rabbia e paure, lotterò per farle scomparire”. Con queste parole Emmanuel Macron, il neo presidente francese comincia il suo difficile viaggio. Non era scontato, anzi in molti avevano pronosticato che l’onda populista, razzista, antieuropea avrebbe travolto la Francia. Non è stato così, anche se il 34,1% alla Le Pen non è affatto da sottovalutare, e quell'onda potrebbe rigonfiarsi se non si troveranno soluzioni democratiche e riformiste alle paure che l’alimentano. Come democratici italiani abbiamo creduto e tifato perché avesse la meglio Macron, per la sua chiara e netta posizione a difesa di un’Unione Europea di libertà e pace, capace di superare le rigide regole dell'austerità e di sconfiggere protezionismi e sovranismi. [segue...]
Le donne e i bambini non sono numericamente la porzione prevalente dei migranti che raggiungono in questo momento il nostro Paese e l’Europa. Sono però spesso i soggetti più a rischio, quelli che subiscono le violenze peggiori, nel viaggio e anche dopo l'arrivo. Le donne prime vittime dunque, ma possono anche essere protagoniste delle soluzioni più avanzate. L'ho detto intervenendo alla Conferenza interparlamentare dei Paesi del G7/G20  che si svolge a Montecitorio oggi e domani dal titolo "Le sfide di un mondo in movimento: uguaglianza di genere, agency delle donne e sviluppo sostenibile" alla cui inaugurazione ha partecipato anche la Consigliera di Stato del Myanmar Aung San Suu Kyi. Ecco il mio intervento. [segue...]
La globalizzazione economica e la straordinaria rapidità del progresso tecnologico ci pongono di fronte sfide inedite: come promuovere le opportunità e contrastare i rischi, come ridurre le diseguaglianze tra gli Stati e all'interno degli Stati. Equità e sostenibilità appaiono essere sempre più caratteri indissolubili e indispensabili di uno sviluppo umano capace di garantire il futuro alle prossime generazioni. Promuovere una visione globale comune è il modo migliore per identificare strade condivise e obiettivi realmente raggiungibili. L'ho detto aprendo i lavori del Global Sustainability Forum a Montecitorio. Ecco il mio intervento. [segue...]
La questione migranti non è un reality show: ci sono donne, uomini e bambini veri che scappano da guerre o fame; ci sono donne e uomini veri che - in divisa o volontari - cercano di salvare chi rischia di morire tra le onde del mare; ci sono criminali veri - certificati o celati dietro facce rispettabili - che si arricchiscono sulla loro pelle: c’è chi dà una mano e cerca soluzioni ragionevoli e chi fa propaganda parlando di muri e fili spinati… Mi domando a cosa servano le accuse non provate alle ONG impegnate nel Mediterraneo da parte di chi ha il compito di applicare le leggi e perseguire i criminali, mi domando a che servano quei politici che schiacciano un pisolino in un centro d’accoglienza al solo scopo di farsi fotografare e finire sui media per un giorno ancora. [segue...]
La Camera dei Deputati ricorda, a 80 anni dalla morte, Antonio Gramsci - politico, filosofo, giornalista, linguista, critico letterario, tra i fondatori, nel 1921, del Partito Comunista italiano -  con una grande mostra dal titolo: "Gramsci. I Quaderni e i libri del carcere" allestita nel Corridoio dei Busti di Montecitorio che è stata inaugurata oggi alla presenza del Capo dello Stato, Sergio Mattarella.  La mostra propone, per la prima volta insieme,  i Quaderni del carcere e una selezione di libri posseduti da Gramsci durante la detenzione: si tratta degli originali dei 33 Quaderni e di 100 volumi, tra libri e riviste, esposti accanto alla loro versione digitale. I manoscritti possono essere sfogliati integralmente mentre i volumi sono accompagnati dai giudizi di Gramsci tratti dai Quaderni e dalle Lettere. [segue...]
Mentre si rincorrono le ipotesi sul futuro prossimo di Alitalia e dei suoi dipendenti, emergono alcuni punti fermi:  né nazionalizzazione né abbandono della compagnia e dei lavoratori.  L’Esecutivo si è mosso immediatamente con l’Europa e il vertice di ieri pomeriggio a palazzo Chigi tra il presidente del Consiglio  e i ministri competenti mostra l’interesse del governo a intervenire nell’emergenza per favorire soluzioni future. Il risultato del referendum, con la vittoria del “NO” all’intesa raggiunta tra azienda, sindacati e governo, probabilmente nasconde la speranza di un ennesimo salvataggio statale di un’azienda da troppi anni in perdita, con sperperi ingiustificati, alcuni privilegi e poca visione strategica in una fase di cambiamento profondo del trasporto aereo ovunque in Europa e nel mondo.   [segue...]
Il primo turno delle presidenziali francesi è stato un terremoto per il sistema politico tradizionale d'Oltralpe. Il candidato della destra arriva terzo e quello del Partito Socialista si ferma ad una percentuale decisamente bassa. La candidata del FN Marine Le Pen va al ballottaggio, ma arriva seconda mentre Macron con il suo movimento En Marche riceve un consenso straordinario. Se da un lato il voto mostra tutta la crisi dei partiti tradizionali e getta interrogativi non da poco sulla composizione della prossima Assemblea Legislativa, dall'altro segnala la possibilità concreta di porre un argine al populismo della destra radicale. Nessun risultato è scontato per il secondo turno del 7 maggio. [segue...]
Il testo sul "consenso informato e  disposizioni anticipate di trattamento" che oggi la Camera approva offre finalmente all’Italia una legge giusta, equilibrata, a tutela dei diritti e della dignità di ogni persona malata. Ora dobbiamo tutti lavorare per l'approvazione da parte del Senato.  La complessità della materia, le implicazioni scientifiche, ma anche etiche e religiose che accompagnano temi come quelli che riguardano la vita e la morte, ma soprattutto le opposte faziosità di chi vuole vietare tutto e di chi vuole permettere tutto, hanno bloccato per anni la legge, affidando purtroppo i singoli casi drammatici ai giudici o alle strutture di altri Paesi. [segue...]
Ha anche un versante italiano il clima di oppressione politica e di gestione autocratica instaurato da Recep Tayyip Erdogan che soltanto due giorni fa, con il 51% dei voti, ha ottenuto la riforma costituzionale che trasforma quel paese alle porte di casa nostra in un regime “iperpresidenziale”. E’ la detenzione  di Gabriele Del Grande, il giornalista e documentarista italiano che dallo scorso 10 aprile si trova in carcere. A lui, ai suoi familiari, ai suoi colleghi ed amici dobbiamo assicurare il massimo impegno del nostro governo affinché venga al più presto liberato e possa tornare a svolgere il suo lavoro. Ma certo l'esito del referendum in Turchia pone interrogativi ben più ampi e rilevanti. [segue...]
Affrontare la questione del flussi migratori in modo strutturale tenendo insieme i diritti di chi arriva e i diritti di chi ospita, garantendo l’accoglienza e l’asilo a chi ne ha diritto e rendendo efficaci le espulsioni e i rimpatri di chi non ne ha i requisiti.  Con questi obiettivi, senza rinunciare all’umanità, senza dare spazio agli estremisti delle porte aperte o dei muri, abbiamo approvato il decreto migranti in via definitiva.
Il potenziamento delle Commissioni Territoriali per l'asilo e dei Tribunali che si occupano più spesso di immigrazione e protezione internazionale con la creazione di sezioni specializzate e con nuove assunzioni, permetteranno di far fronte al boom di richieste di asilo. [segue...]
Invertire il circolo vizioso della corruzione e della sfiducia, premiare le imprese sane che stanno nel mercato secondo le regole, aiutare gli imprenditori che scelgono la trasparenza e la legalità ad attuare le regole... Ho voluto centrare il mio saluto istituzionale al convegno su “Il nuovo falso in bilancio: falso valutativo e i suoi riflessi sui reati tributari” -  che abbiamo ospitato nella sala del refettorio a Palazzo San Macuto e che ha visto la partecipazione di autorevolissimi e competenti relatori  – su alcune brevi considerazioni sulle riforme in materia di reati societari che hanno caratterizzato questa legislatura. Un tema centrale nel dibattito istituzionale e politico almeno sotto due profili:  quello della salute economica del sistema Paese e quello della corruzione.   [segue...]
Oltre 266.000 (le cifre, tutte, sono ufficiose. quelle ufficiali sono in arrivo...) iscritti ed iscritte al Partito Democratico hanno scelto di recarsi presso i propri circoli per votare il loro candidato segretario. Una prova di democrazia e di partecipazione che solo il Pd in Italia riesce e promuovere ed organizzare, un patrimonio importante per tutto il centrosinistra. Tra gli aderenti una grande maggioranza (intorno al 68%) ha votato per Matteo Renzi, per continuare la sfida riformista, per ripartire con un partito aperto e rinnovato. Credo che tra gli iscritti il voto a Renzi sia anche un messaggio per l'unità del Pd, una presa di distanza da coloro che hanno scelto la scissione.  Ora la parola passa agli elettori e alle elettrici che il 30 aprile troveranno gazebo e seggi nelle loro città per poter dire la loro, votando tra i tre candidati quello che ritengono più adatto a guidare il Partito Democratico verso le prossime elezioni. [segue...]
Oggi l’Italia fa uno straordinario passo avanti sulla strada della solidarietà, dei diritti, dell’integrazione. E lo fa proteggendo i più vulnerabili, i minori stranieri non accompagnati che ogni anno - da gennaio sarebbero circa 3000 secondo Save The Children – arrivano nel nostro Paese. Con  375 favorevoli e 13 contrari, la Camera ha approvato in via definitiva la proposta di legge che recepisce pienamente i principi fondamentali della Convenzione delle Nazioni unite sui diritti dell’Infanzia e dell’adolescenza garantendo così alle bambine e ai bambini che arrivano in Italia senza genitori protezione e accoglienza. Un grande lavoro è stato fatto dalle deputate del Partito Democratico, a partire dalla prima firmataria della proposta di legge, Sandra Zampa e dalla relatrice Barbara Pollastrini che hanno saputo portare a quella convergenza che si riscontra nel voto quasi unanime di oggi. [segue...]
"Cinquant'anni non sono bastati. Le carriere delle donne a partire dalla sentenza n. 33/1960 della Corte Costituzionale". Mi ha fatto molto piacere salutare oggi a Montecitorio le tante persone riunite per iniziativa della Sottosegretaria Paola De Micheli nella Sala della Regina per la presentazione di un volume, curato da Anna Maria Isastia e Rosa Oliva, che ci ha permesso di fare il punto sulla presenza delle donne nelle professioni, nella Pubblica Amministrazione, nelle imprese, nello sport, nella politica. Un libro molto utile, che raccoglie molti contributi diversi e che ripercorre attraverso tre parti - come eravamo, come siamo, come saremo - la lunga marcia delle donne verso la parità e le pari opportunità. [segue...]

Vi propongo la mia relazione all’inaugurazione dell’ VIII edizione del Master di II livello in "Processi decisionali,, lobbying e disciplina anticorruzione in Italia e in Europa" dell'Università di Torvergata che abbiamo ospitato alla Camera dei Deputati. Mi sono soffermata su: “La risposta della politica alla domanda di regolazione” perché, come forse sapete, Montecitorio si è dotato dall'8 febbraio scorso del regolamento dell'attività di rappresentanza di interessi nelle sue sedi. Ecco il mio contributo.
L’attività di lobbying – o, meglio, l’attività di rappresentanza di interessi o di relazione istituzionale svolta dai gruppi di pressione per influire sul processo decisionale – è da tempo un fenomeno con il quale i Parlamenti devono confrontarsi e che sono chiamati a regolare.

 [segue...]
”EQUITA', RIGORE, 2,4 MILIONI DI RISPARMIO CONTRO PROPAGANDA E RISPARMI ZERO”
L'ufficio di presidenza della Camera, approvando la nostra proposta sui vitalizi, ha assunto una misura di equità e di rigore che incide sui trattamenti più alti dei deputati che percepiscono il vitalizio secondo il vecchio sistema. Anziché la propaganda a noi stanno a cuore i dati concreti. La proposta del M5S non comportava alcun risparmio e non teneva conto dell'abolizione dei vitalizi parlamentari avvenuta nel 2012. Una riforma radicale che ha segnato per tutti i parlamentari in carica il passaggio dal regime retributivo a quello contributivo e che ha portato a 65 anni l'età minima per percepire l'assegno.

Quella riforma non incideva, né poteva sul passato e questa è l'anomalia sulla quale, tenendo conto della giurisprudenza più recente in materia, oggi interveniamo. [segue...]

 La risposta a chi, nascondendosi nel buio,  imbratta i muri di una cittadina del Sud relegando la sua rinascita alla sottomissione alle cosche -  una sottomissione eterna che però ha portato soltanto un’arretratezza endemica -  la stanno dando quei parenti delle vittime, quei ragazzi e quelle ragazze, quegli amministratori onesti che stanno riempiendo le strade di Locri dietro a uno striscione che parla di  “luoghi di speranza  e di “testimoni di bellezza”. L’associazione Libera di Don Ciotti, che ieri è stato fatto bersaglio dalle scritte sui muri del vescovado di Locri, ha scelto questa difficile piazza per celebrare la XXII Giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie. [segue...]
Cancellare i buoni lavoro o limitarli alle famiglie? I 133,8 milioni di voucher venduti nel 2016 danno l’idea di uno strumento che, nato per scoraggiare il lavoro nero riconoscendo l'esigenza di flessibilità in ambiti specifici, è esploso senza alcun controllo mascherando probabilmente sotto un velo di legalità assunzioni a lungo termine e part time. Quale che sia la strada che alla fine il Governo sceglierà sono convinta che nel medio periodo dovremo tornare a ragionare con calma su come consentire e tutelare il lavoro temporaneo impedendo abusi. Tuttavia se non ci sono le condizioni per trovare una soluzione ragionevole ed efficace nel merito - e il tempo da qui alla scadenza del 28 maggio è breve - credo che in questo momento la priorità sia evitare il referendum. [segue...]
 Un’altra visione dell’Europa è possibile. Il voto olandese ci dice che è possibile arginare i populismi e lavorare - a partire dai paesi fondatori - per una narrazione positiva dell'Unione Europea. Il premier uscente Rutte ha subito un calo ma ha resistito; il partito euroscettico e anti immigrati di Wilders ha guadagnato limitati consensi e non ha sfondato.  Quella che pareva un’ondata inarrestabile è stata frenata forse anche grazie alla netta presa di posizione di Rutte nei confronti della Turchia.   L'ipotesi della Nexit esce dall'agenda politica europea e questo, senza voler trarre dal voto di ieri in Olanda conclusioni generali, è un elemento che ci fa guardare con fiducia anche alle  prossime delicate consultazioni in Francia e Germania. [segue...]
“Una polemica sul nulla, che punta a delegittimare il lavoro del Parlamento immotivatamente.  Una polemica che l’informazione rilancia ogni qualvolta ritenga  - a suo insindacabile giudizio - che un argomento debba interessare al Paese e dunque ai suoi rappresentanti nelle istituzioni”. L'ho detto commentando le notizie di oggi sui media nelle quali si è dato risalto all’aula di Montecitorio vuota durante la discussione generale del provvedimento sul testamento biologico. Essere giudicati per il nostro lavoro dai media è il sale della democrazia, ma denigrare le istituzioni e chi momentaneamente ne fa parte facendo di tutta l’erba un fascio, è alimento all’antipolitica e al qualunquismo. E, sinceramente, non se ne sente alcun bisogno” [segue...]
Sostegno all’inclusione sociale e lavorativa vincolato all'adesione ad un percorso di accompagnamento da parte dei servizi: un impegno mantenuto per venire incontro alle famiglie, alle persone maggiormente in  difficoltà, il cui numero è significativamente aumentato in questi duri anni di crisi.  E’ un risultato importante, storico, che fa sì che da oggi l’Italia non sia più l’unico Paese europeo a non prevedere una misura universale di contrasto alla povertà. Un passo avanti significativo dalla parte degli ultimi, un altro tassello della scelta sociale perseguita dal Partito democratico. Stupisce, ma poi neppure più di tanto, il voto contrario del M5S che promette miracoli a parole, ma nei fatti nega qualsiasi contributo  per dare risposte concrete alle fasce più disagiate del Paese. [segue...]
La Giornata internazionale della donna acquisisce ogni anno centralità diverse, ma i grandi temi: dalla lotta alla violenza al diritto al lavoro, dalla salute delle donne alle pari opportunità nella vita politica e istituzionale, restano sempre qui a ricordarci la strada fatta e quella da fare. E così in questo 8 marzo 2017, nel quale alcune organizzazioni femministe in molti paesi del mondo hanno chiamato allo sciopero contro la violenza di genere, credo abbia fatto molto bene il Presidente della Repubblica Mattarella a mettere al centro della cerimonia al Quirinale l'impegno delle donne per la pace. Un omaggio alle donne costruttrici di pace, nei paesi in conflitto come l'Afghanistan, lungo le coste italiane dove approdano migliaia di disperati, nelle periferie delle nostre città e nei luoghi in cui la malavita organizzata tocca la vita quotidiana dei bambini e delle bambine. [segue...]
E’ straordinariamente importante che questa legislatura abbia portato a compimento l’approvazione della legge delega con cui il Governo sarà chiamato a riorganizzare e rafforzare il sistema di Protezione civile. Un sistema simbolo dello Stato amico dei cittadini, indicatore del grado di civiltà di un Paese, in particolar modo di un Paese come il nostro caratterizzato da un'enorme fragilità. Non possiamo che ringraziare le colleghe e i colleghi che hanno presentato e sollecitato in questi anni l'approvazione di questo provvedimento che tra l'altro ha visto un'ampia convergenza e il contributo di tutte le forze parlamentari. La legge di riforma arriva peraltro dopo i drammatici terremoti che dall’estate scorsa hanno colpito l’Italia centrale, una calamità di estensione e dimensione eccezionale. [segue...]
"Questo congresso segnerà comunque una cesura. Penso che Renzi abbia chiaro che ha bisogno di allargare il raggio delle sue forze, delle sue energie. Ha bisogno di una maggiore collegialità. Mi aspetto molto dal Lingotto. Io credo che Renzi abbia le caratteristiche di un leader, ma  ha capito, proprio perché è un leader, che adesso si apre una fase nuova. Se vuole tornare  ad esercitare la sua leadership deve allargare e sono convinta  che lo farà con quelli che lo voteranno e poi, se vincerà il congresso, anche  con quelli che non lo avranno votato”. L' ho detto intervenendo a Studio 24 la trasmissione di Rainews24 condotta da Roberto Vicaretti. [segue...]
Meno convegni, più teatro? Sì se, per riflettere su chi sono e cosa vivono le donne del terzo millennio, ci aiuta per il secondo anno la rassegna 'Una stanza tutta per lei', che richiamando Virginia Wolf, ci porta a pensare, ridere, piangere insieme - donne e uomini – in un teatro e non sole, soli, davanti a uno schermo, un tablet o un telefonino.  Per questo sono stata contenta di partecipare alla conferenza stampa che stamattina, qui alla Camera dei deputati, ha rilanciato la rassegna che si svolgerà dal 9 marzo al 14 maggio al Brancaccino di Roma.  E’ importante quello che facciamo qui dentro nella legislatura più femminile della storia, anche come Intergruppo parlamentare delle donne, ma è fondamentale il legame con l’esterno e con iniziative come questa che ci aiutano a fare meglio il nostro lavoro. [segue...]
Sono molto colpita dai toni e dai titoli dei giornali di oggi sulla drammatica scelta compiuta ieri da Fabiano Antoniani. Una scelta - quella del suicidio assistito - che avrebbe bisogno di rispetto e riflessione e che invece è divenuta ancora una volta oggetto di uno scontro frontale e ideologico tra favorevoli e contrari. Con un punto in comune tra i due fronti: la condanna alla politica, ai politici, incapaci di decidere con una legge sulla materia. Ma, mi domando, siamo sicuri che la politica abbia tutta questa responsabilità? O non è invece chiaro che posizioni così violentemente distanti nella società - che la comunicazione contribuisce a rendere più forti e nette - spingono in realtà la politica a rendere impossibile una sintesi, un compromesso, una mediazione accettabile? [segue...]
Ospiti alcune donne palestinesi con disabilità, per iniziativa della Ong EducAid Onlus insieme alla RIDS (Rete Italiana Disabilità e Sviluppo)oggi a Montecitorio abbiamo approfondito temi connessi alla cooperazione internazionale quali lo sviluppo inclusivo, l'accessibilità, l'impresa e l'innovazione sociale come strumenti di inclusione. All'evento patrocinato dalla Camera e realizzato in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri (Mae) e l'Agenzia italiana per la Cooperazione allo sviluppo, sono intervenuta per un saluto istituzionale, ma non formale. Ecco il mio intervento e la registrazione video del convegno. [segue...]
Preoccupazione, sconcerto, rabbia e poi anche orgoglio, fiducia, voglia di ripartire: questi i sentimenti - anche contrastanti- con cui lascio Roma dopo l'Assemblea che ha aperto la fase congressuale. Ho ascoltato molti interventi importanti alcuni dei quali - primi fra tutti quelli di Fassino, Veltroni, Franceschini- hanno messo perfettamente in luce il valore del Pd, la necessità di salvaguardare il progetto di un grande partito riformista per l'Italia e l'Europa di domani. Ho ascoltato anche le parole di alcuni esponenti della minoranza da cui onestamente si fatica a trarre motivazioni sufficienti per una scissione.

  [segue...]

Con Nicola Corda, per i quotidiani locali del Gruppo Espresso, ho parlato di questi giorni difficili per il Pd. Vi propongo le pagine de La Gazzetta di Mantova, ma potete trovarla anche su altri quotidiani del gruppo.

 "Lo spazio per evitare la scissione è poco e lo scontro sulle date è assurdo". Marina Sereni vicepresidente della Camera ed esponente di Areadem che fa capo al Ministro Franceschini, è preoccupata dallo show down nel Pd.
Che margini ci sono per evitare la scissione?

"Molto stretti purtroppo. Siamo a un passaggio delicatissimo e chi come me crede nel Pd spera in un avvicinamento delle posizioni. Ci possono essere soluzioni diverse e mediazioni, ma non ci si può dividere prima di un congresso" [segue...]

Una crescita economica troppo lenta e un rapporto tra occupati e pensionati troppo basso continuano a rappresentare un problema reale. Infatti l'ultima riforma, la Fornero, è stata disegnata immaginando un tasso di crescita dell’1,5% annuo e oggi ci sono 1,4 soggetti attivi per ogni pensionato. Il che dovrebbe indurre ad intervenire con più decisione sulla piaga della disoccupazione giovanile e, forse, anche consigliare di guardare con altri occhi ai fenomeni migratori...Spunti per una riflessione affidata ad illustri studiosi che hanno partecipato alla redazione del Rapporto n.4 sul Bilancio del sistema prevideniale italiano presentato oggi a Montecitorio. Ecco il mio saluto ai relatori. [segue...]
Se, com'è giusto dopo la Direzione di ieri, la prossima Assemblea nazionale del Pd avvierà l'iter congressuale avremo una grande responsabilità di fronte al Paese. Siamo l'unico partito che fa i congressi in modo democratico e regolato. Dalla fine della Prima Repubblica ad oggi a destra non hanno mai (ripeto mai) avuto un processo organizzato per decidere linea politica e leadership mentre nel Movimento 5S si è passati dal mito dello streaming e dei meet up alle chat più o meno riservate tra un click e un altro senza alcuna verificabilità e trasparenza. Basterebbe questo per farci comprendere che il Congresso del Pd non riguarda solo gli iscritti e gli elettori del nostro partito. Spero sia chiaro a tutti i protagonisti del nostro confronto interno. [segue...]
"Non posso che esprimere grande soddisfazione per l’approvazione da parte dell’Ufficio di Presidenza della mia proposta di regolamento sull’attività di rappresentanza di interessi nelle sedi della Camera dei Deputati. Tra un mese diventerà esecutiva  una delibera che consentirà a tutti i soggetti che intendono esercitare in maniera trasparente l’attività di lobbying di iscriversi ad un Registro sulla base del quale, nel rispetto delle norme generali che disciplinano la presenza all’interno delle sedi della Camera, potranno ottenere un titolo di accesso annuale, presentare proposte e position papers sui provvedimenti in discussione, contattare i deputati ed interloquire con loro, avere uno spazio dedicato in via sperimentale in occasione dell’esame dei provvedimenti più significativi". [segue...]
"Non possiamo non trovare un equilibrio tra i diversi elementi, non possiamo concludere la legislatura senza aver definitivamente approvato la legge contro il cyberbullismo.
L'ho detto aprendo i lavori della conferenza di approndimento e confronto organizzata da Telefono Azzurro qui a Montecitorio in occasione della XIV edizione del 'Safer Internet Day', evento istituito e promosso dall'Unione europea al fine di perseguire gli obiettivi fissati dall'Agenda digitale per l'Europa  e nella strategia Europa 2020. Importante prevenire e non lasciare soli i ragazzi vittime di bullismo, cerchiamo insieme le strade migliori per rendere internet un luogo sempre più sicuro.
Ecco il mio intervento. [segue...]
Massimo Severo Giannini, anni orsono, affermava che la nozione di servizio pubblico "resta tra le più tormentate", eppure la fornitura efficiente e non discriminatoria dei servizi di interesse generale, come tutti sappiamo, costituisce fattore nevralgico per la crescita e lo sviluppo economico ed è, al contempo, fonte di coesione sociale e di cittadinanza civile, presupposto fondamentale per il godimento dei diritti fondamentali di ciascuno. Ne parliamo con esperti, politici, giuristi al convegno "A proposito di società partecipate dai pubblici poterri e di servizi pubblici locali: regimi d'impresa e diritti della collettività" promosso dalla Camera dei deputati e dal Dipartimento di Scienze Giuridiche dell'Università degli Studi di Roma "La Sapienza". Ecco il mio intervento.  [segue...]
“Credere, tradire, vivere. Un viaggio negli anni della Repubblica” è il titolo dell’ultimo libro di Ernesto Galli della Loggia storico, giornalista, editorialista del Corriere della Sera che abbiamo presentato a Montecitorio insieme alla professoressa Mancina, al ministro Delrio e al professor Sabatucci. Un racconto dei settant'anni della storia della Repubblica fatto con una voce non impersonale, intrecciando vicende pubbliche e opinioni e scelte dell’autore.  Le interpretazioni storiche sbagliate e parziali del fascismo e dell’antifascismo; l’ambiguità e i ritardi del Pci che voleva essere, era e si percepiva insieme come parte del comunismo internazionale e architrave della democrazia italiana; la stagione del compromesso storico; l’ascesa al potere di Craxi; il crollo della Prima Repubblica...". [segue...]
"La visita del Ministro Franceschini oggi a Norcia e a Spoleto conferma l'attenzione e l'impegno del Governo, accanto a quello della Regione, dei Comuni e di tutto il Sistema della Protezione Civile, per la messa in sicurezza e la ricostruzione dell'enorme patrimonio culturale danneggiato dal sisma. Non solo la Basilica di San Benedetto, simbolo dell'identità religiosa e culturale della nostra terra, ma anche le altre chiese di Norcia e delle frazioni così come l'Abbazia di Sant'Eutizio, richiederanno oggi e per molto tempo un impegno di tutte le competenze del Mibact, della Regione, della Curia, delle imprese specializzate in restauro in Umbria e in Italia. Un lavoro di lunga lena per il quale serviranno le risorse finanziarie, ma anche la capacità di collaborazione tra tutti i soggetti pubblici e privati coinvolti". [segue...]
Mi sono rivolta in particolare ai giovani, alle ragazze e ai ragazzi che hanno bisogno di capire chi sono stati e chi sono i 'Giusti', donne e uomini normali, non eroi che di fronte alla banalità del male hanno saputo, sanno, dire di no. Persone che non hanno chiuso, non chiudono,  gli occhi alla loro coscienza. L'ho fatto salutando gli intervenuti al convegno "Dalla memoria della Shoah ai Giusti del nostro tempo" che si è tenuto a Montecitorio durante il quale è stata annunciata la proposta di istituire per legge - proposta firmata dai colleghi Santerini e Fiano e da altri deputati - la giornata dei Giusti dell'umanità legando memoria e presente. [segue...]
"Un anno fa Giulio Regeni, giovane ricercatore italiano, dottorando dell’università di Cambridge, sparisce nel nulla al Cairo dove stava lavorando, mentre si stava recando a piazza Tahrir per un appuntamento con un amico. Un anno durante il quale, tra silenzi e depistaggi, è emersa una sola certezza: Giulio è stato torturato per giorni da più persone. E’ morto dopo aver subito percosse, bruciature, tagli, colpi di bastone, coltellate. E’ morto a 28 anni, mentre, come ci conferma l’ultimo video reso noto dalla televisione egiziana, con rettitudine e onestà svolgeva la sua ricerca sui sindacati indipendenti egiziani".   [segue...]
Un piccolo pacchetto di emendamenti al Decreto sulla Coesione Territoriale in discussione a Montecitorio per correggere le norme vigenti in alcuni punti e per portare all’attenzione delle istituzioni nuove problematiche che emergono nella dura situazione di persone, famiglie, imprese delle aree maggiormente colpite dal terremoto nelle regioni del Centro-Italia. Porta la firma dei parlamentari di tutti i gruppi politici (Partito Democratico, M5S, Fi, Si-Sel, Civici e Riformatori)  eletti in quelle aree, a cominciare dalla mia e quella dell'altro vicepresidente Simone Baldelli, insieme agli altri deputati. [segue...]
"Sono giorni e ore di trepidazione per la sorte delle persone ospiti dell'Hotel Rigopiano sul Gran Sasso travolto dalla slavina. Sono giorni e ore di paura e di disagi pesanti per le popolazioni del Centro Italia colpite dal terremoto e dal maltempo. Di tutto hanno bisogno quei cittadini tranne che di polemiche e divisioni. Di tutto hanno bisogno i funzionari, i militari, i volontari impegnati in quei territori a portare i soccorsi fuorché di critiche senza costrutto da chi sta al caldo dietro una telecamera. La Protezione Civile, i Vigili del Fuoco, il Commissario Errani, i Presidenti delle Regioni, i Sindaci delle zone colpite stanno lavorando da mesi". [segue...]
L’Ufficio di Presidenza di Montecitorio ha avviato oggi l’esame della proposta di regolamentazione dell’attività di rappresentanza di interessi nelle sedi della Camera dei Deputati, che ho avuto l’incarico di predisporre sulla base di una decisione della Giunta del Regolamento di alcuni mesi fa. Alcuni colleghi hanno chiesto ancora qualche giorno per riflettere ed eventualmente presentare proposte emendative - c'è tempo fino al 26 gennaio - , ma credo di poter dire che la direzione di marcia è tracciata. Quando l’ipotesi di delibera sarà perfezionata e approvata la Camera dei Deputati istituirà per la prima volta il Registro dei soggetti che svolgono professionalmente attività di rappresentanza di interessi nei confronti dei deputati con l’obiettivo di rendere pubblica e trasparente l’iniziativa delle cosiddette 'lobby'. [segue...]
"E' giusto che l'Ue chieda agli Stati membri di avere conti in ordine e finanze a posto, ma lo stesso rigore deve essere utilizzato anche quando gli Stati sono inadempienti sull'immigrazione e altri dossier. Lo stesso impegno ci sia per favorire la crescita e l'occupazione". Le parole sono del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, oggi ad Atene, durante il suo colloquio con il presidente Prokopis Pavlopoulos.  Parole sagge che condivido in pieno,  sempre e comunque, ma che oggi assumono per me un significato ancor più condiviso mentre leggo della conferma dell’arrivo della lettera della Commissione Europea al nostro Tesoro. [segue...]
"Vecchio e nuovo si mischiano in questa vicenda, ancora per molti aspetti oscura, che vede due fratelli tenere sotto controllo, da vari anni, computer e cellulari di politici, banchieri, imprenditori, cardinali… Dal Grande Oriente d’Italia, versione P4, a un sistema di cyberspionaggio che utilizza tutte le possibilità delle nuove tecnologie.  Renzi, Draghi, Monti, Ravasi, Saccomanni, Fassino…I nomi già resi noti sono molti e molti ancora non si conoscono, come ci vorrà ancora molto per chiarire perché e soprattutto per chi Giulia e Francesco Occhionero raccogliessero così tante informazioni, spiassero così tante persone. Potere? Soldi? E’ una vicenda inquietante che ci mette di fronte alla realtà: non esiste più una sfera totalmente protetta per chi usa un pc o uno smartphone". [segue...]
"Tutela del risparmio, maggiore solidità e trasparenza del sistema bancario italiano: su queste due direzioni, che sono le due facce della stessa medaglia, si è mosso il Parlamento in questi mesi. E lo abbiamo fatto anche oggi con le mozioni concernenti iniziative in relazione alla crisi delle nostre banche convinti che il confronto tra le diverse forze politiche all'interno delle istituzioni parlamentari possa e debba produrre qualcosa di buono. Per tutelare il risparmio e dare solidità agli istituti di credito abbiamo fatto molto, ma molto resta ancora da fare.  Le criticità che stiamo attraversando dimostrano che serve prevenzione e contrasto delle condotte scorrette da parte degli amministratori delle banche". [segue...]

"Con il 78,5 % dei voti online poco fa è stata approvata la proposta di Grillo per il passaggio dei parlamentari europei del M5S dal gruppo degli euroscettici di Farage a quello degli "euroentusiasti" dell'ALDE. Due elementi colpiscono di questa vicenda. Il primo riguarda le modalità con le quali Grillo ha posto la questione: senza alcuna discussione con i parlamentari, senza alcun confronto interno e in fondo senza alcuna reale verificabilità sul pronunciamento degli iscritti. Non è la prima volta che questo accade,  da ultimo un analogo metodo è stato seguito nel caso del cosiddetto codice etico".

 [segue...]
A chiusura di questo 2016 ho voluto  arricchire il mio sito (www.marinasereni.it) con alcune informazioni che danno conto della mia attività istituzionale. In questa legislatura, ricoprendo l'incarico di vice presidente vicario della Camera dei deputati, il mio lavoro parlamentare si è profondamente modificato rispetto alle esperienze precedenti di semplice deputata e di vice presidente del Gruppo Pd-L’Ulivo.  Sono convinta che la Camera dei Deputati debba essere la ‘casa di tutti i cittadini’ e per questo credo sia giusto ospitare nei nostri spazi molte iniziative diverse, incontri  che magari non avrebbero alcuna risonanza sui media ma che rappresentano invece  un Paese ricco e solidale. [segue...]
Con la risoluzione approvata oggi da Camera e Senato la grande maggioranza dei gruppi parlamentari ha creato le condizioni, di fronte a possibili problemi che possono coinvolgere alcune delle nostre banche - Mps e non solo - per tutelare i risparmiatori e il sistema finanziario italiano. Come ha ribadito il ministro Padoan, l’'autorizzazione a un maggior indebitamento fino a 20 miliardi  è un intervento di tipo precauzionale che, al di là degli effetti specifici, produce un impatto positivo sul grado di fiducia del sistema bancario, degli operatori e del mercato. La tutela dei risparmiatori e il rilancio del credito sono le finalità che stanno guidando l’azione del Partito democratico e del Governo. [segue...]
Soltanto alle 10.45 di oggi,  oltre 12 ore dopo, il ministero dell’Interno della Germania ha confermato che la strage del mercatino di Natale della Kurfuerstendamm è un attentato.  Dodici morti e 50 feriti, alcuni gravissimi, sono il bilancio provvisorio di quello che ora è definito un atto volontario di morte -  pare rivendicato già ieri dall’Isis -  nel cuore dell’Europa. Sempre ieri, qualche ora prima, all’inaugurazione di una mostra fotografica in Turchia, veniva ucciso in favore di telecamere l’ambasciatore russo al grido “Non dimenticatevi di Aleppo, non dimenticatevi della Siria”, seguito da “Allah u Akbar”. Sempre ieri, proprio ad Aleppo Est, la Croce Rossa evacuava 15 mila persone, 25mila negli ultimi cinque giorni, mentre migliaia sono in attesa di lasciare la città siriana.  [segue...]
Al lavoro per l’emergenza e la ricostruzione. Al lavoro per dare sostegno alle attività economiche ed evitare l’abbandono di un’area vasta e bellissima nel cuore d’Italia.  Con il sì definitivo e unanime della Camera l’impegno delle istituzioni a favore delle popolazioni colpite dal sisma assume completezza (come potete leggere nel breve dossier preparato dal Gruppo del PD a Montecitorio).  Rapidamente e con un clima positivo nel dibattito tra maggioranza e opposizione, sono state fissate risorse e regole per garantire la ricostruzione – lo abbiamo fatto con il primo decreto e con la legge di Bilancio – e semplificato le procedure senza rinunciare alla trasparenza – con il secondo decreto -.  [segue...]
Oggi l’Italia può legittimamente esprimere una riconosciuta posizione di leadership nel settore cooperazione internazionale rivolta alla disabilità, grazie ad un lungo percorso che non è stato calato dall’alto. Ma molto resta ancora da fare perché le persone con disabilità possano pienamente realizzare il proprio potenziale in qualità di membri della società eguali e preziosi. Ne abbiamo parlato all'evento "Inclusione della disabilità nella Cooperazione italiana" ospitato a Montecitorio in occasione di tre grandi ricorrenze: la Giornata internazionale delle persone con disabilità, la Giornata mondiale dei diritti umani, l’anniversario della Convenzione internazionale sui diritti delle persone con disabilità. Ecco il mio intervento [segue...]
La direzione del PD ha votato all'unanimità il pieno sostegno al tentativo che il presidente incaricato Gentiloni sta conducendo in queste ore per risolvere la crisi e dare una certezza al paese. Ho condiviso molto l'appello di Gianni Cuperlo a fare una discussione rispettosa tra di noi, nella necessaria chiarezza e franchezza, mentre ho ascoltato con una certa preoccupazione un intervento provocatorio di Speranza che ha chiesto se nel PD c'è ancora spazio per chi al referendum ha votato No. Se siamo tutti nello stesso partito dipende da ognuno di noi, anche le critiche si possono fare senza demolire tutto quello che abbiamo fatto in questi anni, senza insultare chi fa il proprio lavoro ogni giorno per difendere il PD dagli avversari politici. [segue...]
Il rapporto dell'Istat di ieri  ci ha confermato dei dati duri sulle condizioni materiali di milioni di nostri concittadini. Un italiano su quattro è povero o a rischio di povertà, tra questi sono più esposti i giovani, gli abitanti del Mezzogiorno, le famiglie numerose e monoreddito... Nulla di nuovo, si potrebbe dire. Da molti anni le ricerche sociali mettono in evidenza una crescente diseguaglianza, la crisi ha in realtà soltanto aggravato un trend che contraddistingue da sempre il nostro Paese dal resto d'Europa. La mancanza di un istituto universale di contrasto della povertà ha nel tempo prodotto una situazione cronica, una vasta area di disagio e insicurezza sociale che non possiamo più sopportare o ignorare. [segue...]
Per non dimenticare quei circa 25mila italiani, militari e civili che nella fase finale della seconda guerra mondiale vennero  trucidati dagli occupanti nazisti e dai repubblichini di Salò, oggi abbiamo approvato (410 favorevoli, 1 contrario, 2 astenuti. Sulla premessa 379 a favore, 2 contrari, 33 astenuti) una mozione che porta come prima firma quella del collega Andrea De Maria e che impegna il governo far sì che  con solennità e dignità si chiuda una pagina oscura della nostra storia, fatta di ‘Armadi della vergogna’  e finalmente  la giustizia arrivi per tutti  - e non soltanto per quel centinaio di vittime che hanno avuto processi e verità  - quelli che la aspettano da oltre 70 anni. [segue...]
Nove giorni di lutto, il funerale domenica 4 dicembre. Un viaggio a ritroso da L’Avana a Santiago per ripercorrere le strade che insieme ai rivoluzionari Fidel Castro aveva fatto nel 1959 per rovesciare la dittatura di Fulgencio Battista. Abbiamo visto lacrime e salti di gioia per la morte del ‘lìder maximo’: le prime tra gli abitanti di questa Cuba che dopo anni di isolamento ha riallacciato i rapporti con il presidente Obama che però sta per passare il testimone al meno dialogante Trump; i secondi tra gli esuli, soprattutto quelli di Miami. Un  rivoluzionario, un liberatore, un dittatore… Vi suggerisco un approfondimento dell’Ispi. Per sua stessa ammissione, negli anni sessanta, nelle carceri cubane c’erano 15mila prigionieri politici. [segue...]
"Una buona notizia ieri, qualche buona notizia oggi. Per l’Italia, per chi lavora, per chi investe, per chi, seppure colpito dalla lunga crisi economica, prova a reagire con fiducia. Ieri, dopo una trattativa durata mesi,  è stato firmato l’accordo tra Governo e  Sindacati che mette fine a sette anni di blocco contrattuale del pubblico impiego. Stamattina l’Istat ci dice che nel terzo trimestre del 2016 è diminuita la disoccupazione giovanile e il Prodotto interno lordo è aumentato dello 0,3% rispetto al trimestre precedente e dell'1% rispetto allo stesso periodo del 2015. Le riforme istituzionali, con il referendum di domenica,  sarebbero il completamento di un percorso di cambiamento che gli italiani chiedono da tempo e a gran voce. Con il Sì i protagonisti di questo cambiamento possono essere tutti i cittadini. [segue...]
Con la manovra finanziaria 2017 abbiamo messo in campo misure essenziali per rendere l'Italia più competitiva, più giusta, più solidale. Tenere insieme competitività ed equità significare sostenere i più dinamici e aiutare chi nella crisi lunga di questi anni è suo malgrado restato indietro. La legge di Bilancio 2017, oggi approvata a Montecitorio e inviata al Senato, scommette sull’Italia e sugli italiani: dall’agricoltura alle partite Iva, dalla salute alla prevenzione sismica, dagli investimenti sulla scuola e la ricerca,  dalla cultura alle pari opportunità, dalla famiglia al pubblico impiego, dalle pensioni più basse alla lotta all’evasione... Cito soltanto due voci rimandando all’ottimo lavoro di sintesi del Gruppo dei deputati PD. [segue...]
Ho letto la storia di Angela e quella di Giada, ho letto la sofferenza inaudita inferta a Mirella, e le violenze subite da Elisabeth. Ho letto della paura per sé e per i figli; i tentativi di fuggire e le ripetute denunce. Ho letto anche di chi ce l’ha fatta e ha ricostruito una nuova vita. Sono le storie delle donne vittime della violenza di un uomo, un marito, un fidanzato, ma anche un padre o un fratello. Nel mondo il 30 % delle donne, per fortuna non sempre colpite a morte, sempre ferite e umiliate. È un fenomeno diffuso, trasversale per livello sociale e culturale. Oggi le ricordiamo nella Giornata mondiale contro la violenza alle donne giustamente voluta dall’Onu, per costringere tutti a fermarsi per capire se facciamo abbastanza per dire basta. Anche su www.partitodemocratico.it [segue...]
Credo si possa dire che questa legislatura ha avuto un 'filo  verde’, un'intensa produzione di provvedimenti sui temi dell’ambiente, della sostenibilità dello sviluppo, dell'alimentazione. Partendo da Expo 2005 e dalla Carta di Milano, passando per la legge contro lo spreco alimentare, alle norme per l'introduzione del Bes, il Benessere equo e sostenibile, come strumento di misurazione della crescita, accanto e oltre il Pil, alle iniziative sul consumo equo e solidale.  Ne ho parlato stamattina a Montecitorio dove, nella sala della Regina abbiamo discusso di ‘Alimentazione, buone pratiche e cultura’ insieme a diversi colleghi e docenti universitari ed esperti.  Lo studio della Fondazione per la Sussidiarietà ‘Consumi, socialità, ed educazione alimentare’,  ci ha aiutato con numeri e scenari. [segue...]
‘Seguite i soldi’, ci ha consigliato la Coordinatrice UE antitratta Myria Vassiliadou  che ho incontrato stamattina a Montecitorio. Sono d'accordo con lei: la prevenzione e il contrasto della criminalità organizzata che sfrutta la tratta di esseri umani richiedono la capacità di riconoscere e stroncare il flusso di affari che attorno a questo fenomeno si sviluppa. 'Quando arriviamo ad occuparci delle vittime - ha proseguito la Coordinatrice UE - è già troppo tardi'. E’ importante che in Europa ci sia un tavolo di coordinamento per il contrasto alla tratta degli esseri umani, ed è fondamentale che, soprattutto in questi ultimi mesi, l’Italia, con l’impegno di Governo e Parlamento, abbia rafforzato le misure per combattere una piaga che rende ancora più complessa la gestione dei flussi migratori. [segue...]
Nello stesso giorno in cui la Merkel annuncia di ricandidarsi per il quarto mandato, nel campo conservatore in Francia vince il primo turno delle primarie l'ex-primo Ministro Fillon. Per sapere chi sarà il candidato alle prossime presidenziali in Francia sarà necessario attendere ancora qualche giorno, ma con l'uscita di scena di Sarkozy e l'alta partecipazione è già chiaro che molti elettori francesi (non necessariamente moderati) si siano mobilitati per assicurarsi un candidato "votabile" in caso di un ballottaggio con Marie Le Pen.Di fronte alla grande difficoltà di Hollande e del Partito Socialista francese in molti temono la possibilità di una vittoria del Front  National che molto probabilmente conquisterà i voti sufficienti per andare al secondo turno. [segue...]
Invitata dalla Fondazione Ebert e dalle Democratiche, con ministre e sottosegretarie italiane e austriache, con donne impegnate nelle associazione di volontariato e in Europa, ho discusso stamattina di “Migrazione: donne in fuga verso l’Europa”.  Le donne vittime, ma non deboli. Vittime di violenze di genere nei conflitti, di consuetudini terribili nei loro contesti. Forti, quando trovano il coraggio di  affidare al mare la salvezza dei loro figli. Forti, quando si impegnano come Giusi Nicolini nell'accoglienza dei disperati. Vittime, ma anche protagoniste di soluzioni laddove sono coinvolte nei processi di pace.  Ora, dopo la discussione, servono impegni concreti e visibili. Perché, come ci dice anche la vittoria di Trump, il mondo ha bisogno di cambiamento ed essere donne non basta a interpretarlo.  Ecco il mio intervento.  [segue...]
Il dato Istat sul prodotto interno lordo, che torna e crescere e porta l’economia italiana sui livelli medi dell’Eurozona - e, come ha detto il ministro Padoan ai parlamentari PD riuniti a Montecitorio "dà ragione a noi e torto ad altri"  - è un fatto positivo di cui dovremmo essere tutti contenti, maggioranza e opposizione. Per rafforzare questo trend, positivo ma ancora fragile, serve stabilità politica. Non c’è bisogno di troppe spiegazioni - tanto meno di sguaiate polemiche - per capire che incertezza e caos non possono produrre crescita.  Ma soprattutto c’è bisogno di una legge di bilancio espansiva, che sostenga le fasce di cittadini che più hanno sofferto della crisi e aiuti le imprese a innovare e creare lavoro. [segue...]
Le polemiche servono a poco, dobbiamo andare alla sostanza. Juncker ha difeso l'operato della Commissione che in questi anni ha introdotto elementi di flessibilità importanti nelle regole di bilancio europee. Il Governo Renzi ha rivendicato ulteriori margini di spesa per rispondere a due emergenze che sono lì davanti ai nostri occhi e che non potranno avere risposte adeguate se non si riconoscerà l'eccezionalità della situazione italiana. Sulla gestione dei flussi migratori Italia e Commissione Europea stanno dalla stessa parte: si cominciano a sottoscrivere i primi accordi con i paesi africani di transito o di provenienza, si riconosce il nodo cruciale della cooperazione con l'Africa come fatto strategico anche per governare il fenomeno migrazioni nel medio periodo. [segue...]
Il disegno di legge sulla disciplina del cinema e dell'audiovisivo, approvato oggi in via definitiva alla Camera, si inserisce in un percorso di rilancio e sostegno rivolto a chi fa cultura, a chi investe in cultura, a chi ama la cultura. Così, dopo la riapertura di Pompei, le domeniche al museo, l'art bonus, l'immissione di nuove professionalità nella gestione e valorizzazione del patrimonio archeologico e artistico diffuso, l’aggiornamento professionale per gli insegnanti e, ultimo in ordine di tempo,  il secondo mercoledì del mese a due euro al cinema, ecco un intervento di riforma complessiva di questo settore. Si comincia con l'istituzione del Fondo per lo sviluppo degli investimenti a favore delle imprese del settore, dotato di almeno 400 milioni di euro all'anno. [segue...]
"Io rifletterei molto sull'idea di dare un messaggio che è in qualche modo di rinuncia ad esercitare una prova democratica qual e' quella del referendum": ha risposto cosi' la vicepresidente della Camera, Marina Sereni, ai giornalisti che oggi pomeriggio a Perugia le chiedevano un parere su un eventuale rinvio del referendum a causa del terremoto, come chiesto da qualcuno. "E' un punto abbastanza delicato - ha detto Marina Sereni - perché ovviamente siamo tutti molto scossi dal terremoto e dalle vicende che hanno toccato buona parte dell'Umbria e che hanno riguardato le popolazioni, i beni culturali, le case e le attività produttive. [segue...]
Abbiamo riflettuto se fosse giusto mantenere o cancellare l'iniziativa di oggi con Luciano Violante e Pierferdinando Casini alla luce della drammatica vicenda del terremoto che ha di nuovo colpito una parte dell'Umbria distruggendo case e chiese. Alla fine abbiamo ritenuto di confermare l'incontro alle 17 alla Sala Brugnoli di palazzo Cesaroni. Sono crollati luoghi simbolo della spiritualità della nostra terra e dell'Europa, come la Basilica di San Benedetto a Norcia, accanto alle abitazioni di persone e famiglie che per l'ennesima volta si trovano a dover affrontare il dolore per aver perso tutto. A loro dobbiamo pensare in queste ore e in questi giorni, ma con atti e comportamenti concreti e coerenti. [segue...]
Su dieci bambini che approdano sulle coste del nostro Paese, nove sono minori non accompagnati. Arrivano in Italia per ricongiungersi con i familiari senza averne il permesso, altri sono vittime della tratta, altri ancora sono migranti economici in cerca di un lavoro, benché bambini. In ogni caso sono minori senza un adulto di riferimento. Questi bambini e bambine devono essere accolti adeguatamente in un programma che, dopo la fase dell’emergenza, si occupi della loro educazione e della loro integrazione. Oggi, con il sì della Camera, l’Italia fa un passo importante perché, dopo tre anni,  la legge che porta la prima firma della nostra collega Sandra Zampa,   passa e va al Senato con la speranza che venga presto approvata definitivamente. [segue...]
I nazionalpopulismi che si vanno affermando in tutta Europa traggono forza dall’idea di fondo che si sia più ricchi senza gli altri. Dove quel “più ricchi” si può intendere nel senso che si sta comunque meglio, si hanno meno difficoltà e paure, si possono avere più possibilità di tirarsi fuori dai propri problemi se viene contenuta, o meglio ancora eliminata, la minaccia di cui è portatore “l’altro”. E' un po' quello che è successo anche a casa nostra se si guarda alla vicenda di Gorino dove 12 donne e otto bambini sono stati 'respinti' dagli abitanti della frazione di Goro. Ne abbiamo parlato durante l'incontro promosso a Montecitorio dall’Associazione internazionale per la difesa della libertà religiosa "Le democrazie occidentali alla prova dei radicalismi identitari e dei populismi. L’Europa saprà partire da libertà, solidarietà e futuro?". Questo il mio intervento. [segue...]
Il Tar del Lazio ha respinto ai mittenti il ricorso sul quesito referendario. E così, la via giudiziaria alla politica è stata fermata perché “inammissibile”. Il Tribunale amministrativo spiega il ‘difetto assoluto di giurisdizione’  con il fatto che è stata applicata la legge vigente, il quesito è stato approvato dalla Corte di Cassazione e recepito dalla Presidenza della repubblica e, dunque, le garanzie di ‘tutela dell’ordinamento’ sono state rispettate. Leggo, tuttavia, che qualcuno tra i ricorrenti M5S e SI ‘non si arrende’. In attesa di capire quale potrebbe essere la prossima mossa giudiziaria, mi rammarico del fatto che ci sia chi pensi, a corto di qualsiasi argomento,  di fare politica usando i giudici, dimenticando che il 4 dicembre gli elettori dovranno pronunciarsi sul merito della riforma costituzionale. [segue...]
Con il voto di oggi l'Italia si unisce  agli 81 Paesi che hanno fin qui  ratificato l'accordo per il contrasto dei cambiamenti climatici raggiunto nel dicembre 2015 alla Conferenza di Parigi (COP21). Con il sì della Camera ora anche l'Italia - protagonista fin dal semestre di presidenza Ue quando è stata artefice dell’accordo tra gli stati membri sul nuovo quadro 2030 per le politiche dell’energia e del clima in materia di riduzione delle emissioni di CO2 e di implementazione delle energie rinnovabili  - può davvero fare sul serio. E fare sul serio significa promuovere l’efficienza  energetica,  le energie rinnovabili, la mobilità sostenibile, la protezione del suolo, l’agricoltura biologica. [segue...]
In occasione della decima Giornata Europea contro la tratta degli esseri umani,  ho voluto che di questo fenomeno di dimensioni internazionale si parlasse qui alla Camera dei deputati in un confronto che mettesse insieme istituzioni, associazioni, forze dell’ordine, ex vittime.  Il tutto nasce da un’iniziativa alla quale ho partecipato a Genova nel giugno scorso quando alcune associazioni, tra cui una formata da ragazze vittime ed ex vittime della tratta, avevano chiesto di lavorare per l’istituzione di una giornata italiana contro la tratta. Nel corso dell'incontro ho suggerito di celebrare invece in parlamento la giornata europea, cogliendo l’occasione per rivederci tutti a Roma.  [segue...]
Cosa sta succedendo in Libia? Qual è il contributo che le donne stanno dando alla rinascita del loro Paese? Ne discutiamo oggi a Montecitorio grazie a un'iniziativa  - sostenuta dal ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale -   promosa dall'associazione Minerva che da tempo ha avviato un intenso lavoro progettuale per consolidare il ruolo delle  donne libiche nel processo di stabilizzazione e di riconciliazione del Paese.  "La strada stretta della ricostruzione democratica in Libia e della pace nel Mediterraneo. Il ruolo delle donne libiche, dell’Europa e della cooperazione internazionale". Ecco il mio intervento di saluto ai partecipanti. [segue...]
ADDIO A DARIO FO

Premio Nobel per la letteratura 1997:
 
DARIO FO
 
"che nella tradizione dei giullari medievali
fustiga il potere
e riabilita la dignità degli umiliati".
 
L'Accademia di Svezia - Il Segretario perpetuo
Comunicato stampa, 9 ottobre 1997
 [segue...]
Fondi per gli interventi sulle pensioni (Ape e quattordicesima) e per il rinnovo del contratto degli statali; stanziamenti per opere pubbliche, incentivi per le imprese e proroga dell’ecobonus; risorse per l’industria 4.0, ammortamenti per chi investe; misure a sostegno dei nuclei familiari in condizioni di difficoltà economica, riduzione del carico fiscale e contributivo sul lavoro e l'impresa, così da allineare la pressione fiscale sui nostri produttori ai migliori standard europei" spending rewiev, lotta all’evasione, voluntary disclosure… Sarà una manovra lorda di 24,5 miliardi, come ha chiarito il Ministro dell’Economia davanti alle commissioni Bilancio riunite di Camera e Senato.
 [segue...]
Su iniziativa dell'Istituto Gramsci, dell'Istituto Sturzo e del Gruppo PD di Montecitorio, siamo tornati a riflettere sul settantesimo anniversario del voto alle donne.  Ho lasciato alle relatrici e ai relatori il compito di ripercorrere il lungo cammino riassunto nel bel il titolo scelto.  “Sfide della libertà femminile. L'altra faccia del Novecento”, ma ho voluto ricordare l'impegno della Camera con la mostra della sala della Lupa e la nuova sala dedicata alle donne. E, fuori dalla polemica politica, la particolare attenzione al ruolo politico delle donne e alla rappresentanza femminile di questa legislatura con le novità introdotte nel discusso Italicum e nella riforma costituzionale oggetto di referendum. Il mio intervento. [segue...]
Settanta milioni nel mondo le ragazze vittime di stupri, violenze, abusi, i cui autori sono, in molti casi coetanei o familiari. Abusi  e mutilazioni sessuali, abbandoni, aborti selettivi, matrimoni precoci e un aumento esponenziale della pedopornografia. Ogni 10 minuti nel mondo una ragazza muore in seguito a una violenza: accade in Siria, in Pakistan, in Nigeria, in Cina… e anche in Italia dove  - secondo il rapporto Terres des hommes -  sono stati 5080 nel 2015 i minori vittime di maltrattamenti. Sei su 10 sono bambine. Le drammatiche cifre arrivano in occasione della Quinta Giornata mondiale delle bambine e delle ragazze voluta dall’Onu  e segnano un aumento dovuto proprio ai reati pedopornografici amplificati dalla rete. [segue...]
"Il decreto ministeriale che riconosce i requisiti per la cosiddetta area di crisi complessa all'area Terni-Narni è stato firmato dal ministro dello Sviluppo Economico. Vogliamo esprimere la nostra più grande soddisfazione e ringraziamo per il loro impegno il Ministro Carlo Calenda ed il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Claudio De Vincenti": così la Vicepresidente della Camera, Marina Sereni, e il Senatore del Partito democratico Gianluca Rossi. "Si apre così - sostengono i due parlamentari - un percorso innovativo, da imboccare con un sistema territoriale coeso strategicamente orientato a diventare un motore di sviluppo del manifatturiero, coerente con gli obiettivi del programma “Industria 4.0”. [segue...]
Istituzioni, Ricerca, Organizzazioni internazionali unite per raggiungere obiettivi condivisi su contributo alla riduzione della malnutrizione, sicurezza alimentare, salute, agricoltura sostenibile. Stiamo unendo vari punti. Soltanto un anno fa, infatti, stavamo chiudendo un evento eccezionale di mobilitazione contro la fame e a difesa della dignità di ogni essere umano qual è stato Expo 2015. Ne torniamo a discutere con chi davvero può cambiare le cose com'è stato in questo convegno ospitato a Montecitorio dal titolo: "Semi nutrienti pe un futuro sostenibile".
Ecco il mio intervento. [segue...]
Il dialogo è lo strumento di incontro e confronto tra soggetti diversi che non rinunciano alle loro caratteristiche e specificità, ma anzi trovano nella relazione con l’altro una maturazione e una nuova conoscenza di sé. Per le società multiculturali e multietniche il dialogo è l’unica strada possibile, l’unica alternativa realistica allo 'scontro tra civiltà'. Questa sfida riguarda la politica, la cultura, le fedi religiose.
L'ho detto accogliendo a Montecitorio i convenuti all'incontro per i 50 anni del 'Movimento internazionale per la coscienza di Krishna nel mondo'.
Ecco il mio saluto. [segue...]
Poche ora fa in Aula le opposizioni, legittimamente anche se con un'enfasi degna di altri momenti, hanno rilanciato le valutazioni che l'Ufficio Parlamentare di Bilancio ha espresso in commissione sulle previsioni di crescita del Governo contenute nella nota di aggiornamento del Def. Molti giornali concentrano su questo i titoli di oggi ricordando anche l'invito alla prudenza venuto da Bankitalia. Oggi il Ministro Padoan, di fronte alla stessa commissione Bilancio, ha difeso l'obiettivo di crescita dell'1% per il 2017 ritenendolo realistico alla luce delle misure che il Governo intende mettere in atto per sostenere l'economia. [segue...]
L’obiettivo, come è scritto nelle prime righe dell’intesa siglata tra governo e sindacati oggi pomeriggio è “sostenere i redditi medio-bassi da pensione” e  “adottare interventi di equità sociale e di sostegno alla flessibilità in uscita dal mercato del lavoro per i lavoratori con periodi contributivi in gestioni diverse, per i lavoratori precoci e per i lavori usuranti”. E’ un passo importante e positivo, quello fatto oggi. Importante per i lavoratori e i pensionati ai quali arriveranno 6 miliardi nell’arco di tre anni per eliminare l'assurdo regime delle ricongiunzioni onerose, per consentire l’uscita flessibile dal lavoro (il cosiddetto Ape), per  intervenire sui precoci e per estendere e aumentare la quattordicesima per i pensionati con i redditi più bassi.  [segue...]

Peres, Pace, 2peaple2states

Un uomo di visione e coraggio

dalla cui vita

 possiamo ancora trarre

 molti insegnamenti 

 [segue...]
‘La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell'uomo, sia come singolo, sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità, e richiede l'adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale’. Lo dice l’articolo 2 della nostra Costituzione che insieme al più famoso articolo 3 e all’articolo 4  ho citato salutando gli ospiti che su invito dell’Associazione italiana persone down  (AIPD) hanno assistito alla proiezione del film Diritto ai diritti e al dibattito che ne è seguito.Ho accolto volentieri la proposta di portare dentro Montecitorio il film di Christian Angeli realizzato in collaborazione anche con Radio Radicale perché credo fermamente che la Camera dei Deputati sia la casa di tutti gli italiani, di ciascuno e di tutti, senza alcuna distinzione. [segue...]
Come abbiamo più volte detto e scritto l'Italicum non è la legge elettorale perfetta, che probabilmente non esiste, ma è una buona legge poiché restituisce agli elettori il potere di scegliere i propri rappresentanti e garantisce la governabilità. Tuttavia in queste settimane in modo più o meno strumentale in tanti hanno sollevato dubbi su questa legge elettorale e dunque credo sia stato un gesto di buon senso e di responsabilità da parte del Pd e della maggioranza che sostiene il governo approvare una mozione che apre esplicitamente e alla luce del sole un confronto nelle sedi parlamentari proprie. In questo modo si toglie da tavolo della campagna per le riforme costituzionali un argomento improprio, che rischiava di creare confusione nella campagna referendaria. [segue...]

 In una New York ancora scossa per le esplosioni di ieri, di cui non sono ancora sufficientemente chiari autori, motivazioni e mandanti, sta per aprirsi l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite. Al centro di questa sessione il tema che assilla da mesi i governi e le istituzioni europee: la gestione comune dei fenomeni migratori, la capacità di trovare risposte alle cause di fondo - le guerre, le siccità, le carestie - dei flussi di migranti e di profughi in ogni parte del pianeta, la necessità di ripartire le responsabilità dell'accoglienza. Il Governo italiano sarà lì per ribadire che siamo in prima fila nell'azione di salvataggio delle vite umane di coloro che fuggono e cercano rifugio attraversando il Mediterraneo.

 [segue...]
 Contribuire a ridurre la malnutrizione fra popolazioni dei paesi piu' poveri e svantaggiati, garantire la sicurezza alimentare, sviluppare un'agricoltura sostenibile, prevenire importanti malattie e ridurre l'obesita', e' quello che fanno le leguminose da granella: fagioli, ceci, fave, piselli, lenticchie. ai quali l'Onu ha deciso di dedicare il 2016 con iniziative che si svolgono in varie parti del mondo (www.iyp2016.org).

"Anno internazionale delle leguminose: ricerca e politiche per un'agricoltura sostenibile e per la sicurezza alimentare" e' il titolo del convegno organizzato alla Camera dei deputati domani, venerdi' 7 ottobre (ore 10,30 Sala del Mappamondo, Palazzo Montecitorio), che vede coinvolti vari istituti di ricerca, la Fao, il ministero degli Affari esteri e delle Politiche agricole.

Ai saluti istituzionali della vice presidente di Montecitorio, Marina Sereni, seguiranno gli interventi introduttivi di Marcela Villarreal (direttrice divisione partenariati, attivita' promozionali e sviluppo delle capacita'. Segretariato anno internazionale delle leguminose Fao) e Roberto Papa (professore di Genetica agraria dell'Universita' politecnica delle Marche, coordinatore del progetto Bean_Adapt), quindi gli interventi di Elisa Bellucci (manager scientifico Universita' politecnica delle Marche) Giovanni Giuseppe Vendramin (direttore dell'Istituto di Bioscienza e Biorisorse), Mario Marino ( Internazional treaty on plant genetic resources for food and agriculture), Teodoro Cardi (direttore del Centro di ricerca per l'orticultura), Francesca Sparvoli (ricercatrice dell'Istituto di Bioscienza e Biorisorse) e Giuseppe Carli (presidente di Assosementi).

 Concludono il convegno Mario Giro (Vice ministro degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale)  e Andrea Olivero (vice ministro delle Politiche agricole). L'incontro sara' l'occasione per la presentazione di ricerche italiane e internazionali sulle leguminose quali il progetto internazionale Bean_Adapt coordinato dall'Universita' politecnica delle Marche che si propone di condividere, anche con piccole aziende sementiere e con gli agricoltori i risultati dello studio sul genoma di 10mila varieta' di fagiolo per l'adattamento di cambiamenti climatici.

L'appuntamento sara' trasmesso in diretta sulla webtv della Camera. [segue...]

Le misure del Jobs act che promuovono il lavoro femminile, la legge sulle dimissioni in bianco, quella sul femminicidio, la ratifica della Convenzione di  Istanbul e…persino la legge sulle unioni civili: penso che tutto questo sia stato possibile perché abbiamo il Parlamento più giovane e più femminile della storia repubblicana. Abbiamo alle spalle il lavoro e l’impegno di donne di grande spessore politico culturale, dobbiamo conoscere e valorizzare  la storia ereditata dalle madri costituenti proprio perché questo ci aiuta ad individuare i nuovi traguardi da raggiungere. Ne ho parlato intervenendo al convegno organizzato dal nostro Gruppo di Montecitorio, dalle Democratiche e dalla Fondazione Iotti per ricordare i 70 anni del voto alle donne, della nascita della Repubblica delle italiane. [segue...]
La legge per la prevenzione e il contrasto del bullismo e del cyberbullismo che la Camera sta per approvare, con modifiche che rendono necessario il ritorno in Senato, è un provvedimento atteso da molto tempo da operatori delle forze dell'ordine, insegnanti, famiglie, associazioni. Era ed è necessario colmare le lacune della nostra legislazione su un  problema sociale e culturale sempre più rilevante, reso soltanto più drammaticamente urgente dalle luttuose e terribili notizie che riempiono i media in questi giorni. Così, se pensiamo di intervenire sugli  episodi di bullismo, sempre più frequenti nella scuola e in altri ambienti frequentati da giovani e adolescenti, non possiamo non farlo sul cyberbullismo, sull’uso violento della rete,  non circoscrivibile a una specifica fascia di età. [segue...]
L'iniziativa della comunità internazionale in Libia ha consentito di riportare risultati significativi contro Daesh. Ed è importante che i principali paesi occidentali abbiano preso senza ambiguità le distanze dalle milizie intervenute nella zona dei pozzi di petrolio, ribadendo la necessità che sia Compagnia nazionale a gestire quella risorsa. Il Governo italiano, che insieme agli Stati Uniti co-presiederà nei prossimi giorni la riunione dei Ministri degli esteri in programma a Washington, considera giustamente prioritario l'obiettivo della stabilità e dell'integrità della Libia. Per questo  non possiamo che rispondere positivamente alla richiesta d'aiuto che il Governo libico ci ha rivolto per una struttura sanitaria nella zona di Misurata. [segue...]
L'Istat certifica, sulla base di dati e metodologie chiari, un andamento  positivo dell’occupazione, soprattutto giovanile, pur in una situazione di rallentamento della crescita, dovuta principalmente all'industria. Su un altro versante è da registrare con interesse il clima di confronto e la possibilità di una vera e propria intesa tra governo e sindacati sul tema delle pensioni, sia per quanto riguarda i meccanismi di uscita anticipata sia per quanto attiene misure a sostegno degli assegni più bassi. Mi aspetterei che dentro il Pd chi in questi mesi ha spesso segnalato la necessità di interventi sociali, rivolti ai lavoratori e alle fasce più deboli, trovasse il tempo di apprezzare questo lavoro, di esprimere soddisfazione per alcuni risultati positivi... [segue...]
Anche nella scuola provvisoria di Amatrice, realizzata con moduli prefabbricati, così come a Norcia, in questi giorni suonerà la campanella del primo giorno. Da oggi in poi,  tutti gli istituti italiani riprendono vita aprendo le porte a milioni di ragazze e ragazzi che insieme alle famiglie, agli insegnanti e al personale danno forza e senso alla scuola, vero motore di cambiamento e di crescita. Il pensiero va, prima di tutto, a chi comincerà le lezioni nelle aree del terremoto dove, sulla forza di distruzione della natura e sull’incuria  dell’uomo,  sta prevalendo la voglia di superare la tragedia, di andare avanti, di ricominciare. Ma gli auguri sono per tutti, per chi è al suo ‘primo giorno’, per chi continua, per chi impara e per chi insegna. Dalla qualità della scuola dipende la qualità di un Paese e la possibilità di realizzare un futuro migliore. [segue...]
Le notizie diffuse da Istat e Eurostat negli ultimi giorni purtroppo non sono positive: la crescita di Italia, Francia e Finlandia nel secondo trimestre 2016 è  ferma in un quadro globale di rallentamento dell'economia. Nonostante ciò è ancora prevedibile che dopo anni di segno negativo il Pil italiano abbia finalmente un segno più. Le politiche del governo, e le tante riforme approvate in Parlamento, sono state importanti ma dobbiamo fare ancora di più. Ecco perché la prossima Legge di Bilancio dovrà concentrarsi su due obiettivi: il sostegno agli investimenti produttivi e l’aiuto alle fasce più deboli. Le dichiarazioni del presidente del Consiglio e dei ministri competenti sul tema delle pensioni, gli incontri di ieri con sindacati, Regioni ed enti locali per l’avvio del progetto Casa Italia vanno in questa direzione. [segue...]
Una legge sui minori migranti non accompagnati da approvare in tutti i parlamenti in Europa, prendendo spunto dalle norme in  discussione alla Camera. Ho avanzato questa proposta partecipando all’iniziativa di Save The Children dal titolo “Children at the forefront of the European And Global Action of Migration” che si è svolta a Roma, a Palazzo Valentini.  Le relazioni dei partecipanti alla tavola rotonda hanno dimostrato l’enorme complessità del tema in discussione. Le migrazioni in generale, e l'arrivo nel nostro paese di bambini e bambine non accompagnati, non sono un fenomeno transitorio, non possono essere affrontati come "emergenze". Si tratta di un tema che divide la politica, ma sui bambini forse possiamo superare gli steccati tra maggioranza e opposizione per arrivare al più presto all’approvazione della legge a Montecitorio. A Save The Children un ringraziamento in più per l’impegno con i bambini e le bambine nelle zone colpite dal terremoto dell’ Italia centrale. [segue...]
"Niente più streaming, né autodenunce, e neppure la semplice verità.  Chi s’è candidato a governare in nome della trasparenza, chi ha puntato il dito contro tutti, alla prova dei fatti dimostra di avere opinioni e metri di giudizio mutabili a seconda delle convenienze.  L’audizione della sindaca Raggi e dell’assessore Muraro davanti alla Commissione Rifiuti ha dimostrato questo e molto di più. Al di là di chi sapeva, di chi ha taciuto, di chi ha scritto le email e di chi le ha lette,  stupisce il silenzio e l'imbarazzo dei dirigenti nazionali del Movimento 5 Stelle. Dopo un plebiscito degli elettori che dimostrava fiducia e attese, emergono gravi difficoltà nella vicenda di Roma e nessuno dà un giudizio, una piegazione plausibile: dagli eletti al mini-direttorio ai componenti del  direttorio nazionale, da Grillo a Casaleggio ... è silenzio". [segue...]
L'INFAMIA MAGGIORE...

L'infamia maggiore,

per me,

è quella di speculare sulle disgrazie altrui.


Sandro Pertini

 [segue...]
TRA LE TENDE DOPO IL TERREMOTO...

Tra le tende dopo il terremoto

i bambini giocano

la vita rimbalza elastica,

non vuole altro che vivere.

 

Gianni Rodari

 [segue...]
IL CUORE NON PUO' ANDARE IN FRANTUMI...

La pietra può andare in frantumi,

sbriciolarsi.

Ma il cuore non può andare in frantumi.

 

Haruki Murakami

 [segue...]
“Ancora due donne morte: una  bruciata a Lucca forse da un ex collega, o da un amante, da un amico; un’altra accoltellata nel Casertano  dal compagno.  Uccidere una donna perché non si accetta un rifiuto o un abbandono; fare violenza alla moglie, alla fidanzata, all'ex-moglie o all'ex-fidanzata solo perché hanno deciso di scegliere con la loro testa: troppe le vittime, impossibile non allarmarsi e non reagire a tutti i livelli.  Ecco perché è molto importante che si sblocchino i finanziamenti per i Centri antiviolenza e si dia piena e concreta attuazione a tutte le norme che Governo e Parlamento hanno approvato in questa legislatura per contrastare un fenomeno odioso e inaccettabile come la violenza di genere”. [segue...]
"In molte chiese, in Francia come in Italia, ieri cattolici e musulmani hanno pregato insieme durante le messe domenicali scambiandosi, come indica la liturgia cattolica, un segno di pace. Le parole più volte ripetute da papa Francesco 'non è in atto una guerra di religione' hanno trovato simbolicamente conferma nella preghiera di ieri. Oltre ventimila musulmani hanno voluto ribadire platealmente con la loro presenza che chi ha assassinato padre Jacques Hamel, chi uccide, chi si fa esplodere in nome di Allah è altro dalla loro fede. Per la prima volta una parte delle comunità islamiche manifestano un netto atto di isolamento religioso verso terroristi e fanatici. La violenza jihadista ha colpito in Europa, in Siria, a Dacca, in Afghanistan…per citare soltanto gli ultimi episodi". [segue...]
"Curve su curve per andare al mare nelle Marche con i genitori...Bei ricordi, ma meglio oggi!" Con questo tweet stamattina mi sono avviata verso Colfiorito per l'inaugurazione della nuova SS 77 Foligno-Civitanova Marche. Con il Presidente del Consiglio Renzi, il Ministro Delrio, il Presidente dell'Anas Armani, i Presidenti delle due Regioni, i Sindaci di tante città umbre e marchigiane, i parlamentari, imprenditori, professionisti, maestranze: una vera festa per le nostre comunità, per un territorio operoso e bellissimo, lo stesso che nel '97 fu ferito dal terremoto da cui ha saputo rialzarsi costruendo case più solide e cercando soluzioni alla cronica mancanza di infrastrutture viarie adeguate". [segue...]
"Non sono abituata ad usare toni enfatici quando si tratta di leggi approvate dal Parlamento. Eppure questa volta credo si debba dire con orgoglio che la legge sulle Unioni civili, che dopo il pronunciamento del Consiglio di Stato entra in vigore grazie al Dpcm firmato da Renzi e Orlando, rappresenta un cambiamento positivo atteso da tanto tempo da migliaia di coppie in tutta Italia ed è merito quasi esclusivamente del Pd. Una piccola rivoluzione sul piano del riconoscimento di diritti civili affermati in quasi tutto il  mondo sviluppato, dopo molti tentativi generosi andati falliti. È stato il Pd a trovare la forza e la determinazione per andare avanti, a cercare le mediazioni dove era necessario senza rinunciare al punto essenziale: riconoscere il valore dell'affetto e delle relazioni tra persone dello stesso sesso, dare garanzie a coppie omosessuali che vogliono condividere un progetto di vita". [segue...]
"Non ha impegnato le prime pagine dei quotidiani, l'Assemblea Nazionale del Pd di sabato, forse perché abbiamo discusso di problemi seri, anzi serissimi, senza divisioni e polemiche tra di noi. Battute a parte, credo abbiamo fatto bene a dedicare la riunione del nostro massimo organismo nazionale ad un confronto sui grandi temi internazionali. L'orrore per l'uccisione di molti giovani a Monaco, le notizie di attentati terribili a Kabul, la preoccupazione e l'allarme per la dura repressione in atto in Turchia dopo il fallito golpe, la conclusione della Convention Repubblicana che ha incoronato Donald Trump, la fatica che ogni giorno dobbiamo affrontare per spiegare che solo l'Europa - una Europa più unita e più concreta - può dare risposte efficaci alle domande di sicurezza, di crescita, di conoscenza, di lavoro dei nostri cittadini". [segue...]
Vittime, sì di molteplici violazioni dei diritti umani, ma anche protagoniste e portatrici di una cultura di contrasto al radicalismo e all'impiego della violenza terroristica. Il tema del mio intervento al Master dell'Università di Roma, La Sapienza in "Tutela internazionale dei diritti" è "La condizione femminile nel  contesto dei diritti umani". Le riflessioni degli ultimi anni si sono concentrate sull'individuazione di strumenti giuridico-internazionali capaci di rilevare le situazioni di svantaggio iniziale e di contrastare appieno le specifiche violazioni. Parità di genere, ma anche contrasto all'human trafficking, alla violenza sessuale... La strada è davvero ancora lunga. [segue...]

"Vedere le migliaia di persone raggiungere sotto la pioggia il palazzetto di Andria per dare l'ultimo saluto a tredici delle vittime dell'incidente ferroviario avvenuto in Puglia dà il senso di un popolo che si stringe con affetto sincero attorno alle famiglie più colpite. La presenza del Presidente della Repubblica Mattarella, della Presidente della Camera Boldrini, del Ministro Del Rio, dei tanti colleghi parlamentari pugliesi insieme al Presidente della Regione Emiliano e ai Sindaci della zona rende evidente la volontà di essere uniti, di far sentire il dolore e la partecipazione dell'intera comunità nazionale". 

 [segue...]

“La morte di decine di persone, tra cui molti bambini, mentre con i fuochi di artificio si concludevano a Nizza i festeggiamenti per il 14 Luglio ha sconvolto nuovamente la Francia e l'Europa. Ancora poco chiare le motivazioni dell'attentatore, incerto il suo legame con il terrorismo jihadista, ma la dinamica dei fatti si inquadra indubbiamente nella retorica del terrorismo islamista. Con il fiato sospeso per la sorte incerta di alcuni nostri connazionali, per i feriti gravi ancora in ospedale, non possiamo che interrogarci su come fronteggiare una dimensione della violenza cui non vogliamo rassegnarci".

 [segue...]
"Nel 2016 la Camera restituisce al bilancio dello Stato 47 milioni di euro. Complessivamente in questa legislatura le somme risparmiate e restituite al Tesoro hanno registrato un andamento crescente: 10 milioni di euro nel 2013, 28,3 nel 2014, 34,7 nel 2015 per un totale di 120 milioni di euro restituiti nel quadriennio 2013-2016. Se a ciò si aggiungono i 150 milioni di minor dotazione richiesti al bilancio dello Stato nel triennio 2013-2015 rispetto al 2012, il risparmio complessivo  arriva a 270 milioni di euro dal 2013 al 2016. Una linea di rigore e sobrietà per quanto riguarda i trattamenti dei deputati, di modernizzazione della struttura, di riduzione o eliminazione di spese non indispensabili ha ispirato anche in questo passaggio l'Ufficio di Presidenza, chiamato in un momento di generale difficoltà finanziaria del Paese, a dare un contributo fattivo e un segnale chiaro di riforma". [segue...]
"Dopo un paio di giorni a leggere sui quotidiani di "spacchettamento" credo abbiano fatto bene i capigruppo Pd Rosato e Zanda ad escludere che i nostri parlamentari possano sostenere questa ipotesi. Il Parlamento ha votato una riforma coerente nelle sue diverse parti e dividere la materia in più quesiti non è detto che aiuterebbe una partecipazione più consapevole e informata dei cittadini. Stiamo ai contenuti, facciamola conoscere agli elettori, creiamo occasioni di approfondimento, rifuggiamo  dalle formule, dalle polemiche in politichese, dalle strumentalizzazioni. La Costituzione è una materia troppo seria per usarla strumentalmente, da una parte o dall'altra". [segue...]
"Quante domande si mescolano nel momento di alta tensione sociale e interrazziale che sta vivendo l’America? Quanto pesano i nuovi mezzi di comunicazione di massa nell'ampliare rabbia e scontri ? Da un lato la protesta per l'uso eccessivo e ingiustificato della violenza  da parte della polizia contro i cittadini di colore, dall'altro il dolore e l'indignazione per la strage di poliziotti avvenuta per mano di un giovane di colore che nascondeva un arsenale e forse preparava altri e più gravi attentati. Mai come oggi l'America appare tornare indietro, attraversata da una divisione profonda tra neri e bianchi. Il primo presidente afroamericano degli Stati Uniti sta affrontando una delle prove più difficili  del suo mandato. [segue...]
 "I progetti dell'Enel nel segno della sostenibilità e della partnership con le comunità locali, la collaborazione di Tim Brasile, tra l'altro, per la centrale operativa che insieme a loro ha realizzato la città di Rio in vista delle Olimpiadi; infine Casa Italia, sede di un club sportivo che il Coni ha affitato a non molta distanza dal villaggio olimpico...Si torna, partendo da Rio e concludendo così questa missione con l'entusiasmo di chi sta lavorando al nostro spazio per le Olimpiadi: 'chi verrà invitato ai diversi eventi - dice Luca - dovrà vedere il meglio, la bellezza, l'eccellenza. Cibo, vino, arte, cultura, relax, qui tra poche settimane tutto parlerà del nostro Paese'. Orgogliosi di essere italiani in Brasile".  [segue...]
Dalle politiche per l'immigrazione e il confronto con la deputata brasiliana Furlan che ha presieduto una Commissione speciale del Parlamento per scrivere la nuova legge che ci suggerisce l'istituzione di un osservatorio comune nella Commissione bilaterale di collaborazione Italia/Brasile; all'inaugurazione della mostra che ricorda il  contributo di 25mila soldati brasiliani alla Liberazione italiana dal nazifascismo; a forme di collaborazione per l'organizzazione del sistema sanitario pubblico da discutere con il ministro della Salute, Ricardo Barros...Questa l'ultima giornata a Brasilia che ripercorre, nei temi attuali e nella storia legami di ieri e di oggi. [segue...]
"Impossibile riassumere in poche righe la giornata di lavoro della Commissione di collaborazione tra Italia e Brasile. Le quattro sessioni tematiche - economia, cultura, sociale, ambiente - si sono svolte sulla base di interventi introduttivi che, sia per parte italiana che per parte brasiliana, hanno messo in evidenza non solo il fatto che siamo di fronte a sfide in larga parte comuni, ma anche che possiamo cooperare con reciproco interesse in ognuno di questi campi.  I colleghi brasiliani hanno organizzato il meeting in maniera molto aperta, consentendo a diversi loro parlamentari di ascoltare ed intervenire, e hanno annunciato di voler pubblicare gli atti di questo confronto. Qui trovate la dichiarzione finale. [segue...]
"La quarta riunione della Commissione di Collaborazione Italia-Brasile si è svolta  nel dicembre 2014 a Roma, da allora si sono verificati eventi a livello mondiale e nei duei rispettivi ambiti regionali di portata storica enorme, per cui i due Paesi e le loro aree di appartenenza sono profondamente differenti da quello che erano solo un anno e mezzo fa. Oggi si apre a Brasilia la V riunione che mi auguro sia utile a scambiare idee ed esperienze sugli strumenti a disposizione dei  Parlamenti per sostenere e accompagnare le iniziative private già in corso e per stimolare tutti i soggetti istituzionali e della società civile a moltiplicare le occasioni per collaborare con l'obiettivo di offrire opportunità di crescita e di benessere per i nostri popoli. Questo il mio indirizzo di saluto all'apertura dei lavori". [segue...]
Una delegazione della Camera dei deputati, che guido e composta dagli onorevoli Renata Bueno, Fabio Porta e Mirko Busto, è in Brasile per partecipare alla Quinta riunione della Commissione di collaborazione italo-brasiliana, che si tiene a Brasilia.  Lo sviluppo dei rapporti economici bilaterali;  sviluppo delle relazioni culturali; qualità della spesa pubblica; applicazione dell’Accordo di Parigi; immigrazione...i temi che tratteremo. Durante la nostra permanenza avremo modo di incontrare rappresentanti della comunità italiana a San Paolo e a Brasilia, avremo incontri di carattere istituzionale e visiteremo progetti sociali realizzati nel Paese in collaborazione con enti ed ONG italiane. Questa, in sintesi, la prima giornata.

 

 

 

  [segue...]

"In un'epoca di profondi cambiamenti, una relazione euro-asiatica efficace non avrebbe soltanto un indubbio valore pratico in termini di potenziamento delle sinergie e della cooperazione in tanti settori, dall’energia alla sicurezza, ma avrebbe anche un notevole valore politico, poiché darebbe sostanza a quelle dinamiche multilaterali virtuose ed inclusive che rappresentano la risposta migliore ai rigurgiti nazionalistici, alle tensioni regionali e a quella sfiducia nelle capacità della politica di guidare i processi globali. Su questo e altro sono intervenuta salutando i partecipanti al  seminario Asem promosso dall’Istituto Affari internazionali (IAI) e dal Ministero degli Affari esteri e della cooperazione internazionale, dedicato ai nuovi scenari delle relazioni euro-asiatiche". [segue...]
Cogliere l'occasione della riforma costituzione e del necessario adeguamento dei regolamenti parlamentare per sviluppare e intensificare il dialogo sociale accrescendo la pubblicità dei lavori delle Commissioni – su mezzi come il canale televisivo satellitare e la web tv - e prevedendo un ampliamento dei soggetti che è possibile audire “formalmente”,  includendovi anche le associazioni rappresentative di interessi tutelati. Di questo e di altro ho parlato nell'interessante seminario di approfondimento organizzato dalla Confederazione Italiana Agricoltori dal titolo "Riforma Costituzionale. Evoluzione e nuovi assetti della rappresentanza" al quale ha partecipato la ministra per le Riforme Maria Elena Boschi. Ecco il mio intervento. [segue...]
“Rammarico, tristezza, anche molta preoccupazione” – così la Vicepresidente della Camera Marina Sereni commenta il voto britannico ai microfoni di Radio Radicale. “Nell’immediato questa scelta sta producendo instabilità, problema serio che le istituzioni europee sono impegnate gestire. In prospettiva ci sarà un negoziato, che dovrebbe concludersi entro due anni, per consentire alla Gran Bretagna di uscire dall’Unione Europea. E’ la prima volta che l’Unione Europea, grande progetto di integrazione democratica e pacifica, perde un pezzo. E perde un pezzo molto importante, un paese che ha fatto la storia dell’Europa e che è anche culturalmente parte essenziale dell’Europa...." [segue...]
"Quella che definisco 'la casa unica della consulenza' nasce con la legge di Stabilità 2016 che ha sancito la creazione dell’albo unico dei consulenti finanziari e dell’Organismo deputato alla sua vigilanza e tenuta, garantendo maggiore regolamentazione e trasparenza a tutti i soggetti interessati da questa attività. La chiarezza, la conoscenza e la parità di accesso alle informazioni sono strumenti fondamentali per avvicinare il risparmiatore al mondo finanziario e consentirgli di fare scelte consapevoli e tutelare i propri risparmi. Questo il mio indirizzo di saluto alla presentazione della relazione annuale che si tiene a Montecitorio.

  [segue...]

 “Con la riforma approvata dalla Camera, e che ora passa all’esame del Senato, il Bilancio dello Stato diventa più semplice, trasparente e solo macro-economico. Non sarà più composto da due provvedimenti (legge di Stabilità e Bilancio) bensì da uno solo diviso di due sezioni: la prima, incentrata su misure legislative, prenderà il posto della vecchia Legge di Stabilità e fisserà gli obiettivi di finanza pubblica. La seconda, invece, conterrà le previsioni di entrata e di spesa.  Il cambiamento non è soltanto un fatto formale o nominale poiché avrà conseguenze sui documenti da esaminare e presentare, sulla tempistica, ma soprattutto all’obiettivo di fondo: far esaminare al Parlamento il complesso delle entrate e delle spesa, portando al centro del dibattito parlamentare le priorità dell’intervento pubblico". 
 [segue...]
“L'interdipendenza tra gli Stati membri nel settore dell'energia è ormai un dato di realtà sia in termini politici sia sotto il profilo economico e tecnico e, conseguentemente, l'ambito di definizione delle regole si sta spostando sempre di più dal livello nazionale a quello europeo e, per certi limitati aspetti, ad un ambito più globale”. Così, ricordando l’accordo di Parigi dello scorso aprile, ho aperto il tradizionale appuntamento con la Relazione annuale dell'Autorità per l'energia elettrica e il gas, che la Camera è lieta di ospitare e che cade, anche quest'anno, in un momento di grandi cambiamenti che inducono a prendere atto della necessità di una regolamentazione innovativa e più adeguata alle trasformazioni in atto". [segue...]
“La sconfitta di Torino è perfino più bruciante di quella di Roma. Per il Pd si tratta di un risultato con molte criticità, da capire, da prendere sul serio. Dopo la vittoria in molti ballottaggi per il M5S ora non ci sono più alibi per dimostrare se sanno governare per cambiare. E, se la destra a trazione leghista perde, è in campo quella a guida moderata. L’amarezza per le sconfitte non oscura comunque la soddisfazione per  l’importante e bel risultato di Giuseppe Sala nuovo sindaco di Milano”. [segue...]
"Magari scopriremo che è il gesto di un folle,  oppure che nel passato del responsabile dell'uccisione di Jo Cox ci sono simpatie neonazi, e così si proverà a spiegare perché, dopo aver sparato e pugnalato a morte,  l'assassino ha gridato ‘Britain First!’… In ogni caso, siamo di fronte ad una tragedia terribile che insanguina una delle campagne elettorali più difficili per la democrazia britannica ed europea. L'odio verbale che leggiamo e ascoltiamo ogni giorno può sollecitare e  provocare violenza. La politica, la cultura, i media, s’interroghino sul linguaggio e i toni che usano.  Quanto a Joe Cox, giovane deputata laburista, ricordiamola per la sua convinta adesione all'Europa, per la sua grande passione". [segue...]
"Chi, tra i funzionari pubblici, commette il reato di timbrare la presenza per poi andare a fare altro dovrà essere immediatamente sanzionato e entro trenta giorni licenziato: con il decreto attuativo della legge Madia il Governo ha compiuto un altro passo verso la riforma della Pubblica Amministrazione colmando le gravi lacune della legislazione precedente. Solo pochi giorni fa in un piccolo comune della mia regione 7 dipendenti (su 21!) sono stati colti in flagrante, sulla base di indagini sollecitate da un esposto del Sindaco. Ora la giustizia farà il suo corso. Ecco, con le nuove norme non sarà necessario attendere un processo per prendere le necessarie misure sanzionatorie fino al licenziamento del dipendente disonesto e infedele". [segue...]
“Da oggi 16 milioni di italiani non pagheranno più la Tasi sulla prima casa. Il sollievo fiscale per imprese e famiglie ammonta a 10 miliardi : 3 miliardi e mezzo per la Tasi, 5 miliardi e mezzo per l'Irap sul lavoro e quasi un miliardo per l'Imu. Questi i dati incontrovertibili del Ministero dell’Economia, questi i conti che molti italiani potranno verificare concretamente.  Essere nelle piazze in questi giorni serve a ricordare questi risultati.  Non per dimenticare che dobbiamo ancora affrontare altri importanti nodi sul piano economico e sociale, per dare risposte ai meno abbienti e più opportunità ai giovani. Semplicemente crediamo sia giusto rivendicare l'azione che il Pd è il Governo hanno svolto sin qui e  invitare tutti a scegliere i nostri candidati nei comuni e nelle grandi città che vanno ai ballottaggi". [segue...]
"Non è possibile prevedere oggi quali possano essere le conseguenze di una vittoria dei "leave" sui "remain" nel referendum britannico. Le borse mostrano grande nervosismo, ma ciò non vuol dire che un eventuale "Brexit" abbia necessariamente ripercussioni devastanti ed ingestibili sul piano economico e finanziario. Certo la macchina delle istituzioni europee - a cominciare dalla BCE - non è ferma e sta preparandosi a tutte le opzioni. Vertici di emergenza sono già convocati per il 24 giugno. Tuttavia credo sia un errore minimizzare i rischi connessi con un risultato favorevole all'uscita della Gran Bretagna dall'Unione Europea". [segue...]
“Mancano le parole di fronte alla strage di Orlando compiuta in un luogo di divertimento e di incontro, in una città della civile e tollerante Florida, in una sera come tante... Follia? Terrorismo? Facile accesso alle armi? Fanatismo religioso? Omofobia? O magari tutto insieme, tutte queste aberrazioni che confluiscono in una miscela esplosiva fino ad innescare la tragedia, la peggiore della storia degli Stati Uniti dopo le Due Torri. Ci piacerebbe una reazione unanime di cordoglio e di condanna totale, ci piacerebbe che la politica - di là e di qua dall'Atlantico - fosse così seria e razionale da non strumentalizzare la morte orribile di cinquanta ragazzi e ragazze innocenti, e che semmai si trovasse la forza e il coraggio per riflettere, tutti insieme, su come possiamo contrastare in ogni angolo della terra l'odio fanatico e la violenza cieca. [segue...]
"Finalmente una normativa che interviene per regolare la vita interna dei partiti, dando così piena attuazione all'articolo 49 della Carta costituzionale. Una legge non troppo invasiva, rispettosa dell'autonomia delle singole forze politiche, ma che al tempo stesso introduce regole molto importanti per garantire trasparenza e partecipazione democratica. Per molte ragioni nella scala della fiducia dei cittadini i partiti sono da tempo agli ultimi posti. Gli scandali, i fenomeni di corruzione, la scarsa efficienza del sistema istituzionale, la difficoltà ad assumere decisioni efficaci hanno contribuito ad accrescere la disaffezione di molte persone verso i partiti e la politica. Ma la democrazia rappresentativa ha bisogno dei partiti, di soggetti in grado di aggregare i cittadini, di costruire canali di comunicazione e di dialogo permanente tra la società complessa, frammentata, veloce di oggi e la vita delle istituzioni". [segue...]
'We are at the brink of a historic moment but we still have work to do'. Con queste parole ieri Hillary Clinton ha commentato un grande risultato: per la prima volta una donna ha raggiunto il numero di delegati per la nomination dei Democratici. Non è stata una battaglia semplice, molti commentatori sottolineano come non ci sia entusiasmo sul suo nome, sappiamo che Bernie Sanders cercherà - legittimamente - di far pesare il consenso non banale che ha raccolto tra i giovani e in molti elettori ed elettrici democratici. Ma nel mirino di Trump c'è sempre stata lei, ed il fatto di essere una donna l'ha esposta agli attacchi peggiori del futuro candidato repubblicano. [segue...]
"Con l'eccezione di Napoli, certo non banale, il Pd va al ballottaggio in tutte le principali città mentre vince in molti centri piccoli e medi nella penisola. Leggere i risultati nel dettaglio è un esercizio utile, indispensabile soprattutto per cogliere, nelle aree sociali più in difficoltà, i segni del malessere e della disaffezione che indubbiamente riguardano anche il nostro partito e il centrosinistra. Guai però a dare una lettura superficiale di una tornata elettorale in cui pesano e peseranno principalmente fattori locali. I ballottaggi sono sempre una nuova partita, non il secondo tempo della prima. Serve una mobilitazione forte e unitaria di tutto il Pd per affermare i nostri candidati, per motivare gli elettori che preferiscono programmi e competenza alla propaganda contro e alle promesse vuote". [segue...]
“Il 2 giugno non è solo una data da ricordare e celebrare nel modo più solenne, ma un’occasione per ribadire il legame profondo che unisce i percorsi e i destini di ogni cittadino italiano a quelli della comunità in cui viviamo, a quelli della nostra Repubblica. Una Repubblica voluta settanta anni fa, da quasi tredici milioni di italiani e, per la prima volta, italiane, che scelsero così, con il loro voto ad un referendum, la forma istituzionale della Nazione. Tutto è cambiato, è vero, e molto cambierà ancora.  Ma non c’è dubbio che se vorremo riuscire, dovremo essere capaci di recuperare almeno in parte lo spirito, la visione e il coraggio politico che dimostrò di avere quella generazione di grandi italiani”.

  [segue...]

Cinque giorni e le lettere di licenziamento per i quasi 3000 lavoratori Almaviva, sarebbero partite. Ma oggi è stato firmato un accordo al quale hanno contribuito tutti, il Governo, rappresentato dalla bravissima vice ministra dello Sviluppo Economico Teresa Bellanova, i sindacati, gli enti locali, i lavoratori stessi che non si sono mai fermati.  Così 1.670 a Palermo, 918 a Roma e 400 a Napoli non saranno licenziati, ma, come prevede l’intesa, avranno un nuovo contratto di solidarietà che parte da domani e che darà a impresa e sindacati tempo per definire un nuovo accordo nel quale dovranno essere individuati gli strumenti di rilancio. Non è la soluzione definitiva, che dovrà essere cercata  nei prossimi mesi, ma, come ha dichiarato Bellanova, i lavoratori non sono stati lasciati soli". [segue...]
"Nessuno dovrebbe fare sciacallaggio sulla vita di bambini, donne e uomini che lasciano terre martoriate da guerre, terrorismo, povertà e affrontano il mare e rischiano la morte per cercare da noi un futuro più decente... Nessuno dovrebbe cercare voti facendo leva sulle insicurezze e le inquietudini che gli sbarchi di profughi e migranti suscitano in tanti nostri concittadini... Nessuno dovrebbe far credere che siamo di fronte ad una emergenza ingestibile... Spero che gli italiani, di qualsiasi colore politico e opinione, sappiano distinguere la propaganda dalla realtà e ringrazino quelle persone che ogni giorno nel mediterraneo e sulle nostre coste si adoperano per salvare vite umane". [segue...]
"Con il voto definitivo della Camera l’Italia valorizza e riorganizza il variegato mondo del no profit, un insieme di soggetti che svolgono un ruolo strategico fondamentale per uno sviluppo sostenibile, comunitario e partecipato. Questa riforma, avviata due anni fa, ha coinvolto più di mille soggetti in una consultazione pubblica da cui abbiamo tratto molte idee e suggerimenti. Ora imprese sociali, associazioni di volontariato e di promozione sociale, fondazioni e cooperative sociali hanno un vero punto di riferimento, un quadro di definizioni e regole certe.  Non si tratta di un semplice restyling, ma di un vero e proprio ridisegno del Terzo Settore, fino ad oggi regolamentato da una normativa frammentaria e poco omogenea". [segue...]
"La sconfitta dell’ultranazionalista  Hofer e la vittoria, seppure di misura, del verde Van der Bellen, rasserena circa la prospettiva istituzionale e politica dell'Austria ma certo non offusca le preoccupazioni per un’Europa che stenta a rimettere insieme i pilastri ideali del suo esistere. Quasi la metà dei nostri vicini austriaci, ai quali ci legano vincoli di amicizia, ha scelto il partito che ha fatto della xenofobia e del nazionalismo la sua bandiera politica. L’allarme resta, dunque e lo scampato pericolo deve essere anche una lezione per i partiti tradizionali, che in questa circostanza hanno un po' troppo inseguito la tentazione populista alla strumentalizzazione di un fenomeno complesso come l’immigrazioneQ". [segue...]
"Valorizzare il movimento delle Autonomie, per la storia di ieri, per l'azione di oggi, per il contributo che verrà al cambiamento e al futuro del Paese". Ho concluso così il mio saluto ai convenuti al Centenario della Lega delle Autonomie che si celebra qui a Montecitorio alla presenza, tra gli altri, della ministra Maria Elena Boschi e al presidente nazionale e sindaco di Pisa Marco Filippeschi. "La Lega delle autonomie - ho ricordato - ha saputo svolgere negli anni una funzione di stimolo. La necessità di un aggiornamento continuo dei rapporti tra centro e periferia è previsto dalla stessa Costituzione. In questa chiave va letta anche la riforma costituzionale approvata nei giorni scorsi". In occasione di questo centenatio la Biblioteca della Camera ospita immagini e documenti in una mostra che sarà inaugurata oggi. [segue...]
"Le sue battaglie, nessuna scontata, nessuna ovvia, sono ormai parte della storia del nostro Paese. Un’Italia che  grazie a Marco Pannella, al suo impegno durato una vita,  è più aperta, libera, moderna”. Lo ha detto la vice presidente della Camera, Marina Sereni, intervenuta a un seminario sul cyberbullismo in corso a Montecitorio. La vice presidente ha chiesto ai presenti  un minuto di silenzio  per una “personalità che, comunque la si pensi, merita un grazie da parte di tutti”. [segue...]
"Scuola, famiglia, associazionismo, forze dell’ordine, servizi sociali e sanitari, tutti insieme per prevenire e contrastare il cyberbullismo, un fenomeno che nessuno soggetto può sconfiggere da soli. Ecco perché condivido molto il 'Tutti insieme' del titolo del convegno di oggi. Internet è il luogo in cui i nostri ragazzi possono trovare grandi opportunità in termini di conoscenza, comunicazione, socializzazione, libertà. Ma è anche il luogo in cui si possono incontrare pericoli e insidie gravi”.
Ne ho parlato dando il benvenuto a Montecitorio agli intervenuti al seminario sul cyberbullismo. [segue...]
"L'adeguamento della legislazione interna alla Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali è un preciso impegno per ogni Stato membro del Consiglio d’Europa, e dovrebbe essere perseguito con l’attuazione delle sentenze della Corte, e nella formazione delle leggi. Il nostro Paese è stato più volte richiamato per l’affollamento delle carceri, per la durata eccessiva dei processi e per alcuni casi, avvenuti in passato, di espulsioni di cittadini stranieri.  Ma su questi temi abbiamo in questa legislatura fatto notevoli progressi..." Ne ho parlato aprendo il seminario sulla responsabilità parlamentare dell’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa, che abbiamo l’onore di ospitare qui a Roma, alla Camera. Ecco il mio intervento. [segue...]
"Contenimento del consumo del suolo e riuso del suolo edificato, salvaguardia del paesaggio, lotta alla cementificazione e alla speculazione… Il ddl che abbiamo appena approvato a Montecitorio e che ora va al Senato rappresenta un passo molto importante verso la difesa del patrimonio paesaggistico e agricolo italiano. Aspettavamo da tempo un provvedimento del genere e andiamo avanti negli impegni presi anche a Expo 2015 con la Carta di Milano. Per molti, troppi anni,  nel secondo dopoguerra, andando molto oltre le comprensibili esigenze della ricostruzione, le politiche pubbliche e i comportamenti privati non si sono posti il problema del consumo del suolo". [segue...]
“Il momento è arrivato, le unioni civili, tra qualche ora, saranno legge dello stato italiano. Dopo anni di rinvii, dopo un iter contrassegnato da strumentalizzazioni e da ripensamenti da parte di gruppi che pure avevano detto di volere queste norme che restituiscono dignità e danno diritti fin qui negati;  dopo polemiche che mescolano impropriamente sensibilità religiose e ragioni della politica, la legge viene approvata finalmente in via definitiva dalla Camera. È una svolta storica che cambierà concretamente e in meglio la vita di tanti italiani e noi siamo orgogliosi di aver raggiunto finalmente questo traguardo”. [segue...]
Dimensione imprenditoriale e lotta alla fame, possono stare insieme? La risposta è sì, com'è sì la risposta alla necessità di tenere insieme prosperità economica, sviluppo sociale, sicurezza alimentare, gestione delle risorse idriche, protezione dell’ambiente su scala globale. Su questo si focalizza quella Carta di Milano sul diritto al cibo che rappresenta in un certo senso la migliore eredità politico-culturale di Expo 2015. Ne abbiamo parlato con interlocutore d'eccezione il professor Muhammad Yunus, alla Fao alla manifestazione  Social Business for Zero Hunger  insieme al ministro Martina e al presidente della Confederazione italiana agricoltori. Ecco il mio intervento.   [segue...]
"Contro i terrorismi di ieri e di oggi, nel ricordo delle vittime di ogni tempo, l’impegno  di tutti e di ciascuno è quello di costruire una democrazia forte che sappia resistere ad emergenze e paure.  Lo abbiamo fatto negli anni di piombo, dobbiamo continuare a farlo ora. Oggi l’Italia celebra il Giorno della Memoria dedicato alle vittime del terrorismo e delle stragi. Ricordiamo Aldo Moro e la sua scorta, ma anche Peppino Impastato che veniva ucciso dalla mafia a Cinisi proprio mentre in via Caetani veniva trovato il corpo dello statista Dc,  ricordiamo chi è morto perché non ha mai ceduto e ha difeso i valori e i principi della nostra Costituzione". [segue...]
"La magistratura italiana credo debba riconoscere che dalla direzione nazionale del PD arriva oggi un messaggio di chiarezza assoluta. Noi crediamo che la giustizia debba fare pienamente il suo lavoro e dare ai cittadini la garanzia del fatto che chi amministra si muova con correttezza, onestà, senso delle istituzioni e del bene comune. Ci sono migliaia di Comuni e di enti territoriali in cui quotidianamente Sindaci, Assessori, Consiglieri comunali del Pd si impegnano senza mai anteporre l'interesse personale o di gruppi ristretti alla soluzione dei problemi delle loro comunità e al benessere di tutti, a cominciare dai più deboli". [segue...]
"Negli ultimi anni, i confini geografici hanno sempre più perso di senso, abbattuti da processi di integrazione come quello europeo e da ondate migratorie: fedi e culture diverse si muovono negli stessi spazi, costruendo però, molto spesso, barriere identitarie e linguistiche che impediscono o rendono difficile una vera co-esistenza, nel senso della condivisione di valori universali. Il progetto di grande consesso di saggi di tutte le culture – ipotizzato da Giovanni Pico ben 530 anni fa – rappresenta allora un obiettivo cui tendere, sottraendolo al terreno dell’utopia, con realistica determinazione". A Montecitorio abbiamo discusso e ricordato il geniale Pico della Mirandola presentando il volume "Giovanni Pico e la Cabbalà". Il mio saluto. [segue...]
Tina Dellarmi, staffetta partigiana, era tra i tanti che ieri sera, a Treviso, hanno partecipato all'incontro organizzato dalla collega Floriana Casellato per riflettere sul lungo viaggio che ci riporta a sett'anni fa quando veniva concesso il voto alle donne. Dalla Resistenza alla Repubblica, alla democrazia che costruiamo ogni giorno, il ruolo delle donne è imprescindibile. Ventuno furono le elette alla Costituente, oggi siamo il 30% dei parlamentari. Ma la forza delle donne, da sempre così straordinaria in ambito familiare, deve ancora esprimersi in pieno nel mondo del lavoro, nella vita politica, nel garantire il buon funzionamento e la credibilità delle nostre istituzioni. Ecco il mio intervento. [segue...]

Buon Primo Maggio a tutte le lavoratrici e i lavoratori!

Un pensiero e un augurio speciale per chi un lavoro lo cerca

 [segue...]

"Affluenza e partecipazione oltre ogni previsione al seminario sulla riforma costituzionale promosso dalla Vicepresidente della Camera Marina Sereni presso la Fattoria sociale "La Semente" di Spello e rivolto a dirigenti locali e amministratori del Pd umbro. Moltissimi i giovani e rappresentanti di tutti i territori della regione nonché le disponibilità espresse per costituire in maniera diffusa e aperta i Comitati per il sì in Umbria. Un'occasione per approfondire i tratti salienti della riforma recentemente approvata in via definitiva dal Parlamento che ad ottobre sarà sottoposta al giudizio popolare attraverso il referendum confermativo. Ad illustrare i contenuti della modifica costituzionale il professor Massimo Rubechi..."

 [segue...]
"Non ci sono né ragioni plausibili né regole che possano giustificare la scelta di bloccare il passo del Brennero e di costruire una barriera al confine tra Austria e Italia. I flussi di migranti in questa tratta - come dimostrano i dati - sono risibili e le comuni regole europee non prevedono in alcun modo la possibilità di decisioni unilaterali di questo tipo. Con determinazione oggi il Governo italiano ribadirà questa posizione nell'incontro tra i ministri degli Interni e giovedì il presidente del Consiglio Renzi si confronterà a Roma con il presidente della Commissione Ue Jean Claude Juncker chiamando in causa le autorità europee se non ci saranno segnali di ripensamento. Non stupisce , semmai scandalizza, l'atteggiamento di quelle forze politiche che fanno la faccia feroce sul fenomeno migratorio in nome degli interessi italiani e poi plaudono alle scelte dell'Austria che  comportano un danno economico e politico chiarissimo per il nostro Paese. [segue...]
"Sono venuto a dirvi che gli Usa e il mondo intero hanno bisogno di un'Europa forte, unita, prospera, democratica e unita. Forse  avete bisogno che un outsider, qualcuno che non è europeo, vi ricordi la grandezza di quello che avete conquistato. Non siamo immuni  dalle forze di cambiamento nel mondo. I conflitti dal Sud Sudan, alla Siria, all'Afghanistan hanno fatto fuggire milioni di persone, che cercano la relativa sicurezza delle coste europee, ma questo pone nuovi oneri sui Paesi e sulle comunità locali. L'aggressione russa che ha violato apertamente la sovranità e il territorio di un Paese europeo indipendente, l'Ucraina, innervosisce i nostri alleati nell'Europa Orientale, minacciando la nostra visione di un'Europa unita, libera e in pace, e sembra mettere in pericolo i progressi fatti dalla fine della Guerra Fredda. [segue...]
E' in corso a Ulan Bator, in Mongolia la nona edizione del meeting dei parlamenti dell'Asia e dell'Europa  (ASEP9) cui partecipano per il Senato il presidente Grasso e per la Camera la vicepresidente Sereni che oggi ha preso la parola nella sessione "Partnership for the future".  Empowerment femminile, scambi di opinioni e di esperienze sulla politica, l'economia, la cultura, importanza del confronto in un un’epoca segnata da gravi conflitti regionali,  di fronte al fenomeno degli imponenti flussi migratori  e della piaga del terrorismo i punti trattati nel suo intervento. Il meeting tra i partners sarà chiuso da una dichiarazione finale che viene sottoscritta dai 52 parlamenti presenti. [segue...]
"Asia/Europa, rafforzare le relazioni politiche, economiche e culturali tra governi, fare altrettanto con i parlamenti. Dal 1996 l’Asem (Asia-Europe Meeting)  e il suo fronte parlamentare Asep (Asia-Europe Parliamentary Partnership) lavorano in questa direzione e,  ad anni alterni, scambiano informazioni ed esperienze e si confrontano sulle sfide globali. La nona edizione dell'incontro Asep si tiene in questi giorni in Mongolia mentre nel 2014 fu l'Italia, e in particolare la Camera dei deputati, ad ospitare questo importante appuntamento in coincidenza con  il semestre di Presidenza italiana dell’UE". [segue...]
"Le immagini che ci arrivano da Brasilia, dalle piazze così come dall'aula del Parlamento, non possono non creare preoccupazione profonda per il futuro del Brasile. Il gigante sudamericano sta vivendo un momento difficile per la recessione economica cui si aggiunge una crisi politica senza precedenti, figlia degli scandali e delle mancate riforme. La divisione tra le forze politiche nelle istituzioni si ripercuote in maniera drammatica nell'opinione pubblica, profondamente spaccata tra favorevoli e contrari all'impeachment nei confronti della Presidente Dilma Rousseff. Dopo il voto di ieri alla Camera ora la parola passa al Senato". [segue...]
"Ho partecipato molto volentieri alla cerimonia promossa oggi dal Comune di Foligno per ricordare l'insediamento del primo Consiglio Comunale dopo la Liberazione dal fascismo. Non casualmente i padri e le madri costituenti, ancora prima di chiamare i cittadini a scegliere con il referendum del 2 giugno tra monarchia e repubblica, decisero allora che per ricostruire il rapporto tra lo Stato e il popolo fosse necessario eleggere subito i Consigli Comunali e i Sindaci. Per la prima volta anche le donne votarono (e furono elette, correggendo la dimenticanza che nel primo decreto concedeva loro solo l'elettorato attivo e non quello passivo) avviando così quel percorso lungo e accidentato che richiese più di trenta anni prima di avere nel 1977 una donna Ministro, Tina Anselmi, e un'altra grande donna, Nilde Iotti, alla Presidenza della Camera nel 1979". [segue...]
"Il processo di transizione post-bellica vive oggi una fase importante e delicata con l’entrata in funzione del nuovo Governo di “accordo nazionale” che dovrebbe ricevere un’investitura ufficiale, il 18 o il 22 aprile prossimi, guidato da Fayez al Serraj (...). Sul terreno della condizione femminile, sul suo ruolo nella società, sul riconoscimento della sua dignità come parte essenziale del tessuto civile di un popolo, potremo misurare la credibilità delle nuove istituzioni libiche". L'ho detto a Siracusa introducendo la due  giorni organizzata dall'Associazione Minerva con il sostegno del Ministero degli Affari esteri e della cooperazione internazionale su "le donne libiche per un nertwork di dialogo e pace". [segue...]
"Miriam è stata una donna della politica ed è stata una bravissima giornalista. E io che l’ho conosciuta soprattutto negli ultimi anni della sua vita,  non sono mai riuscita a distinguere la giornalista dalla politica appassionata, di sinistra, progressista, aperta a una riflessione complessa e profonda su quello che eravamo e quello che saremmo dovuti essere. Ma, pur essendo sempre stata di sinistra, è stata una protagonista dell’Italia repubblicana e democratica molto oltre gli steccati e i confini del  suo ‘campo’ politico.  Per questo mi piace che il suo ricordo avvenga qui, in un luogo istituzionale". Ne parliamo a Montecitorio in un convegno organizzato dalla Fondazione Istituto Gramsci e dal Gruppo dei deputati del PD. [segue...]
"L’audizione del generale Serra tenutasi oggi  presso le Commissioni Difesa di Senato e Camera ha confermato due punti essenziali. Il primo: in Libia siamo di fronte ad un quadro estremamente complesso, con molti attori che debbono essere coinvolti per guidare con successo la transizione democratica, costruire accettabili condizioni di stabilità e sicurezza, contenere e sconfiggere Daesh.  Ecco perché l’impegno della comunità internazionale – che fin qui ha raggiunto alcuni risultati importanti con l’arrivo del Governo Sarraj a Tripoli – deve proseguire con determinazione ma – e questo è il secondo punto – la  chiave è e deve rimanere nelle mani dei libici". [segue...]
"Il saggio sulla Wildlife Economy di Bernardino Ragni, rappresenta anche una provocazione culturale. E' un modo per mettere davanti ai nostri occhi una risorsa, quella della fauna selvatica, che noi non consideriamo mai, che invece è naturale, tendenzialmente illimitata e sicuramente rinnovabile. Una risorsa che può essere messa a frutto dal punto di vista economico attraverso una gestione sostenibile e intelligente. E’ quindi anche un modo per tenere insieme chi pratica lo sport della caccia e chi è preoccupato per la conservazione delle risorse naturali, per superare scontri ideologici tra cacciatori e ambientalisti".  Ne ho parlato a Montecitorio, presentando il saggio del professor Ragni.   [segue...]
"Non è solo l'Italia a chiedere con determinazione la verità su Giulio Regeni, sulle torture subite dal ricercatore italiano e sulla sua morte. La linea seguita dal governo italiano è quella giusta. Le risposte che attendevamo, nonostante le promesse di al-Sisi, non sono arrivate dagli  inquirenti egiziani, ecco perché abbiamo richiamato l'ambasciatore per consultazioni mostrando fermezza senza volontà di rottura.  Non vogliamo ne' possiamo lasciare nulla d’intentato. Abbiamo coinvolto anche le istituzioni europee e attivato le Nazioni Unite perché il caso Regeni configura la violazione di diritti umani essenziali,  riconosciuti dal diritto internazionale".  [segue...]
Alimentare la polemica, attaccare per attaccare, non importa il merito. La destra leghista, decisa a varcare, essa sì, le 'frontiere' della Padania, offende il Capo dello Stato nella speranza che l’urlo, il dileggio portino voti.  Ieri quella che alcuni hanno interpretato come una gaffe (ma davvero si tratta di una gaffe o piuttosto  della strategia mediatica  per oscurare un evento italiano, come Vinitaly, con le sue opportunità anche economiche, e prendersi i titoli di ogni media disponibile?). Oggi, per non smentirsi, ma anche per tornare sui media, eccolo di  nuovo in pista, a  denigrare l’Italia e le sue istituzioni. [segue...]
LETTERA APERTA A MADIA: PREOCCUPATE DEI CAMBIAMENTI IN CORSO
Le vice presidenti della Camera, Marina Sereni e del Senato, Valeria Fedeli, scrivono una lettera aperta alla ministra per la Semplificazione e la Pubblica Amministrazione Marianna Madia in merito alla decisione assunta dall’Istituto nazionale di Statistica di non avvalersi più delle competenze di Linda Laura Sabbadini, attuale Dirigente del Dipartimento per le statistiche sociali. Una decisione che le vice presidenti, dopo aver ricordato il lavoro svolto da Linda Laura Sabbadini, (“una studiosa indubbiamente molto stimata anche a livello internazionale, insignita della onorificenza di Commendatore e inserita tra le 100 eccellenze italiane)“di difficile comprensione”.  Ecco la lettera [segue...]
"L'indagine che l'Agenzia delle Entrate ha disposto alla luce delle notizie emerse dalle notizie giornalistiche sui Panama Papers è sacrosanta. La lotta all'evasione fiscale rimane un punto fermo di questo governo e di questa maggioranza ed è necessario fare chiarezza sui nomi di circa 800 contribuenti italiani che sarebbero coinvolti nei 'Panama papers'.  Ma intanto dobbiamo dare piena attuazione a tutte le misure importanti già decise: devono andare avanti gli scambi automatici  d’informazioni su conti correnti e scambi di denaro che permettono una vera lotta all’evasione. Da gennaio 2017, 80 Paesi, compresi alcuni ex paradisi fiscali come San Marino o il Liechtenstein, saranno coinvolti in quest’opera di trasparenza". [segue...]
RIPRESA SI', MA INCERTA. SERVONO GOVERNO STABILE E RIFORME
"Ieri i dati sul potere d’acquisto delle famiglie, oggi  la nota mensile sull’andamento dell’economia italiana. L’Istat ci restituisce un Paese in moderata ripresa, che  però stenta a sentirsi fuori dalla crisi, in cui le famiglie oscillano tra ottimismo e insicurezza sul futuro, rifugiandosi così spesso nella vecchia e tutta italiana propensione al risparmio. Gli analisti si interrogano e cercano di offrire  una spiegazione del perché nel quarto trimestre dello scorso anno abbiamo messo un po’ meno soldi da parte (impieghi poco remunerativi,  turbolenze sulle banche…). Il quadro che emerge complessivamente mostra che l'economia italiana, come quella del resto del mondo,  continua a presentare significativi elementi di incertezza". [segue...]
"Nonostante sia durata soltanto poche ore, la visita del Presidente Mattarella e del Ministro Franceschini in Umbria ha regalato alla nostra regione momenti di grande valore sia sotto il profilo politico istituzionale che sotto quello culturale e umano. L'intitolazione della caserma al colonnello Valerio Gildoni, in occasione dell'inaugurazione della sede di Perugia del Nucleo Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale, avviene a pochi giorni dalla liberazione della città di Palmira per la cui ricostruzione, come ha ricordato il Ministro Franceschini, l'Italia sarà in prima fila con l'UNESCO portando un patrimonio di conoscenze e di esperienze maturate proprio grazie all'azione dell'Arma dei Carabinieri nel settore del recupero dei Beni Culturali". [segue...]
"In vista del  2 Aprile,  Giornata Mondiale della Consapevolezza dell’Autismo, presentiamo  oggi alla Camera dei Deputati, su iniziativa della collega Chiara Gribaudo, vicepresidente del Gruppo PD,  il libro del professo Maurizio Arduino “ Il bambino che parlava con la luce” (ed. Einaudi). Una lettura che consiglio a tutti coloro che – genitori, insegnanti, professionisti del sistema socio-sanitario, amministratori pubblici, semplici cittadini sensibili e impegnati nel sociale – possono entrare in contatto con persone affette da 'disturbi dello spettro autistico'.  Quattro storie per comprendere e al tempo stesso non perdere la speranza. [segue...]
"La conferenza stampa che ieri i genitori di Giulio Regeni hanno tenuto al Senato insieme e grazie all’instancabile senatore Manconi, Presidente del Comitato per i Diritti Umani, ha raggiunto lo scopo di parlare alla testa e al cuore di tutti gli italiani e dei maggiori organi di informazione su scala internazionale. Cosa sia successo al giovane ricercatore italiano prima barbaramente torturato e poi assassinato in Egitto non può rimanere un mistero e non possono essere tollerate manovre diversive volte a nascondere la verità e a lasciare impuniti i responsabili di una cosi disumana violenza". [segue...]
“Non possiamo che esprimere sentimenti di sgomento per quanto sta accadendo a Bruxelles in queste ore. Le immagini e le notizie che ci giungono dall'aeroporto e dalle stazioni della metropolitana della capitale belga sono terribili, mostrano l'estrema pericolosità del terrorismo di matrice islamica che colpisce in maniera sanguinaria persone innocenti nei luoghi e nelle attività della vita quotidiana. L'obiettivo della violenza terroristica è fin troppo chiaro: minare le fondamenta della nostra civiltà, impedire la convivenza tra culture, etnie e religioni diverse, far prevalere la paura e l'odio sui valori della vita e della democrazia". [segue...]

 Ho aperto la seduta di oggi a Montecitorio con la triste notizia degli attentati di Bruxelles. L'aula ha osservato un minuto di silenzio.  [segue...]
"16 marzo 1978 : con il rapimento di Aldo Moro e l'uccisione degli uomini della scorta quel giorno la storia dell'Italia subì una deviazione violenta e drammatica che è nostro dovere ricordare. Riflettevo questa mattina, andando a Via Fani per la deposizione della corona della Camera dei Deputati, che ormai le persone che ricordano dov'erano e cosa stessero facendo quella mattina di trentotto anni fa sono una minoranza. Motivo in più per non dimenticare e per raccontare e spiegare ai più giovani cosa fu la stagione del terrorismo nel nostro Paese. Cosa furono le stragi e le azioni del terrorismo di matrice fascista ma anche e soprattutto cosa fu il terrorismo rosso, l'azione di quei gruppi armati che negli anni '70 insanguinò la vita collettiva italiana, cercando giustificazioni nel conflitto sociale di quegli anni. [segue...]
 Dalla distruzione delle antiche mura di Ninive, alla decapitazione dell’ex direttore degli scavi archeologici di Palmira, Khaled al Assad, per arrivare alla demolizione del monastero di Mar Elian, alla distruzione di Aleppo: quella di Daesh appare sempre più una guerra contro l’uomo e contro la cultura. Si tratta di una vera e propria  'pulizia culturale', cieca ed inesorabile quanto degradante ed inammissibile. Salva i Monasteri, da anni riunisce, artisti, intellettuali, esponenti politici e della società civile con l’intento di sensibilizzare il mondo occidentale sugli esiti di un vero e proprio genocidio culturale. Ne abbiamo parlato a Montecitorio presentando il documentario di Elisabetta Valgiusti: Nineveh Christians in Exile. Il mio saluto. [segue...]
"Ridurre il peso della burocrazia, spendere meglio le risorse disponibili, valorizzare la professionalità degli operatori, semplificare la vita e il lavoro dei cittadini e delle imprese con una giustizia più efficiente e tempestiva. Sono questi gli obiettivi di fondo della riforma del processo civile approvata oggi a Montecitorio, una riforma necessaria per la nostra economia, per ridurre il gap di competitività nei confronti degli altri paesi europei, per dare risposte in tempi certi ai cittadini e alle famiglie. Nasce il tribunale delle imprese, si ampliano le competenze del tribunale della famiglia, articolandolo in sezioni e gruppi specializzati, dove confluiranno i tribunali dei minori, mantenendo la specializzazione del giudice e del Pm minorile". [segue...]
E’ possibile un dialogo o addirittura un’alleanza tra le parlamentari dell’Intergruppo Donne diritti e Pari Opportunità e i giornalisti e le giornaliste per cambiare l’informazione  sulle donne? E, prima ancora, riusciremo a lavorare tra noi dell’Intergruppo, mettendo da parte le barriere di partito e prendendo esempio dalle nostre madri costituenti,  per fare buone leggi, chiedere ai governi di mettere in campo buone politiche, ma anche per cambiare in profondità la cultura, i linguaggi e la rappresentazione delle donne?  Sono queste le domande che ci facciamo in questo 8 marzo qui a Montecitorio insieme, deputate e giornalisti, riprendendo il filo del linguaggio di genere e del superamento degli stereotipi che abbiamo affrontato lo scorso anno. [segue...]
"A poche settimane dall'approvazione alla Camera della legge delega sugli appalti arriva il decreto legislativo di attuazione. Si passa da 660 a 217 articoli scegliendo una direzione di forte innovazione: trasparenza, semplificazione, uso corretto dei fondi pubblici, lotta alla corruzione, attenzione alla qualità dei progetti. Ecco il nuovo Codice degli appalti  a cui ha dato il via il Consiglio dei ministri di ieri. Ora il testo arriva per il parere in Parlamento che certamente ne confermerà l'impianto semmai rafforzando i contenuti più innovativi in direzione della trasparenza e della qualità della progettazione. Molte e positive le novità introdotte, per archiviare definitivamente la Legge obiettivo, la stagione delle opere incompiute, la prassi delle varianti e della lievitazione ingiustificata dei costi, la logica dell'emergenza e delle deroghe… [segue...]
“La notizia dell'uccisione di due nostri connazionali da tempo ostaggi di Daesh in Libia riempie ognuno di noi di dolore e cordoglio verso le famiglie. Ora non è il momento delle polemiche, le strumentalizzazioni politiche si commentano da sole. Il Governo chiarirà le circostanze della morte dei due italiani che, dalle prime notizie fornite dalla Farnesina, sarebbero due dei quattro dipendenti della Bonatti rapiti in Libia nel luglio del 2015. Ci saranno altre occasioni per confrontarci sulla strategia per combattere il terrorismo jihadista di Isis.Certo non possiamo far finta che la situazione in Libia, a poca distanza dalle nostre coste, non ci riguardi e non sia preoccupante". [segue...]
"Il nostro Risorgimento ha avuto patriote come Cristina Trivulzio di Belgiojoso;  le istituzioni della nostra Repubblica hanno avuto madri come Nilde Jotti, oltreché padri; la nostra letteratura ha avuto grandi protagoniste quali Grazia Deledda, per ora la sola italiana insignita del Nobel”. Sono le prime tre donne 'che hanno fatto grande l’Italia' ad inaugurare la collana “Italiane” della Maria Pacini Fazzi Editore di Lucca presentata oggi a Montecitorio che si arricchirà nei prossimi mesi di altre biografie, storie di donne che hanno lasciato il segno nel loro tempo e in ogni campo. Il mio saluto e la mia soddisfazione per questa iniziativa ha almeno due motivazioni.  [segue...]
"Le chiacchiere stanno a zero, scrive il presidente del consiglio. Quale che sia la nostra opinione politica, dovremmo tutti condividere la sua soddisfazione per gli ultimi dati ISTAT sulla situazione economica e sociale dell'Italia. Perché, dopo tre anni di calo consecutivo, torniamo a vedere il segno più davanti alla dinamica del Prodotto interno lordo; perché, nonostante gli incentivi per le aziende siano scesi, gli assunti a tempo indeterminato a gennaio sono cresciuti di altre 70mila unità;  perché cala il numero degli inattivi; perché la  pressione fiscale si è ridotta al 43,3% del Pil, il livello più basso dal 2011;  perché la spesa delle famiglie è cresciuta dello 0,9%, mentre è scesa la spesa delle amministrazioni pubbliche (-0,7%)… [segue...]

"L'esito delle elezioni in Iran va nella direzione che tanti osservatori internazionali auspicavano: una netta affermazione dei riformisti e dei moderati, un arretramento dei conservatori più radicali. Non è la prima volta che il voto popolare - seppure fortemente condizionato dalle restrizioni che hanno penalizzato i riformisti nella formazione delle liste - premia le componenti politiche più aperte al dialogo con l'Occidente e alla modernizzazione del Paese. La complessità del sistema iraniano e la permanenza nelle istituzioni, religiose e civili, di una componente conservatrice ancora forte spingono tuttavia alla prudenza, a non farsi illusioni eccessive e consigliano di guardare alla evoluzione politica in Iran come ad una dialettica tra spinte diverse che continuerà anche nel futuro.

 [segue...]
"La Camera dei deputati ha detto sì, con il solito voto contrario di chi voleva molto di più e di chi  voleva molto di meno, alle nuove norme sul conflitto d’interessi.  A 12 anni dalla legge Frattini, ecco una legge seria che sarà attuata dall’Antitrust e che prevede obblighi, ineleggibilità e sanzioni per chi non rispetterà quanto previsto. Destinatari  del provvedimento sono tutti i membri del governo - il presidente del Consiglio, i ministri, i vice ministri e i sottosegretari - ma anche i presidente di Regione e delle Province autonome e componenti delle rispettive Giunte, parlamentari italiani e consiglieri regionali. I titolari delle cariche di governo non potranno contemporaneamente ricoprire altri uffici pubblici ad eccezione della carica parlamentare, esercitare professioni o attività professionali, gestire imprese pubbliche o private. [segue...]
"Era stato annunciato nei giorni scorsi dal Ministro Padoan e dal Presidente Renzi ed è ora pubblicato sul sito di Palazzo Chigi il documento con il quale il Governo italiano avanza un'analisi ed una serie di proposte per il futuro dell'Europa. Un position paper con il quale l'Italia indica una visione politica, una direzione di marcia per superare l'attuale crisi di fiducia che il progetto europeo sta attraversando, accompagnandola con numerose misure concrete, da realizzare sia nel breve che nel medio termine. Il documento ha il pregio indubbio di offrire al dibattito italiano ed europeo un'idea complessiva per poter superare un momento critico, per poter rispondere alle fragilità della crescita, per poter rendere davvero irreversibile la moneta unica e il progetto di integrazione del continente. Un progetto che deve recuperare slancio e condivisione, fiducia ed entusiasmo nelle istituzioni e tra i cittadini. [segue...]
"Impegnare mille persone di domenica mattina per una discussione appassionata sui temi di massima attualità - l'Europa, le unioni civili, il lavoro, il partito, il prossimo referendum costituzionale - non è un fatto banale. Lo stato di salute di un partito non si misura soltanto da questo, ma certo anche da questo: dalla capacità di sviluppare un confronto interno pluralista e rispettoso delle posizioni di ognuno, indicando al tempo stesso la strada per giungere alle decisioni, alle sintesi necessarie. Martedì il gruppo del PD al Senato, alla presenza del segretario Renzi, deciderà la strada migliore per ottenere il risultato che l'Assemblea di oggi ha unanimemente confermato. Approvare una legge che finalmente riconosca il valore di legami affettivi tra persone dello stesso sesso, che definisca diritti e doveri delle coppie conviventi, mettendo il nostro Paese alla pari con le altre nazioni europee". [segue...]
"Un grande italiano, un intellettuale innovativo e originale, uno scrittore che ha saputo far amare la letteratura a milioni di persone: con Umberto Eco scompare una figura eccezionale che ha onorato il nostro Paese nel mondo. Ci lascia molti insegnamenti e una passione civile che fino all'ultimo ha animato la sua opera e la sua scrittura. Ho avuto la fortuna e l'onore di incontrarlo proprio sui temi dell'Europa unita, un ideale e un progetto a cui credeva da sempre e che con la sua opera di intellettuale ha saputo incarnare in maniera straordinaria". [segue...]
"Competenza e serietà fanno dello stabilimento militare di Munizionamento Terrestre di Baiano un impianto produttivo importante per il territorio di Spoleto e dell'Umbria, in un quadro di riforma, di razionalizzazione e di modernizzazione che vede impegnati il ministero della Difesa e l'Agenzia Industrie Difesa su tutto il territorio nazionale. A Baiano lavorano oggi 170 persone, di cui 162 civili, si sono avviate collaborazioni con partner privati significativi, si sono ottenuti risultati molto positivi nell'equilibrio economico e finanziario. Oggi ho potuto verificare direttamente la vitalità di questa realtà produttiva salutando i 18 ragazzi e ragazze che hanno avviato il tirocinio in azienda e che acquisiranno nei prossimi mesi le conoscenze e la preparazione per poter lavorare nello Stabilimento, rendendo così possibile il necessario ricambio generazionale". [segue...]
"Le speranze suscitate dall'intesa raggiunta a Monaco sulla Siria  sono purtroppo svanite in pochi giorni. Invece del cessate il fuoco  decine e decine civili continuano a morire a causa dei bombardamenti e per mancanza di cibo, ed è inaccettabile che vengano colpite addirittura le strutture gestite da Medici Senza Frontiere, unico presidio per le popolazioni di quella terra martoriata. Mentre leggiamo gli scambi di accuse sugli autori dei raid dei giorni scorsi, la ripresa dei combattimenti tra forze governative e ribelli nel sud della Siria ha lasciato senza casa,  secondo le Nazioni Unite, quasi 50mila civili nel cuore dell'inverno. E’ necessario, dunque, che ripartendo proprio dalle precarie intese di Monaco,  la comunità internazionale si adoperi perché si aprano immediatamente corridoi umanitari per salvare persone innocenti". [segue...]
"Introdurre finalmente uno strumento per contrastare la povertà, per sostenere  le famiglie povere con minori, per aiutare chi rischia di rimanere escluso: è questo l’obiettivo del disegno di legge delega approvato dal Cdm il 28 gennaio scorso. Riordino delle prestazioni sociali, razionalizzazione degli interventi e dei servizi non può voler togliere a chi ha bisogno, semmai significa preoccuparsi di chi vive una situazione di effettivo svantaggio e non ha alcuna forma di aiuto. Per questo trovo infondate, e forse colpevolmente amplificate, le polemiche sulla presunta volontà  di mettere mano agli assegni di reversibilità di cui non si parla affatto nel testo licenziato dal governo". [segue...]
“TRASPARENZA, INFORMAZIONE, COINVOLGIMENTO PER GESTIRE I RIFIUTI”

“La gestione dei rifiuti radioattivi richiede la massima sicurezza delle popolazioni e dell’ambiente, per questo è necessario assicurare un continuo monitoraggio e controlli scrupolosi. Sulle attività e sui processi in corso è necessario che il Parlamento mantenga alta la sensibilità. Il contributo della Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e sugli illeciti ambientali ad esse correlati sarà in questo come in altri ambiti fondamentale”. Lo ha detto la vice presidente della Camera, Marina Sereni, salutando a Montecitorio gli intervenuti al convegno “La gestione dei rifiuti radioattivi e il sistema dei controlli. Esperienze a confronto tra Francia, Spagna e Italia”.

 [segue...]
"Tra il 1943 e il 1947 migliaia di uomini e donne furono gettati vivi e morti nelle cavità carsiche dell’Istria, le foibe, dopo aver subito processi sommari dai comunisti di Tito e dei suoi partigiani, in nome di una pulizia etnica che doveva annientare la presenza italiana in Istria e Dalmazia. E’ una storia che la cronaca e la retorica del dopoguerra ha tenuto troppo a lungo nascosta perché c’erano vincitori e vinti, fascisti e antifascisti, chi aveva torto e chi pensava di aver soltanto ragione.  Dal 2004, con una legge dello Stato, abbiamo giustamente restituito dignità e verità a quei morti e alle persone costrette al l'esilio, perché ogni pulizia etnica, ogni odio razziale, non importa chi la attui o chi se ne faccia promotore, siano combattute sempre". [segue...]
"Dobbiamo aumentare il grado di consapevolezza di ciascuno di noi, sui pericoli che i nostri giovani possono incontrare nella Rete, e dobbiamo sapere che non basta l'azione di repressione penale. È cruciale infatti la dimensione educativa e sociale e su questa la politica e il Parlamento devono intervenire. La complessità e ampiezza dei pericoli che dobbiamo contrastare per rendere la Rete più sicura per i nostri ragazzi richiede certo buone leggi ma soprattutto una grande capacità di collaborazione tra tutti gli attori, ed un ruolo attivo della società civile". Lo ha detto Marina Sereni intervenendo a Montecitorio al dibattito organizzato da Telefono Azzurro in occasione del Safer Internet Day 2016.   [segue...]
"Abbiamo davanti a noi grandi sfide sia in quanto progressisti che in quanto Europei. Abbiamo affrontato stamattina i temi della crescita, del lavoro, degli investimenti, di cosa fare per lasciarci definitivamente alle spalle la stagione dell’austerità. Ora parliamo di migrazioni, integrazione, solidarietà e sicurezza. Temi cruciali  e complessi nei quali confluiscono aspetti connessi e distinti al tempo stesso. Soltanto decisioni comuni possono evitare errori clamorosi come l’abbandono, esplicito ma ancora peggio implicito, di Schengen.  Così Marina Sereni, intervenendo al convegno "L'Europa di fronte alla sfide del futuro" a Montecitorio. [segue...]
"La discussione in Senato della legge sulle unioni civili non può e non deve trasformarsi in un misero calcolo politico. Giusto rispettare i dubbi etici su alcuni aspetti e lasciare libertà di coscienza, come il Pd ha fatto sempre in questi passaggi, ai propri parlamentari. Poco si capiscono, invece, ricatti o cambi di rotta delle ultime ore, dietro ai quali mi sembra ci siano soltanto calcoli di convenienza e di breve respiro. Calcoli spesso sbagliati, come ci hanno dimostrato nel passato i referendum sul divorzio o l'aborto, quando i cittadini italiani hanno dato una lezione a chi pensava di interpretare la loro opinione. Il nostro obiettivo dev'essere quello di fare una buona legge, che non crei più problemi di quanti ne risolva". 
 [segue...]
"C'è un assillo comune a tutti i genitori di ragazzi disabili: sapere che Il proprio figlio, dopo la loro morte, potrà avere tutte le cure e l'assistenza di cui ha bisogno, che qualcuno continuerà a garantirgli una vita dignitosa, l'autonomia possibile costruita negli anni grazie agli sforzi delle famiglie. A questa domanda abbiamo cercato di dare risposta con la legge sul "Dopo di noi" approvata in prima lettura nei giorni scorsi alla Camera. [segue...]
“Al di là delle polemiche, le cifre previste dalla UE confermano due fatti: che l'Italia ha buone possibilità di ripresa (come peraltro testimonia uno studio Aise/Censis sulla crescita dell’appeal dell’Italia da parte degli investitori stranieri) anche grazie allo sforzo di riforma che stiamo portando avanti; e che l'Unione Europea, come segnala anche la Bce, nel suo complesso, non cresce ancora abbastanza. Per questo sono più che ragionevoli le proposte che vanno nella direzione di una disciplina di bilancio meno rigida e più attenta alla necessità di investimenti, pubblici e privati, in grado di irrobustire i dati dell'economia del continente. Solo una alleanza tra le istituzioni comunitarie e i principali paesi membri può vincere le resistenze e le tentazioni a tornare indietro rispetto al progetto europeo”. [segue...]
"Non vorremmo che si parlasse e si scrivesse di Camera e Senato soltanto per segnalare cose che non vanno, quasi temendo che il vero guaio sarebbe se i costi dovessero abbassarsi, l’autorevolezza dei politici dovesse crescere, il funzionamento dei Parlamento dovesse migliorare." (...)"Nel nostro piccolo non stiamo facendo una rivoluzione, impossibile, ma piccoli passi".(...)Se tutto resterà com’è, noi avremo fallito il compito che ci siamo assunte e le Istituzioni saranno ancora un po’ meno credibili. Ma articoli e libri sulla ‘casta’ continueranno ad avere spazio e fare fortuna. C’è chi punta, dentro e fuori dal Parlamento a questo, noi no". Così le vice presidenti di Camera e Senato Sereni e Fedeli in una lettera al Corriere della Sera.
  [segue...]
"Una grande tradizione lega Genova al Sudamerica. Impossibile non richiamare qui i nomi e le imprese di Colombo e di Garibaldi, l’epopea delle grandi emigrazioni italiane tra Ottocento e Novecento che oggi si ripropongono in forme nuove (...). Europa e America Latina debbono e possono avere la forza e la lungimiranza di sviluppare una relazione che sappia andare oltre l'aspetto istituzionale e formale, e costituire una grande piattaforma di 'riscoperta reciproca'. In questo quadro l'Italia sta giocando un ruolo di primo piano".  Dei rapporti tra Italia e America Latina ha parlato Marina Sereni nell'incontro organizzato da Casa America a Palazzo Tursi a Genova. [segue...]
“Sono molto soddisfatta perché con la decisione di oggi l’Ufficio di Presidenza ha raccolto il lavoro del Comitato Affari del personale condiviso da tutti i colleghi e costruito insieme all'analogo organismo del Senato presieduto dalla Vice presidente Fedeli. Con la delibera di oggi avviamo il percorso che ci porterà in tempi brevi all'istituzione del ‘Ruolo unico’ dei dipendenti di Camera e Senato, come prevede ora anche la riforma costituzionale in dirittura d'arrivo.  Unificare servizi e superare duplicazioni inutili, rendere più semplice il trasferimento di personale da un'amministrazione all'altra, armonizzare i trattamenti economici e giuridici dei dipendenti, valorizzare appieno tutte le risorse professionali disponibili, introducendo criteri di selettività e di premialità per chi ha più meriti. E’ un’occasione storica, una sfida  che non possiamo perdere". [segue...]
"L’organizzazione burocratica della morte, il segreto degli assassini, le sparizioni dei corpi, la stessa retorica dei carnefici richiamano la logica dell’universo concentrazionario nazista". Per questa orribile similitudine è stata scelta la Giornata della Memoria per leggere a Montecitorio alcuni brani dell'opera di Giovanni Greco che ha raccontato come autore e regista teatrale de "L'ultima madre" l’incubo della violenza di Stato, la negazione completa della dignità umana, il male quotidiano e sistematico negli anni della dittatura Argentina. "La società civile argentina  - ha detto la vice presidente Sereni nel suo saluto - seppe opporre il coraggio disarmato delle madres e delle abuelas della Plaza de Mayo, che continuano ancora oggi la loro battaglia per recuperare un’identità per troppo tempo negata e di cui occorre invece fare memoria". [segue...]
"Specialità dunque non vuol dire distanza, non vuol dire separatezza, ma riconoscimento della peculiarità di alcuni territori per note ragioni di ordine storico, politico e culturale che conservano tutt’oggi una loro validità. Quadro variegato sulle autonomie speciali, con luci ed ombre, con modelli da imitare e problemi da risolvere, dove il punto centrale resta il mantenimento e la valorizzazione della specialità in un sistema in cui tutti sono chiamati alla responsabilità nazionale". Così la vice presidente Sereni intervenendo al seminario Il futuro delle Regioni a statuto speciale alla luce della riforma costituzionale”. [segue...]
PER NON DIMENTICARE
Hannah Arendt "I vuoti di oblio non esistono. Nessuna cosa umana può essere cancellata completamente e al mondo c'è troppa gente perché certi fatti non si risappiano: qualcuno resterà sempre in vita per raccontare. E perciò nulla può mai essere praticamente inutile, almeno non a lunga scadenza". (...)
I campi di concentramento e di sterminio servono al regime totalitario come laboratori per la verifica della sua pretesa di dominio assoluto sull’uomo. Il dominio totale, che mira a organizzare gli uomini nella loro infinita pluralità e diversità come se tutti insieme costituissero un unico individuo, è possibile soltanto se ogni persona viene ridotta a un’immutabile identità di reazioni, in modo che ciascuno di questi fasci di reazioni possa essere scambiato con qualsiasi altro".  [segue...]

“Non condivido le polemiche e lo scetticismo che diversi commentatori hanno espresso in queste ore sulla visita del primo ministro iraniano Hassan Rouhani nel nostro Paese. Polemiche e scetticismi che sarebbero magari stati di segno opposto se, anziché partire dall'Italia, l'esponente di Teheran avesse deciso di recarsi in Germania o in qualche altro paese in Europa. All'indomani dello storico accordo sul nucleare, e della conseguente fine delle sanzioni, la missione iraniana riveste una importanza evidente per il sistema economico del nostro Paese, essendo l'Italia storicamente uno dei principali partner commerciali dell'Iran".

 [segue...]
(ANSA) Parte anche da Molenbeek, il quartiere di Bruxelles salito alla ribalta delle cronache in occasione degli attentati di Parigi, la lotta al terrorismo che deve essere portata avanti attraverso "una nuova generazione di politiche orientate all'inclusione e all'integrazione". E' quanto sottolineato dalla vice presidente della Camera, Marina Sereni (Pd), in occasione di 'Insieme a Molenbeek', iniziativa promossa dal Pd di Bruxelles in collaborazione con i deputati Pd e i partiti socialisti belgi fiammingo e vallone. Oltre a Sereni, all'appuntamento sono intervenuti, tra gli altri, Laura Garavini, l'europarlamentare italo-belga Marie Arena e Francesco Cerasani, segretario del Pd di Bruxelles.  [segue...]
(ANSA) Un gruppo di deputati italiani del Partito Democratico ha effettuato oggi una missione ufficiale a Parigi per manifestare vicinanza e solidarietà dopo gli attentati del 13 novembre. Alla delegazione - che domani continuerà la missione a Molenbeek, il comune dell'agglomerato urbano di Bruxelles da cui provenivano diversi membri del commando jihadista - hanno partecipato la vicepresidente della Camera dei Deputati, Marina Sereni, e gli onorevoli eletti nelle circoscrizioni Europa Laura Garavini e Alessio Tacconi. A Parigi, i tre parlamentari del Pd hanno incontrato, tra gli altri, la vicepresidente dell'Assemblée Nationale, Sandrine Mazetier e il presidente del gruppo dei socialisti, Bruno Le Roux. [segue...]

"La visita del Santo Padre alla Sinagoga di Roma è caduta nel giorno della strage di oltre trecento civili in Siria per mano dell'Isis e all'indomani dell'attentato a Ouagadougou rivendicato da un gruppo affiliato ad Al Queda, nel quale ha perso la vita anche un bimbo italiano di soli nove anni. Nessuna fede può giustificare la violenza cieca del terrorismo jihadista, nessun Paese può chiamarsi fuori dalla lotta contro chi finanzia e arma la mano di fanatici che usano la religione per distruggere ogni valore umano. Il dialogo tra le grandi religioni monoteiste, la condanna senza ambiguità dell'antisemitismo, il riconoscimento di ogni fede e il rispetto di ogni singolo essere umano sono valori per noi irrinunciabili, attraverso i quali possiamo contrastare sul piano culturale le forze del terrore e del radicalismo".

 [segue...]
"Tra storia e futuro, Repubblica compie 40 anni. Quarant'anni in cui, da quel lontano 1976,  l'Italia è cambiata, non una ma molte volte. Quarant'anni in cui il quotidiano, diretto da Scalfari, Mauro, e oggi da Calabresi, con tutti i suoi giornalisti, editorialisti, collaboratori, ha proposto e offerto cronache e spunti di riflessione.  Vi rinvio alle parole di Ezio Mauro nel suo editoriale di oggi  , augurando buon lavoro al neo direttore Mario Calabresi chiamato a continuare e a rinnovare una storia importante, e a raccontare un Paese che sta cercando la strada per cambiare e costruire un domani migliore". [segue...]
“Ogni contributo è utile quando si deve affrontare una legge attesa da anni per affermare i diritti delle coppie di fatto etero e omosessuali. L'Italia può e deve recuperare un ritardo incomprensibile rispetto ad altri paesi europei, di fronte ad una realtà sociale che cambia. Le coppie di fatto, omosessuali e no, devono veder riconosciuti diritti  basilari, e la proposta in discussione al Senato va in questa direzione. In una società percorsa da egoismi, paure e solitudini  riconoscere il valore affettivo e di solidarietà di forme di convivenza diverse dalla famiglia tradizionale, ed occuparsi dei bisogni dei bambini che vivono in quei contesti,  mi sembra un fatto del tutto ragionevole e positivo. La stepchild adoption è un istituto che si muove dentro questa logica". [segue...]
Un altro passo avanti, un impegno rispettato per dare le risposte attese dalle lavoratrici e dai lavoratori dell'Ilva, dalla città di Taranto, dall'economia nazionale. Il senso dell'ok del PD al decreto per la cessione dei complessi aziendali del gruppo siderurgico è nelle parole di Chiara Braga, responsabile Ambiente del Partito Democratico, alla quale è stata affidata la dichiarazione di voto nell'aula di Montecitorio.
Ecco il suo intervento:  "Signor/a Presidente! Onorevoli Colleghi! Con la conversione del decreto legge per la cessione dei complessi aziendali del Gruppo ILVA il Governo porta a termine un altro impegno, con il pieno sostegno del Partito Democratico". [segue...]
“E’ arrivata l’espulsione, in pieno stile 5 Stelle.  Nessuna spiegazione, soltanto un’espulsione nella speranza di superare con un gesto ad effetto domande che non hanno ancora avuto alcuna risposta politica vera.  La condanna o l’assoluzione, per la sindaca di Quarto, per chi crede nella giustizia e non nel giustizialismo, arriverà dalla legge, da chi sta indagando. Ma mentre si scopre che la scalata al comune campano potrebbe essere arrivata grazie all’aiuto della camorra, è evidente il tentativo da parte del Movimento di chiudere la vicenda scaricandola su un'unica persona. Dal punto di vista politico, un dato è chiaro: non esiste alcuna superiorità genetica che mette i 5 stelle al di sopra dei partiti". [segue...]
"Dalla Turchia arrivano conferme ufficiali sul fatto che a portare la morte nel quartiere turistico di Istanbul sia stato un kamikaze di origine siriana. Ma il primo pensiero corre alle vittime, ai feriti, ai loro familiari. La battaglia contro il terrorismo non può fermarsi perché non si fermano, in ogni luogo,  gli attentati  contro innocenti di ogni nazionalità. Il popolo turco  è stato  già vittima della furia assassina e la comunità internazionale non può che far sì, con fermezza e determinazione, che nessuna ambiguità debba essere concessa nel  combattere chi uccide e vuole distruggere valori di libertà e tolleranza" Così Marina Sereni commenta l'esplosione di questa mattina in piazza Sultanahmet a Istanbul". [segue...]

"Con il voto di oggi a Montecitorio la riforma costituzionale si avvia al traguardo finale. Un grande risultato, che solo i detrattori per punto preso possono disconoscere, un nuovo assetto istituzionale che dopo innumerevoli tentativi falliti finalmente supera il bicameralismo paritario. La democrazia è un bene prezioso, l'equilibrio tra i poteri e le diverse istituzioni è un obiettivo che va costantemente perseguito, tenendo conto dei cambiamenti profondi che sono avvenuti ad ogni livello nel rapporto tra i cittadini e la politica. Solo un'azione riformatrice profonda può rendere più forti le istituzioni democratiche e il referendum costituisce in questo quadro un momento di partecipazione popolare di grande valore. Con il referendum gli italiani potranno confermare e consolidare questa novità e dare più forza a chi vuole continuare a trasformare il Paese per farlo crescere e diventare migliore".

 [segue...]
"Le festività natalizie e per il nuovo anno sono trascorse tra timori di attentati e speranze di serenità. In fondo i dati Eurostat, seppure riferiti allo scorso ottobre, confermano il sentimento prevalente tra gli italiani: è cresciuto l'ottimismo tra le famiglie, che hanno speso qualcosa in più per imbandite le tavole, acquistare un regalo, fare qualche giorno di vacanza, ma la cautela è d'obbligo. Le cicatrici della lunga crisi, più lunga e più dura in Italia rispetto ad altri paesi europei,  sono tutt'altro che sanate e la ripresa dei dati economici effettivi, dalla produzione industriale all'occupazione, procede un po' più lentamente. Questi dati segnalano un differenziale che il nostro Paese soffre da decenni rispetto alle economie più competitive del nostro continente. Ecco perché  le riforme messe in campo dal Governo sono così importanti, ecco perché dobbiamo attuarle ed implementarle concretamente".

  [segue...]

"Come ci spiegano gli esperti e gli storici le radici del conflitto tra sunniti e sciiti sono lontane nel tempo e sono oggi inasprite da ragioni economiche e geopolitiche. La crisi in corso, scatenata dalle esecuzioni capitali che il regime di Riad ha eseguito uccidendo 48 oppositori tra cui un imam sciita, è molto grave e rischia di infiammare un'area già carica di conflitti e tensioni. Bene hanno fatto il Segretario di Stato USA Kerry e l'Alto Rappresentante per la politica estera europea Mogherini a rivolgere un richiamo severo e deciso all'Arabia Saudita e un invito alla moderazione all'Iran. Il 2015 ha visto la firma dello storico accordo sulle armi nucleari con l'Iran e una prima importante intesa tra le parti per aprire una transizione in Siria e combattere così il terrorismo dello Stato Islamico".

 [segue...]
LAVORO, GIOVANNI, DONNE, IMMIGRATI, PACE...SPERANZE DEL 2016
"Buonasera,
un saluto molto cordiale a quanti mi ascoltano e gli auguri migliori, altrettanto cordiali, a tutte le italiane e a tutti gli italiani, in patria e all'estero; e a coloro che si trovano in Italia e che amano il nostro Paese. A tutti un buon 2016. L'anno che sta per concludersi ha recato molte novità intorno a noi: alcune positive, altre di segno negativo.  Questa sera non ripeterò le considerazioni che ho fatto, giorni fa, incontrando gli ambasciatori degli altri Paesi in Italia sulla politica internazionale, e neppure quelle svolte con i rappresentanti delle nostre istituzioni. Stasera vorrei dedicare questi minuti con voi alle principali difficoltà e alle principali speranze della vita di ogni giorno".  Queste le parole del primo messaggio di fine anno del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella [segue...]
"Non credo sia possibile né giusto leggere il risultato elettorale con occhiali italiani. In particolare ritengo sia abbastanza arbitrario, e anche un po' patetico, assimilare questa o quella forza politica spagnola con i partiti o i movimenti italiani, se non altro perché i protagonisti a Madrid sono tutte facce nuove mentre quelle italiane sono in un modo o nell'altro tutti vecchie conoscenze... Sono convinta invece che la lente europea sia necessaria.  Il rischio di instabilità politica che il risultato produce non può essere rassicurante per Bruxelles perché stiamo parlando di un grande paese, fortemente colpito dalla crisi economica e con una situazione finanziaria delicata. La crisi del sistema bipolare spagnolo d'altro canto rappresenta la manifestazione più evidente del prezzo che i partiti tradizionali pagano, in termini di consenso, a causa della inadeguatezza delle politiche di sacrifici e austerità prevalse in Europa negli anni passati. [segue...]
"Più lavoro, meno tasse, più cultura, più sicurezza. Come si addice a ogni Legge di Stabilità che si rispetti, anche quella 2016 è stata approvata in un rush notturno. Forse con troppi commi, forse con troppe materie, forse con un eccesso di norme di dimensioni specifiche. Tuttavia mai come uest'anno la Legge cerca di parlare ad un’Italia che torna a crescere e investe su se stessa, a cominciare dai giovani, dalla cultura dalla creazione di posti di lavoro di buona qualità. Per un approfondimento sui vari capitoli, vi rimando al focus del ministero dell’Economia, ma intanto mi preme segnalare come la riduzione delle tasse che scatta il primo gennaio accrescerà il reddito e la fiducia delle famiglie e quindi i consumi che, come segnalano le varie statistiche, sembrano in via di ripresa. [segue...]
"Forse qualcuno del M5S si sarà domandato, alla fine dell'intervento della Ministra Boschi, se l'iniziativa della mozione di sfiducia individuale non si sia in effetti rivelata un boomerang. Con argomenti precisi e puntuali, e con un tono pacato e determinato, Maria Elena Boschi ha chiarito punto per punto di non aver compiuto, nella sua attività di Ministro, alcuna scelta che abbia favorito la sua famiglia. La vicenda delle banche di territorio, la necessità di riorganizzare il sistema del credito per tutelare il risparmio dei cittadini e affrontare anche le sofferenze che si sono accumulate negli anni della crisi, non ha nulla a che fare con i comportamenti della Ministra Boschi. Anzi, questo governo ha mostrato di voler finalmente mettere mano alla riforma del sistema delle Banche popolari e della Banche di Credito cooperativo..." [segue...]

“Finalmente, dopo molti tentativi andati a vuoto, i deputati e i senatori in seduta congiunta riescono ad eleggere i giudici costituzionali mancanti e a ricostituire il plenum del massimo organo giurisdizionale. Il fatto in sé' non può che essere considerato molto positivamente perché il regolare funzionamento delle istituzioni democratiche è una delle condizioni essenziali per garantire i diritti dei cittadini e il giusto equilibrio tra i poteri, così come previsto dalla nostra Carta Costituzionale.“Barbera, Modugno e Prosperetti sono tre giuristi di valore indiscutibile. Diversi per provenienza e ispirazione culturale, serviranno al meglio le istituzioni e la Costituzione.

 [segue...]
"Gli elettori francesi hanno dimostrato al secondo turno delle regionali di temere una vittoria della destra xenofoba e populista della Le Pen. I voti assoluti ci dicono che l'avanzata del Front National non si è arrestata ma l'unità delle forze repubblicane ha impedito che si insediasse al governo. Stupisce che esponenti di Forza Italia commentino con entusiasmo il voto francese, dando per scontato che nel nostro Paese un partito che aderisce al Ppe si alleerebbe senza problemi con una forza antieuropea... In Francia il meccanismo elettorale del doppio turno ha funzionato proprio perché i moderati hanno scelto un'ipotesi radicalmente diversa. Certo le ragioni per le quali molti cittadini si sono rivolti al FN restano lì". [segue...]
"È stata, secondo alcuni, l'edizione della maturità. Non era facile, nel pieno di un'azione di riforma che ha toccato e sta toccando ogni settore della vita del Paese, suscitando resistenze e paure in chi difende rendite di posizione e immobilismi; mentre alla Camera si sta esaminando una Legge di Stabilità importante, che investe sui segnali di crescita e di ripresa per uscire definitivamente dalla recessione e dare risposte alle fasce più deboli; a ridosso di una vicenda come quella delle banche fallite che ha drammaticamente travolto molti ignari risparmiatori, truffati dalla "banca sotto casa, quella di cui si fidavano".
Matteo Renzi ha concluso la Leopolda 6 con uno scatto di orgoglio, ricordando le leggi che abbiamo approvato, le aziende che abbiamo salvato,..." [segue...]

"Care ragazze e cari ragazzi, gentili Ospiti e Autorità, grazie per aver accolto l’invito ad assistere a questo concerto che, alla vigilia delle festività natalizie è diventato, anno dopo anno, un momento tradizionale di incontro con i giovani: gli studenti, invitati a prendere posto nei banchi dove normalmente siedono i deputati, e i talentuosi ragazzi della JuniOrchestra dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia, diretti dal Maestro Salvatore Accardo. Al Maestro – a ragione considerato anche il più grande violinista italiano della sua generazione - va il ringraziamento mio personale e della Camera dei deputati per la sua prestigiosa partecipazione. Prima di lasciar parlare la musica, voglio rivolgermi soprattutto ai giovani presenti. Varcando le grandi porte dell’Aula, questa sera, siete entrati di persona in quell’immagine che certamente vi è già familiare per averla vista in TV tante volte".

 [segue...]

"Sarà una tre giorni di grande interesse, quella che ha preso avvio oggi pomeriggio a Roma sotto il titolo "Oltre il disordine, una agenda positiva. Dialoghi mediterranei", un convegno internazionale organizzato dall'Ispi e dal Ministero degli Esteri e della Cooperazione italiano che sarà aperto dal Presidente Napolitano. Basta scorrere l'elenco delle personalità che parteciperanno e prenderanno la parola per cogliere il significato e l'importanza di questo appuntamento: Capi di Stato e ministri,  esperti e amministratori di grandi aziende si confronteranno fino a sabato non solo sulle crisi in corso nell'area del Mediterraneo, ma anche sui temi di medio e lungo periodo, come lo sviluppo e la cooperazione, la gestione sostenibile delle risorse naturali, il dialogo tra le culture, la gestione delle migrazioni, la lotta al terrorismo e ai radicalismi".

 [segue...]
“Non posso che esprimere soddisfazione per le decisioni assunte oggi dall’Ufficio di Presidenza della Camera sulla base delle proposte avanzate dal Comitato Affari del Personale  da me presieduto. Si è deciso, dunque, di sospendere l'erogazione di un aumento stipendiale pari all'1% previsto in un accordo sindacale del 2011; di modificare le regole circa le festività soppresse così da escludere la possibilità di monetizzare le giornate non utilizzate a partire da quelle del 2016; di confermare il blocco dell'adeguamento automatico delle retribuzioni, fermo dal 2011, fino alla definizione, di concerto con il Senato, di un nuovo sistema di calcolo che sia analogo a quello previsto dall'ordinamento generale; di confermare la riduzione delle indennità di funzione - i cui effetti sarebbero venuti a scadenza il 1° gennaio 2016 - anche in questo caso fino all'approvazione di una nuova disciplina comune ai due rami del Parlamento che renda omogenei i rispettivi importi”. [segue...]
"In un clima di relativa serenità, tra i credenti arrivati a San Pietro e tra i romani tutti, si è aperto il Giubileo della Misericordia. Un evento religioso di portata mondiale, come ha voluto sottolineare Papa Francesco nell’aprire ieri la Porta Santa di Roma. Un Giubileo straordinario, che vedrà al centro non solo Roma ma tanti altri luoghi anche lontani e travagliati come è accaduto la settimana scorsa con l'apertura della Porta Santa della cattedrale di Bangui, capitale della Repubblica Centrafricana. Più che un bollettino delle presenze, degli arrivi o delle cancellazioni alberghiere, complice il timore scatenato dai recenti fatti di Parigi, credo sia il momento di prestare attenzione al messaggio spirituale che la Chiesa del Papa venuto dalla fine del mondo vuole lanciare a credenti e non". [segue...]
"Non si può semplicemente liquidare come vittoria del populismo il risultato della Le Pen in Francia, sarebbe una semplificazione che non si addice a un evento complesso e non inaspettato. Tante cose, in questi ultimi anni, hanno preparato quella affermazione: la difficile comprensione, al di fuori della cerchia di esperti e addetti ai lavori, del ruolo dell’Europa e gli stessi ritardi dell'Unione ad affrontare le nuove sfide poste dalle dimensioni globali dell'economia e della finanza; l'impatto sociale della crisi economica che ha portato a livelli record di disoccupazione ed esasperato le fasce più deboli; la pressione migratoria che ha alimentato egoismi e chiusure;  l’acuirsi del fenomeno del terrorismo di stampo islamista che, strumentalizzato dalle destre, fa intravedere in ogni musulmano un possibile kamikaze da respingere o condannare". [segue...]
“Penso che sia urgente superare questo stallo. La Corte Costituzionale, è il massimo organo giurisdizionale  e deve essere messo nella condizione di funzionare. E’ evidente che con  la mancanza di ben tre membri, basta un niente, come l’assenza di uno dei giudici che attualmente ne fanno parte, perché la Corte si blocchi. Questo non fa bene alla democrazia, ed è per questo che il Parlamento deve trovare il modo per ricomporre il Plenum. Noi del PD non abbiamo cercato il dialogo soltanto con alcuni, ma chi si predispone a cercare delle intese non può  porre dei veti. E’ urgente dunque che riprenda il dialogo politico tra tutte le forze parlamentari" Così Marina Sereni rispondendo alle domande di Radio Radicale[segue...]
"Il Mediterraneo, il Mare nostrum che conosciamo come luogo d’incontro tra culture diverse, è oggi al centro di molteplici tensioni e conflitti. Il nodo della stabilità nell'area era per noi una priorità ben prima dei drammatici fatti di Parigi del 13 novembre e lo è ancora di più oggi, nel momento in cui la lotta al terrorismo internazionale di matrice islamista fa  dell’Egitto, per noi e per il mondo, un paese cruciale”.  Lo ha detto Marina Sereni, inaugurando a Montecitorio la conferenza promossa da ISIAMED (Istituto italiano per l’Asia e il Mediterraneo)  e l’Associazione Italia-Egitto:  “Il Partenariato Italia-Egitto rafforza la stabilità nel Mediterraneo ”.
 [segue...]

"Quella che stiamo vivendo è un’epoca difficile, cupa, carica di pericoli. L’uso della religione a fini di morte è una mostruosità blasfema. Chi ha voluto l’azione di quel tragico venerdì 13 si illude. Non riusciranno ad imporre la loro logica, e nemmeno il loro linguaggio. Non ci spingeranno a dividere il mondo secondo religioni, etnie, civiltà. Non vinceranno con le loro idee di odio e violenza perché noi abbiamo la memoria degli orrori della dittatura nazi-fascista e della forza e del coraggio con cui ragazzi come quelli del Gruppo Cremona hanno combattuto per riconquistare libertà e democrazia". Così Marina Sereni, parlando a Città di Castello durante il convegno: L'Alta Valle del Tevere e il Gruppo di Combattimento Cremona". [segue...]

"Nell'incontro e nella conferenza stampa congiunta di Renzi e Hollande a Parigi è emerso con grande chiarezza l'impegno dell'Italia nella lotta al terrorismo di matrice islamica. Alla Francia colpita dalla violenza terroristica ci lega una comune appartenenza culturale e ideale, come ha bene sottolineato il Presidente Renzi alla Sorbona. Il nostro comune obiettivo è quello di sconfiggere Daesh e garantire sicurezza ai nostri Paesi, all'Europa, al Medio Oriente. Per questo occorre che la coalizione internazionale sappia identificare le sue priorità strategiche e superare tensioni e divisioni al proprio interno". Così Marina Sereni su Rainews24, commenta gli incontri all’Eliseo e alla Sorbona. [segue...]
"Sono molto contenta che si sia deciso, nella Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, di avere qui a Montecitorio un confronto sul lavoro femminile, perché sono convinta che il ruolo economico e sociale delle donne sia uno dei terreni principali sul  quale affermare il nostro protagonismo. Credo, peraltro, che sia l’anno giusto, perché è l’anno in cui cominciamo a intravedere l'uscita da una crisi dura, che ha colpito in modo particolare le famiglie monoreddito, quelle nelle quali sono quasi sempre le donne a non lavorare. E dunque, se, come spero e credo, stiamo superando la crisi, dobbiamo sapere che la ripresa non sarà neutra". [segue...]
"Con l'elezione di Macri gli argentini hanno scelto la discontinuità rispetto al lungo periodo di Nestor e Christina Kirchner. È decisamente troppo presto per dire se questo significherà o no una strada completamente nuova anche riguardo alla tradizione peronista. L'Argentina ha di fronte grandi sfide che riguardano in primo luogo l'economia e il ruolo del paese Latino-Americano nella regione e nel mondo. L'Italia è legata all'Argentina da profonde relazioni storiche, culturali, sociali ed economiche. La presenza di milioni di persone di origine italiana, molti dei quali nostri concittadini, la collaborazione economica tra le imprese, gli scambi culturali crescenti rendono l'Argentina un paese di interesse strategico per l'Italia". [segue...]
"La proroga e il rifinanziamento delle missioni internazionali per l’ultimo trimestre del 2015 avviene in un momento particolarmente difficile e doloroso e mentre si riflette su come  affrontare efficacemente la violenza di Daesh.  Accanto alle missioni di stabilizzazione in cui l'Italia è impegnata da più lungo tempo, in Libano così come in Afghanistan o in Kossovo, il decreto che oggi abbiamo approvato finanzia anche le attività dei nostri militari contro la minaccia terroristica: 750 uomini impegnati contro Isis per una spesa di oltre 64 milioni di euro.  E’ importante che il decreto si sia arricchito in questo passaggio a Montecitorio della norma sull'intelligence". Segue... [segue...]
Trentamila reati ambientali, un giro d’affari delle cosiddette ecomafie di circa 22 miliardi nel 2014, l’ISPRA che su smaltimento in discarica, riciclaggio e raccolta differenziata ci diceo che c’è ancora molto da fare…La Commissione di inchiesta sul ciclo dei rifiuti, nata  nella XIII legislatura e sempre ricostituita "è il segno dell’attenzione e della sensibilità del Parlamento nei confronti delle tematiche della tutela dell’ambiente, dell’ecosistema e della salute pubblica".  Ma a che punto stiamo? “Il contributo della Commissione è fondamentale nel contrasto agli illeciti e nella definizione di una innovativa gestione del ciclo dei rifiuti". Così la vice presidente della Camera, Marina Sereni, salutando i partecipanti all’incontro “Rifiuti: un’inchiesta lunga vent’anni”, a Montecitorio. Leggi l’intervento…  [segue...]

"Un altro passo avanti per far ripartire l’Italia, un Paese moderno ed europeo che punta sulle aziende sane e sulle opere pubbliche utili, dotandosi di uno strumento essenziale per combattere la corruzione che si annida nelle norme poco chiare o nella filosofia delle deroghe. L’approvazione a Montecitorio del Codice degli Appalti, con l’egregio lavoro fatto dalla relatrice Mariani e da tutto il gruppo del PD, è importante per chi vuole che l’Italia cresca e che ogni appalto della Pubblica Amministrazione sia il frutto di un lavoro serio e rigoroso. Il voto a larghissima maggioranza dimostra che si è fatto un buon lavoro, con il coinvolgimento di tutte le forze e con il contributo di esperti e istituzioni a partire da ANAC". Segue...

 [segue...]

"L'odio e la violenza che ieri hanno colpito nuovamente il cuore di Parigi facendo centinaia di vittime innocenti richiedono una risposta forte, prima di tutto sul piano politico e culturale. Il nostro pensiero e la nostra vicinanza vanno alle vittime, al popolo e alla Nazione di Francia.  Lo strumento militare, da solo, non è sufficiente e adeguato a vincere la minaccia terroristica. Dobbiamo sconfiggere chi odia i valori umani fondamentali, far prevalere le ragioni della vita su quelle della morte. È indispensabile l'unità di di tutti i leader politici e religiosi per contrastare il terrorismo di matrice islamica". Segue...

 [segue...]
"Anch’io, come molti parlamentari che oggi partecipano alla discussione qui a Montecitorio, sarò idealmente a Parigi il prossimo 30 novembre per la XXI Conferenza sui cambiamenti climatici che riunisce nella capitale francese 195 Paesi. L'obiettivo di arrivare, per la prima volta in vent’anni, a un accordo vincolante e universale sul clima, un accordo che sia più solido e più esteso di quello di Kyoto, mai ratificato dagli Stati Uniti, non è scontato perché  esiste un notevole gap fra i diversi Paesi che prenderanno parte alla COP21. Il tema dei cambiamenti climatici non è un argomento per addetti ai lavori, per gli ambientalisti di professione, riguarda la vita di tutti noi e il futuro dei nostri figli". Segue... [segue...]
"Raccogliendo una proposta avanzata dalla società civile, con Libera,  le Acli, la Lega Coop, Sos Impresa, il Centro studi Pio La Torre, la Cgil, Avviso Pubblico, l'Arci, e tenendo conto delle indicazioni arrivate dalla commissione Fiandaca e dalla Commissione antimafia, alla Camera abbiamo approvato ieri una legge davvero importante che riforma profondamente e rafforza il Codice antimafia con norme stringenti per la gestione dei beni e delle aziende sequestrate alla mafia. Abbiamo risposto alla domanda di legalità, di giustizia e di sviluppo che viene dai territori maggiormente colpiti dalle infiltrazioni mafiose nell'economia e dai soggetti che operano sul campo per offrire opportunita' di lavoro e di crescita alternative a quelle della criminalità organizzata". Segue... [segue...]
“Nei giorni delle proteste e dell'aspra discussione parlamentare della Buona Scuola ognuno di noi ha avuto dubbi e preoccupazioni circa l'impatto delle decisioni che stavamo prendendo. Eravamo convinti di dover intervenire ma sentivamo anche i tanti interrogativi che ci venivano dai diretti interessati. Oggi che, con la cosiddetta fase C, si completa il piano di assunzioni degli insegnanti precari delle graduatorie ad esaurimento credo si possa essere davvero orgogliosi di aver contribuito ad un cambiamento positivo della scuola, di aver dato certezze a chi per anni è vissuto nella precarietà cercando di svolgere al meglio un compito delicatissimo come quello di formare i nostri giovani". Segue... [segue...]
"Le comunicazioni dei Ministri Gentiloni e Pinotti hanno chiarito molto bene quali sono gli elementi geo-politici e le ragioni strategiche per le quali l'Italia ritiene di dover restare in Afghanistan per un periodo ulteriore, intensificando la sua azione di supporto alle istituzioni afgane e continuando a cooperare con gli altri paesi presenti nella zona. Negli ultimi undici anni il lavoro della comunità internazionale in Afghanistan è stato molto impegnativo, ha comportato un'elevata quantità di risorse e anche il sacrificio di molte vite umane. Si sono ottenuti dei risultati innegabili, sia per quanto riguarda le condizioni di vita delle popolazioni sia sotto il profilo della costruzione delle istituzioni". Segue... [segue...]
“Legame con il suo territorio, con la sua economia e con la sua grande tradizione culturale, forte attenzione all’internazionalizzazione della nostra società e del nostro sistema produttivo”. Queste le caratteristiche della sede di Arezzo dell’Università di Siena, sottolineate dalla vice presidente della Camera, Marina Sereni che ha partecipato all’inaugurazione dell’anno accademico. La Carta dei diritti di Internet, il Jobs Act, le misure della 'Buona scuola', la legge di Stabilità che incrementa di oltre novanta milioni di euro nel 2016 il Fondo per le università…Buone notizie per un Paese unico al mondo, ha detto citando Benigni, “dove è nata prima la cultura e dopo la Nazione”. Leggi l'intervento... [segue...]
"Una vita spesa per la libertà del proprio Paese, perché prevalesse la pace, il dialogo, la non violenza.  Libera o in carcere, tra la sua gente o ai domiciliari Aung San Suu Kyi non ha mai tradito se stessa, la sua moralità, e oggi il suo popolo l’ha premiata con la vittoria ormai certa della Lega nazionale per la democrazia. La leader dell’opposizione birmana sta invitando, in queste ore, i suoi sostenitori alla prudenza, perché è difficile prevedere come reagiranno i militari e se e come sarà possibile coinvolgere nella svolta democratica il partito Usdp,  sostenuto dall'ex giunta militare, e  le minoranze etniche". Segue...
 [segue...]
"Dimostrare, con la forza dei fatti e delle idee, che non ci si può e non ci si deve rassegnare alla logica dello scontro e della disgregazione; che è possibile restituire il Mediterraneo al ruolo di ponte tra civiltà che gli è proprio per vocazione storica, geografica e culturale; che è ineludibile riaffermare la diversità come fattore di crescita e di ricchezza”. Lo ha detto la vice presidente della Camera. Marina Sereni, aprendo i lavori della riunione della Commissione Cultura dell'Assemblea Parlamentare dell'Unione per il Mediterraneo (AP-UpM), presieduta dal deputato del PD Khalid Chaouki. Segue... [segue...]
"Non è  un libro dei sogni, ma un tentativo serio di definire un piano di sviluppo e rilancio del Sud.  Il “Masperplan” per il Mezzogiorno, di cui il Governo ha diffuso le linee guida, è un testo insieme politico e operativo che da un lato impegna l'esecutivo in maniera chiara e pragmatica e, dall'altro, invita alla cooperazione tra le istituzioni e tra queste e i cittadini. Una vera e propria politica industriale per il Mezzogiorno; opere infrastrutturali materiali e immateriali come la banda ultra larga; investimenti per fare del Sud un importante scalo delle merci in arrivo dal Mediterraneo: oltre alle risorse ordinarie nei prossimi anni saranno disponibili 95 miliardi di Fondi europei da spendere entro il 2023... Segue... [segue...]
"Perché non dobbiamo mai perdere la strada che ci ha portato fin qui. Perché con la consapevolezza di ciò che è stato, con serenità e con fiducia, potremo costruire affrontare le sfide inedite che ci si presentano in un mondo carico di inquietudini e di tensioni, ma anhe di grandi e nuove opportunità per costruire un futuro migliore, un futuro di pace". Con queste parole Marina Sereni ha concluso il suo intervento al seminario: "Un Ponte di carta tra emancipazione e liberazione (1848/1948). Le "carte" in questione sono lo Statuto Albertino e la nostra Costituzione. Messaggi fatti di parole quali "repubblica democratica", "popolo", "sovranità" che fanno le arcate della nostra storia. Leggi l'intervento... [segue...]

“La Legge di Stabilità comincia oggi il suo iter in Parlamento con le audizioni dei soggetti economici, sociali e istituzionali interessati. Le osservazioni tecniche degli uffici parlamentari non inficiano minimamente il disegno complessivo della manovra, che anzi mostra un impianto più che solido e una coerenza evidente con gli obiettivi di crescita e di sostegno alle fasce più deboli voluti dal Governo. Come sempre i gruppi parlamentari del Pd ascolteranno con attenzione le parti sociali e gli Enti territoriali, distinguendo le resistenze di chi vuole solo conservare privilegi o rendite di posizioni dalle proposte". Segue...

 [segue...]

"La schiacciante vittoria del partito di Erdogan arriva dopo una campagna elettorale drammatica, segnata da violenze e da una stretta senza precedenti sulla libertà di stampa. Il risultato è anche in gran parte figlio di questo clima, di una propaganda governativa che ha cercato di identificare l'opposizione - e in particolare i curdi - con i rischi di instabilità e con la minaccia terroristica. Ora si apre una fase oggettivamente molto delicata poiché, se da un lato l'Akp potrà senza problemi dare vita ad un governo stabile, dall'altro è prevedibile che Erdogan non rinuncerà a cercare i numeri per una modifica costituzionale dai risvolti preoccupanti sotto il profilo democratico". Segue...

 [segue...]
L’ultimo passaggio è l’Intergruppo per le donne i diritti e le pari opportunità appena costituito a Montecitorio al quale hanno aderito, in maniera trasversale, un’ottantina di deputate. Ottanta su 198, 198 su 630 nella legislatura più femminile della Repubblica italiana che pure mette agli articoli 3 e 51 della propria Costituzione la tutela e la promozione della parità di genere e l’uguaglianza dei sessi. Tanta strada fatta, tantissima ancora da fare. Italia/Cile si sono confrontati in un seminario con Marina Sereni e  la ministra delle Pari opportunità del Cile, Claudia Pascual. “Dove c'è un albero da piantare, cerca di piantarlo! Dove c'è un errore da correggere, cerca di correggerlo! Dove c'è un compito difficile, cerca di assumerlo!”. Con questa citazione-impegno, Marina Sereni ha concluso il suo intervento. Leggi tutto... [segue...]
"Mentre la Banca Mondiale fa salire all'Italia ben 11 posizioni sulla graduatoria della competitività, indicando le riforme fatte come il fattore che consente al nostro Paese di migliorare sensibilmente, ieri abbiamo ottenuto un altro risultato a livello comunitario. Le aperture da parte di Juncker  sulla flessibilità di bilancio per quei Paesi che più di altri si fanno carico di chi fugge da fame e da guerre rispondono ad una richiesta precisa del Governo italiano. Davanti a chi costruisce barriere, di cemento e di filo spinato, l’Italia è orgogliosa di salvare vite umane. Ma se l’obiettivo è condiviso, non può esserci in Europa chi, pur beneficiando dell'appartenenza all'Unione, non assume la sua parte di responsabilità". Segue... [segue...]
"Cantare vittoria per un timidissimo +01 sarebbe sbagliato, ma anche non notare l'inversione di tendenza dopo sette anni di segno meno. Il Rapporto Svimez  2015  dà un segnale di speranza anche per il Mezzogiorno d’Italia che, pur restando ‘povero’ rispetto al Nord,  beneficia dell'erogazione del bonus di 80 euro per la parte destinata alle famiglie con redditi medi e medio-bassi. Ridurre il divario in tutti i campi, dagli investimenti, all’occupazione, agli stipendi, è l’obiettivo a cui mirare per accelerare la ripresa, ma i segnali vanno incoraggiati. Sono certa che le misure della legge di Stabilità, come il sostegno agli investimenti e le riduzioni sull'Imu e l'Irap agricola, potranno dare un nuovo impulso all'economia dell’Italia e a quella del meridione". Segue... [segue...]

"La vittoria schiacciante della destra di Kaczynski e Szydlo in Polonia è una cattiva notizia per l'Europa, per tutti coloro che a Bruxelles così come a Roma si stanno impegnando per il rilancio del progetto europeo. Il paese che con le lotte operaie di Solidarnosc contribuì non poco alla disgregazione del blocco sovietico e alla caduta dei muri tra Est e Ovest, il paese che forse più di tutti ha beneficiato dell'allargamento e dell'ingresso nell'Unione si affida oggi ad una forza che non nasconde la sua matrice nazionalista, xenofoba e antieuropea. E' una battuta d'arresto pesante, che renderà più difficile trovare un accordo credibile sul tema dei migranti e che alimenterà anche in altri paesi gli umori anti-UE". Segue...

 [segue...]
"Per Roma, per i romani, per quelli che hanno scelto il Pd nelle passate amministrative della Capitale e anche per quelli che, votando altre liste, hanno comunque appoggiato la candidatura di Ignazio Marino a sindaco, non è un bello spettacolo. E non è un bello spettacolo per l'Italia e per il mondo, alla vigilia di un evento di straordinaria importanza come il Giubileo. Da  mesi e mesi si parla di Roma, della giunta, del sindaco, dei consiglieri, dei dirigenti per le inchieste della magistratura, gli scandali, le incertezze e gli errori politici, certo spesso strumentalizzati ed esaltati ad arte da quella destra che avrebbe invece molto da farsi perdonare e tantissimo ancora da spiegare". Segue... [segue...]
“In un Paese che detiene il maggior numero di siti inclusi nella lista Unesco del Patrimonio mondiale dell’umanità, in un Paese in cui i  turisti stranieri spendono ogni anno (dati 2012) oltre 32 miliardi di euro, in un Paese in cui, secondo le stime 2013 del World Travel & Tourism Council, l’intera economia turistica  vale il 10,2% del Pil, includere i beni culturali tra i 'servizi pubblici essenziali’ dovrebbe essere il minimo. Il decreto che oggi la Camera ha approvato non contiene nessun attacco ai diritti dei lavoratori, perché sono lavoratori anche quelli della sanità, dei trasporti e della scuola che hanno una regolamentazione in quanto servizi essenziali. L'obiettivo è contemperare i diritti dei lavoratori con quelli dei cittadini turisti". Segue... [segue...]
 “Un altro passo avanti, un altro segnale di cambiamento, anche sulla Rai, che speriamo al più presto diventi definitivo con il prossimo passaggio al Senato. Stiamo correggendo il sistema attuale, eliminando l'invadenza della politica nelle  gestione quotidiana e chiarendo le responsabilità dei vertici. Come in qualunque azienda, saranno i membri del Cda a scegliere l’Amministratore delegato che, come in qualunque azienda, è proposto dal socio di maggioranza. Chi grida alla dittatura e invita all’evasione fiscale  è, come sempre, rivoluzionario a parole per poi finire, nei fatti per schierarsi sempre a difesa dello status quo, contro ogni cambiamento e ogni riforma”.  Segue... [segue...]
Lontani soltanto geograficamente, l’Italia e il Vietnam hanno rinnovato, nell’incontro tra la vice presidente della Camera, Marina Sereni e il presidente della Commissione Esteri vietnamita Hoang Binh Quan,  quei sentimenti di simpatia e amicizia che si riflettono nelle ottime relazioni politiche, economiche e culturali tra i due Paesi.  “Sono stata in Vietnam nel gennaio del 2014 e  posso testimoniare direttamente della vostra grande attenzione e amicizia per l’Italia – ha detto Sereni -  un’attenzione reciproca  che può essere intensificata e che ha avuto e avrà da parte nostra un’ulteriore conferma nella vista del giugno 2014 del presidente del Consiglio Renzi e nella prossima visita di Stato del presidente della Repubblica Mattarella”. Segue... [segue...]

"I modelli di welfare in Europa sono eterogenei e certamente altrettanto differenti sono le situazioni dei singoli paesi nel continente latino-americano. Eppure l'Incontro del Programma Eurosocial svoltosi in questi giorni a Madrid ha messo in luce anche molte sfide comuni. In primo luogo una di tipo politico-culturale: l'Europa come la conosciamo oggi non esisterebbe se non avesse condiviso il valore della coesione sociale. L'obiettivo di coniugare libertà economica e solidarietà è il cuore del modello sociale europeo ed è in buona parte ciò che ha fatto sì che nel mondo, e in America Latina in particolare, si guardasse con interesse ed ammirazione al processo di integrazione politica nel nostro continente". Segue...

 [segue...]
 “BENE, UN'ITALIA CHE CRESCE E PENSA POSITIVO”
"É un'Italia che pensa positivo, che rialza la testa dopo tanti anni difficili, che investe su chi investe, nella propria impresa, sulla cultura, sul futuro dei bambini meno fortunati. È un'Italia che crede che pagare meno tasse, sulla casa, sui macchinari, sulle imprese agricole, permetta di semplificare la vita  a tante famiglie e faccia bene all'economia. È un'Italia che non dimentica chi una casa non ce l'ha e destina fondi per gli alloggi popolari e aumenta le risorse per il sociale. E ancora: conferma del bonus per le ristrutturazioni, alcune prime misure positive sulle pensioni, aumento dei fondi per la cooperazione internazionale". Segue... [segue...]
"La presenza del Segretario Generale dell'Onu Ban ki Moon oggi alla Camera dei Deputati per ricordare il 60 anniversario dell'ingresso dell'Italia nelle Nazioni Unite non è stata solo l'occasione per celebrare il passato. È stato giusto sottolineare il valore dei nostri militari e volontari che, sotto egida Onu, hanno dato il loro impegno, e in qualche caso la vita,  nelle missioni di pace o nei progetti di lotta alla fame e alla povertà. È stato giusto ripercorrere i grandi traguardi raggiunti grazie all'ONU nella difesa e affermazione dei diritti umani e della pace in ogni angolo del pianeta, ma anche le tragiche sconfitte come quella di venti anni fa a Srebrenica". Segue... [segue...]
"Qualche anno fa, in quest’Aula, fummo costretti a discutere di una durissima lettera della BCE. Avevamo credibilità zero ed eravamo un grave problema per l'Europa. Oggi, quella pagina sembra molto lontana, anche ad alcuni che erano al Governo in quel momento. Domani ci possiamo presentare al Consiglio Ue con dati economici e finanziari di segno positivo e con il percorso delle riforme avviato. Dimostrare di essere capaci di cambiare l'Italia è forse il modo migliore per andare a Bruxelles e poterla rappresentare con autorevolezza, dando voce alle grandi energie di questo straordinario nostro Paese". Con queste parole si è concluso l'intervento di Marina Sereni dopo le comunicazioni del presidente del Consiglio italiano in vista del Consiglio europeo. Leggi l'intervento o guarda il video  ... [segue...]
"La Camera ha oggi posto le basi per una legge di cui in Italia si parla da molti anni, una legge di civiltà che introduce il principio dello ius soli temperato per l'acquisizione della cittadinanza. Le polemiche urlate, gli anatemi di chi sul tema dell'immigrazione fa molta propaganda cercando di scatenare ogni giorno una guerra tra poveri, sono state battute da un percorso parlamentare responsabile e approfondito attraverso il quale finalmente in Italia si dà una risposta credibile alle migliaia di minori che nascono in Italia, vanno a scuola, tifano le squadre del nostro campionato, parlano il dialetto della città in cui vivono...". Segue... [segue...]

"Mai attacco terroristico fu più vile e orrendo: ragazze e ragazzi che manifestavano per la pace, per chiedere al proprio paese e alla comunità internazionale di fermare le violenze tra Pkk e polizia turca, uccisi da un folle attentato suicida. La reazione della società turca e della comunità internazionale non poteva che essere di condanna assoluta, di profonda solidarietà con le vittime e con le forze che in Turchia si battono in maniera non violenta per la pace e la democrazia. Al governo di Ankara, alla guida di un paese nostro alleato, dobbiamo chiedere ogni sforzo per rispettare il pluralismo e per evitare che le violenze interne offuschino il ruolo della Turchia,  rendendo così meno efficace l'azione della coalizione internazionale nella lotta al terrorismo di Isis". Segue...

 [segue...]

“Sindacato, Confindustria, ordine degli avvocati e lega per i diritti umani: questo il Quartetto per il Dialogo in Tunisia che ha ricevuto il Premio Nobel per la Pace 2015. Una scelta che ancora una volta smentisce tante anticipazioni e consegna il massimo riconoscimento a quelle organizzazioni che dopo la  Primavera dei gelsomini del 2011 hanno saputo sostenere la transizione democratica, dando voce e protagonismo alla società civile, favorendo l'incontro e il confronto tra forze islamiche e forze laiche.  Un bel segnale per chi guarda al Mediterraneo con occhi solidali e con la consapevolezza di dover lavorare affinché torni ad essere un mare di pace". Segue...

 [segue...]
"La strada delle riforme appare finalmente sgombra di ostacoli significativi. In Senato si sta lavorando intensamente per modificare la Costituzione e rendere le nostre istituzioni più vicine ai cittadini e alle esigenze di un’Italia che cambia. La sconfitta di chi ha provato a fermare l'iter della riforma, di chi ha cercato stratagemmi procedurali e ostruzioniste, è evidente ed è altrettanto evidente che le opposizioni sono divise nel merito e nelle tattiche parlamentari. Il PD invece ha saputo ricercare e trovare l’unità, proponendo emendamenti della maggioranza che migliorano il testo, anche correggendo qualche errore commesso alla Camera".
Segue... [segue...]
"Il Sinodo sulla famiglia si apre con le parole del Papa, che da un lato conferma la posizione della Chiesa cattolica a sostegno della famiglia tradizionale ma, dall'altro, ricorda che non si possono chiudere le porte verso altre esperienze e situazioni. Il confronto all'interno della gerarchia tra le posizioni più conservatrici e quelle maggiormente aperte sarà molto vivace, a testimoniare un travaglio vero che investe una realtà vitale come la Chiesa di fronte a mutamenti e dei costumi che hanno investito da tempo le nostre società in ogni parte del globo. Se Papa Francesco si preoccupa di fare in modo che la Chiesa non escluda nessuno, il Parlamento e la politica debbono porsi la questione di come includere". Segue... [segue...]
 “La diffusione dei diritti umani fondamentali non costituisce l’effetto di una pretesa colonialistica del mondo occidentale, ma piuttosto il portato più significativo di un vasto movimento culturale e sociale, di dimensioni internazionali, che dimostra la possibile condivisione di princìpi universali. In questo contesto il ruolo dei Parlamenti continua ad essere centrale, poiché concorre a creare una sinergia positiva con gli esecutivi, stimolandone l’azione, aprendosi alle domande che salgono dalla società civile e valorizzandone le diversità sulle grandi sfide del nostro tempo". Così la vice presidente della Camera, Marina Sereni, aprendo la prima sessione del Primo Forum parlamentare Italia-America Larina e Caraibi in corso a Montecitorio. Leggi l'intervento... [segue...]
“Considero molto importante che il Parlamento, mantenendo fede all'impegno che ci eravamo presi a Lucca quasi due anni fa, abbia approvato la legge che istituisce il ‘Giorno del Dono’  che si celebra, per la prima volta il prossimo 4 ottobre. La gratuità, l'impegno volontario, la solidarietà e la reciprocità sono valori di cui la società contemporanea ha estremo bisogno. Non soltanto per aiutare i più deboli, per ridurre le diseguaglianze, ma anche per creare legami e relazioni comunitarie, per contrastare solitudine e paura”.  Così Marina Sereni, introducendo la  conferenza ‘Il Dono: la virtù ritrovata’, organizzata a Montecitorio dall’Istituto Italiano della Donazione (IID). Segue... [segue...]
"Meno disoccupati, più occupati, meno inattivi. Si rafforzano i segnali positivi per il mercato del lavoro italiano. Ad agosto continua a calare la disoccupazione che, per la prima volta dopo due anni, torna sotto quota 12% attestandosi all'11,9%.  Per il terzo mese consecutivo,  cresce il numero degli occupati: +69mila in un mese e +325mila in un anno. Per finire meno 86mila persone inattive. Sono tre buone notizie, conferme  di una tendenza positiva che si aggiunge ad altre buone notizie dei giorni scorsi  sulla crescita del Pil, sull’aumento degli ordinativi per l'industria e sul balzo dell'indice di fiducia di imprese e consumatori. Dovrebbe gioirne anche chi sta all’opposizione. Noi, che abbiamo il compito di guidare il Paese, sappiamo di non poterci fermare qui". Segue... [segue...]
“Combattere il terrorismo internazionale, fermare il flusso dei foreign fighters, lottare contro i gruppi jihadisti che continuano a diffondersi nel mondo. Non soltanto Iraq e Siria, come ha ricordato ieri il presidente del Consiglio italiano all’Onu, perché l’Isis è un nemico pericoloso per tutti ed è alle nostre porte.  Il vertice antiterrorismo fortemente voluto dal presidente americano ha rilanciato un allarme oramai quotidiano su una guerra che, come ha detto lo stesso Obama,  per essere vinta, ha bisogno di idee e non soltanto di armi.  Nella giornata in cui l’Italia piange il suo cooperante ucciso in Bangladesh, assassinio rivendicato dall’Isis, abbiamo fatto sentire la nostra voce nel palazzo delle Nazioni Unite”. Segue... [segue...]
"Il risultato delle elezioni regionali in Catalogna sarà oggetto di molte accese discussioni nelle prossime settimane. I numeri stessi si prestano a più di una interpretazione: i partiti indipendentisti hanno la maggioranza dei seggi, ma non quella assoluta degli elettori e, in ogni caso, l’opinione pubblica catalana risulta fortemente divisa sull’opzione della separazione dalla Spagna.  Le ragioni della forte affermazione della coalizione favorevole alla secessione sono numerose, non ultima l’incapacità del Governo conservatore spagnolo di interloquire con le preoccupazioni che le forze autonomiste catalane pongono da tempo e con i problemi che la crisi economica di questi anni ha acuito". Segue... [segue...]
"Lo saluteremo per l'ultima volta qui a Montecitorio,  dove, primo comunista sullo scranno di Presidente,  seppe dimostrare anche in momenti difficili per la storia del nostro Paese, quel rispetto per le istituzioni, quell'imparzialitá e quella passione per la politica che ha insegnato a tante generazioni più giovani, compresa la mia. Pietro Ingrao è stato e resterà uno dei protagonisti indiscussi della sinistra e della democrazia italiane. La sua lunga e intensa vita di combattente ha mostrato che è possibile ‘volere la luna’ e, contemporaneamente, non smettere mai di battersi per cambiare questa terra, rendendo migliore la vita delle donne e degli uomini in carne ed ossa". Segue... [segue...]

"Il Parlamento è la casa dei cittadini, la più alta espressione della democrazia e tuttavia noi avvertiamo ogni giorno, e in tutto il mondo, la crisi della rappresentanza politica. Ci sono molte ragioni che alimentano la distanza e la sfiducia dei cittadini nei confronti delle istituzioni politiche e per questo dobbiamo innovare a tutti i livelli. Della Carta condivido molto l'ambizione multidisciplinare, la volontà di coinvolgere tutti gli attori. Poi mi convince un'idea della partecipazione come processo organizzato, con regole chiare, che superi l'approssimazione e lo spontaneismo". Così Marina Sereni all’incontro sulla Carta della partecipazione, una sorta di decalogo per far partecipare i cittadini a decisioni delle istituzioni come le trasformazioni urbane e le modalità attraverso cui avviare la realizzazione di opere e infrastrutture.  Segue...

 [segue...]
"Né bavagli, né lesioni del diritto di cronaca, ma tempi certi per l’esercizio dell’azione penale, maggiori garanzie per le vittime, aumenti di pena per i reati di voto di scambio  politico mafioso,  stretta sui reati di strada, ovvero furti e rapine, limiti alla pubblicabilità delle intercettazioni che non subiscono alcuna restrizione come strumento processuale  ma tutelano le persone non coinvolte nel processo (la scheda PD) …. Quella che abbiamo approvato oggi a Montecitorio è una riforma innovativa ed equilibrata che punta a migliorare il funzionamento della giustizia  nell’interesse dei cittadini.  Il lavoro continua, ma quello fatto fin qui è un buon lavoro".  Segue... [segue...]
 "La Direzione Nazionale del Pd si è conclusa con un voto all'unanimità sulla relazione del Segretario. Una relazione non reticente, che ha rivendicato i risultati raggiunti e soprattutto ha indicato traguardi molto importanti cui possiamo puntare realizzando nei tempi previsti il programma delle riforme. La discussione è stata come sempre ricca e plurale, senza anatemi e diktat, rendendo evidente che possiamo trovare un punto di sintesi condiviso nel Pd per quanto riguarda la riforma costituzionale. Grazie al lavoro del Governo e dei gruppi del Pd siamo davvero molto vicini ad una soluzione, in particolare sulla questione delle modalità di scelta dei membri del nuovo Senato, che raccoglie alcune delle osservazioni della minoranza del nostro partito senza però stravolgere il testo approvato dalla Camera".
Segue...
 [segue...]
"Una vittoria più netta di quella ipotizzata dai sondaggi, un'alta percentuale di astensionismo che parla del malessere e della sfiducia di tanti cittadini, un governo di coalizione chiamato a realizzare un programma tutt'altro che semplice, una sconfitta secca della sinistra più radicale che ha abbandonato Syriza, indicando come auspicabile una prospettiva di uscita della Grecia dall'Euro e dall'Unione: alla fine i Greci hanno confermato la leadership di Alexis Tsipras, nella speranza che possa rispettare gli impegni presi con i partner europei e internazionali tutelando le fasce più deboli della popolazione ellenica".Segue... [segue...]
“E’ la memoria che ci fa esistere - scrisse Jorge Luis Borges, senza di essa ci si avvia verso una sorta di amnesia finale in cui non sappiamo più da dove siamo venuti, che cosa ci ha segnato, e in definitiva chi siamo stati”. Così la vice presidente della Camera, inaugurando il Giardino della Memoria  ai mariri del Padule a Fucecchio. “Noi siamo qui per ricordare. E per dire che non ci sono diritti raggiunti una volta per sempre – ha continuato - . Il razzismo, le discriminazioni etniche, religiose e politiche, non sono scomparse, nel mondo. E oggi l’Europa, la nostra Europa, attraversa un momento difficile, e rischia di perdere l’anima se non saprà affrontarlo". Leggi l'intervento... [segue...]
"Siamo di fronte ad un fenomeno di portata epocale destinato a cambiare il volto dell'Europa nei prossimi decenni. Per questo dobbiamo imparare a conoscere le cause profonde delle migrazioni e superare l'idea che siamo di fronte ad un'emergenza transitoria. Non possiamo banalizzare l'inquietudine che spesso l'immigrazione suscita nelle fasce più povere e anziane delle nostre comunità. Dobbiamo certo contrastare chi specula sulla paura, ma abbiamo il dovere di spiegare ai nostri concittadini la dimensione reale di questo fenomeno per attrezzare la società italiana a governarlo guardando al medio periodo". Segue...  [segue...]
"Anche oggi riceviamo dall’Istat dati confortanti sull’Export mentre Confindustria rivede al rialzo le previsioni sulla crescita e le associazioni agricole segnalano l’effetto molto positivo di Expo sul loro settore: notizie diverse che concorrono tuttavia a rafforzare la convinzione che l’Italia è fuori dalla crisi e può finalmente rimettersi in cammino lungo la strada della crescita innovativa e sostenibile e della buona occupazione. Questi risultati dipendono da tanti fattori – interni ed esterni – ma non sarebbero stati possibili e non si consolideranno senza le riforme, senza uno sforzo immane per modernizzare la pubblica amministrazione, senza un Parlamento più snello ed  efficiente, senza una democrazia che decide e restituisce ai cittadini fiducia e speranza". Segue... [segue...]

"Una dichiarazione aperta alla firma di tutti i presidenti dei Parlamenti dell'Unione Europea, un segnale di unità lanciato alle altre istituzioni, nazionali e comunitarie, e ai nostri concittadini: con la sottoscrizione dell'appello comune per una maggiore integrazione europea la Presidente Boldrini e i suoi colleghi tedesco Lammert, francese Bartolone e lussemburghese Di Bartolomeo, hanno promosso un'iniziativa di grande attualità e valore, utile per andare avanti con coraggio lungo la strada indicata dai padri fondatori. Proprio mentre i rappresentanti dei governi si incontrano a Bruxelles per cercare soluzioni condivise all'emergenza dei rifugiati e dei migranti, da Roma parte un monito e un invito: la mancanza di solidarietà politica mina alla radice il progetto europeo". Segue...

 [segue...]

"#Illuminiamo il futuro con questo slogan, e soprattutto con un rapporto ricco di dati che illustrano la povertà educativa di cui soffrono molti ragazzi e ragazze in Italia, Save The Children ha voluto richiamare l'attenzione su una problematica molto seria che riguarda bambini che nascono in luoghi difficili, che vivono in condizioni di povertà, che abbandonano la scuola o la frequentano senza ottenerne gli strumenti sufficienti per affrontare la vita. L'esclusione sociale comincia così molto presto e segna il destino di tanti, troppi, ragazzi.È stato giusto, nel primo giorno di scuola, mentre nove milioni di studenti cominciano il nuovo anno, accendere i riflettori sulla povertà minorile, proponendo obiettivi realistici e ambiziosi al tempo stesso". Segue...

 [segue...]
"Marina Sereni è una delle donne di punta del Pd nazionale. Vice presidente vicaria della Camera, ha alle spalle un' esperienza consolidata, che dai Ds arriva fino al Pd di Renzi. Dove non si trova male, anzi, forse perché, forte della sua precedente esperienza diplomatico- politica di responsabile Esteri, ha preso il meglio della nuova esperienza, senza lasciarsi incalzare dai rimpianti. Marina Sereni sarà ospite questa sera alle 21 della Festa dell' Unità.
Adesso ragiona del caso Liguria e delle primarie, della forma partito, delle parole Bersani che sarà a Genova domani venerdì, a proposito della libertà di coscienza, quando si devono votare articoli che toccano la Costituzione. E poi le donne della politica. Che hanno cambiato qualcosa. Non solo nell' immagine del Parlamento. Leggi l'intervista di Wanda Valli... [segue...]
"Un discorso politico, chiaro e forte, che ha richiamato ogni Stato membro alle proprie responsabilità. Juncker oggi ha proposto un’idea di Europa che non possiamo che condividere e ha lanciato un appello che tutti coloro che credono nel progetto europeo devono raccogliere.  Responsabilità e solidarietà nei confronti dei profughi che scappano dalle guerre, impegno per contrastare la povertà e la disoccupazione, investimenti per sostenere la crescita economica e la salvaguardia dell’ambiente: sono questi in temi sui quali l’Unione Europea sarà giudicata dai suoi cittadini e dal mondo intero. Siamo stati e siamo un esempio, uno spazio di democrazia e libertà al quale guardano milioni di persone di ogni continente". Segue... [segue...]
"Tante persone e bel clima ieri alla Festa Nazionale de L'Unità a Milano. Tanti dibattiti in contemporanea, tanta gente ad ascoltare e, così almeno è stato durante il dibattito con la Ministra Maria Elena Boschi al quale ho partecipato insieme alla Vicepresidente del Senato Valeria  Fedeli, a incoraggiare il Governo e il Pd a proseguire lungo la strada delle riforme costituzionali, sociali, economiche che stiamo discutendo in Parlamento. Non possiamo non ascoltare il nostro popolo, non possiamo sbagliare di nuovo facendo prevalere le nostre divisioni interne sulle domande del Paese". Segue... [segue...]
Dopo le assunzioni effettuate dalle direzioni regionali, altre migliaia di insegnanti stanno ora ricevendo dal Ministero la comunicazione sul posto di ruolo che andranno a ricoprire. Nell'arco di poche settimane gli organici delle scuole italiane si completeranno, dando così certezza a chi ci lavora ma anche agli studenti e alle loro famiglie. Il Governo sta lavorando anche per ridurre al minimo l'impatto della mobilità degli insegnanti precari. È solo il primo passaggio di una riforma che dovrà essere attuata integralmente" Segue...
 [segue...]
"Il segno più davanti ai dati della crescita si consolida e la disoccupazione a luglio segna un calo dell' 1,2%. Rasserenano i dati Istat e ci dicono che la strada intrapresa è faticosa, ma giusta. Il cammino, lo sappiamo, non è concluso perché forte resta il divario Nord/Sud, perché ancora troppe persone sono senza lavoro e perché le percentuali di crescita devono e possono migliorare. Le riforme, a cominciare dal Jobs act, sono state il motore di questo avvio di ripresa. Bisogna andare avanti, anche con quelle che toccano la pubblica amministrazione e le istituzioni, perché l'economia e la società italiane hanno bisogno di un sistema che funzioni". Segue... [segue...]
"È stato un grande piacere per me partecipare al primo giorno di scuola di una classe molto speciale: a Rondine, cittadella della Pace, ventisette ragazzi e ragazze provenienti da quasi tutte le regioni italiane hanno cominciato oggi la loro IV liceale. Sono stati selezionati tra una settantina di giovani e studieranno insieme per un anno nella vecchia scuola dello splendido borgo vicino ad Arezzo, affrontando, oltre alle materie del programma curricolare, attività e temi tipici di Rondine: il conflitto, l'identità, il valore della persona umana, il dialogo, l'importanza della relazione e della conoscenza dell'altro, il rispetto". Segue... [segue...]
"Mentre molti paesi europei riconoscono, finalmente,  l'urgenza assoluta di una soluzione comune e condivisa alla tragedia dei migranti, si fa strada nell'Inghilterra di Cameron l'intenzione di fermare alla frontiera anche i cittadini dell'Unione. Se, seppure con grande ritardo sull'allarme lanciato dall'Italia, ora non è più un tabù la revisione del Trattato di Dublino e l'introduzione di una disciplina europea per l'asilo, temi su cui  di il presidente del consiglio Renzi è tornato in questi giorni, il Regno Unito sembra voler mettere in discussione Schengen e uno dei pilastri dell'esistenza stessa dell'Europa unita". Segue...   [segue...]
"Avrebbe potuto essere una riunione stanca e puramente formale e invece il dibattito che oggi si è avviato nella direzione nazionale del Pd sul Mezzogiorno ha messo a fuoco un'analisi non scontata e una serie di proposte che potranno trovare una concreta attuazione nei prossimi mesi. Se il Sud non riparte - come ha giustamente detto Renzi nella relazione - l'Italia non riuscirà ad agganciare la ripresa in maniera strutturale e solida. Facciamo bene a ricordare le azioni che il Governo ha messo in campo per risolvere alcune delle più gravi crisi aziendali al Sud". Segue... [segue...]
"Finalmente diventa legge un Decreto che affronta alcune delle questioni più urgenti al centro della vita degli Enti Locali e dei cittadini. Un insieme di norme fortemente volute dal Pd, che aveva presentato e approvato una mozione alla Camera nei mesi scorsi, e che raccoglie almeno in parte le richieste dei Sindaci e delle nuove Province. Si tratta di un provvedimento che interviene in attesa della prossima Legge di stabilità, in particolare per quanto riguarda l'introduzione della Local Tax, e che consente di dare attuazione alla legge Delrio sulle Province, dando alcune certezze in materia di personale e bilanci". Segue... [segue...]
"Due fermo immagine utili contro gli egoismi europei e i razzismi di casa nostra. Nel primo l'Europa -  o meglio la Francia e l’Inghilterra  - fanno i conti con l'emergenza immigrazione, con  l'assalto all'Eurotunnel dove migliaia di migranti vengono respinti ogni giorno. Pare che siano circa cinquemila i migranti accampati nella zona di Calais, nella speranza di riuscire a raggiungere il Regno Unito.  E così, dopo essere stata l’Italia a portare in sede comunitaria il tema, ora  sono il governo britannico e quello francese a chiedere l'intervento dell'Ue e della comunità internazionale, confermando che solo una gestione europea del fenomeno migratorio può dare una risposta adeguata". Segue... [segue...]
"Dopo 35 anni dal quell’esplosione, dopo 35 anni di inchieste, depistaggi, verità dimezzate ancora una volta la Bologna democratica si è riunita di fronte alla stazione ferroviaria insieme alle Associazioni dei familiari, insieme alle autorità regionali e nazionali dello Stato. Uno Stato che c’è e che non può e non deve abbandonare la ricerca della verità, tutta intera, e che deve impegnarsi per dare un riconoscimento alle famiglie delle vittime e per approvare in via definitiva la legge sull’introduzione del reato di depistaggio che ha già avuto il primo sì dalla Camera. Le testimonianze  dei superstiti e dei familiari di chi perì in quell’orrendo attentato sono ancora oggi un monito per le istituzioni democratiche" Segue... [segue...]

Il Rapporto Svimez ha riproposto una fotografia purtroppo ben troppo nota: un paese diviso in due, con un Mezzogiorno che soffre di tassi di disoccupazione, soprattutto femminili e giovanili, davvero drammatici e un'allarmante incidenza della povertà. La crisi economica e sociale che dal 2008 ha colpito l'Italia (e l'Europa) ha pesato di più sulle aree già maggiormente svantaggiate e ora che si avvertono i primi segnali di ripresa il Sud non sembra ancora beneficiarne. I problemi del Mezzogiorno italiano sono noti e dobbiamo anche purtroppo registrare il fallimento di strumenti e politiche straordinari. Eppure il Sud italiano potrebbe rappresentare una grande opportunità per l'intero Paese". Segue...

 [segue...]

"Maggiore equità per ridurre il divario esistente fra le varie realtà del Paese nel trattamento delle malattie oncologiche; maggiore qualità, per innalzare il livello del sistema mediante una costante attenzione ai modelli organizzativi per la presa in carico e per una forte spinta alla ricerca ed all’innovazione tecnologica; una maggiore diffusione della conoscenza, promuovendo la ricerca, i sistemi informativi e la prassi del knowledge-management; una maggiore partecipazione, informata e consapevole, ai processi di prevenzione e di cura da parte di tutti gli attori del sistema". Queste le quattro priorità di cui ha parlato Marina Sereni, intervenendo al convegno  della Fondazione “Insieme contro il cancro". Leggi l'intervento...

 [segue...]
"Le anticipazioni giornalistiche sulla possibilità che il Governo inserisca nel DL Enti Territoriali in discussione al Senato alcuni emendamenti che intervengono sulla spesa della Sanità ha aperto, come era prevedibile, un dibattito tra i soggetti maggiormente interessati. Non so se questo sia lo strumento migliore per entrare nel dettaglio, tuttavia il tema c'è e andrà affrontato al massimo entro la predisposizione della Legge di Stabilità. Le Regioni hanno condiviso con il governo un nuovo Patto della Salute da cui dovrebbero derivare importanti risparmi per il bilancio dello Stato. Questo fatto è già nel Decreto e credo debba restarci senza alcun dubbio". Segue... [segue...]
“Tutelare la privacy dei cittadini da un uso improprio delle intercettazioni, non impedire le indagini né mettere un bavaglio alla stampa: se questo è l’obiettivo, non hanno ragione d’esistere le divisioni della maggioranza, né si spiegano le legioni di giuristi pronti a sfornare decine di emendamenti con il solito, unico traguardo di bloccare qualsiasi riforma. La Camera ha inziato oggi la discussione generale sulla riforma del processo penale, i tempi sono stretti, ma una soluzione è possibile sia con un emendamento che vada nella direzione indicata dal Ministro e dal Pd, sia separando la norma sulle registrazioni fraudolente dalla delega sulle intercettazioni". Segue... [segue...]
"Finalmente un punto fermo, finalmente una verità per gli otto morti e i 102 feriti della strage di Brescia. Le famiglie e gli amici che  hanno pianto per loro finalmente sanno i nomi dei colpevoli. Dopo 41 anni dal massacro del 28 maggio 1974, a Brescia, piazza della Loggia, i neofascisti  che hanno compiuto quella strage sono stati riconosciuti tali e condannati dalla giustizia italiana all’ergastolo.  Certo colpisce prima di tutto che ci sia voluto così tanto tempo per ottenere giustizia. Ma è comunque importante è che gli anni trascorsi non abbiano insabbiato la verità, che depistaggi e decenni di assoluzioni non abbiano fermato donne e uomini, parti civili, avvocati e magistrati nella ricerca delle prove che accertassero la responsabilità di quelle morti". Segue... [segue...]
"Colmare un vuoto, perché L’Italia è tra i pochi Paesi europei a non aver previsto alcuna norma per riconoscere le coppie dello stesso sesso.  La Corte di Strasburgo ci condanna su un tema aperto da molto tempo, oggetto di divisioni nella politica, ma acquisito dalla società italiana. Il Pd ha posto la questione all’attenzione del Parlamento con una proposta di legge che può in tempi brevi essere licenziata dal Senato ed essere approvata senza modifiche alla Camera entro l’anno, come ha proposto Renzi a Milano.  Non c’è bisogno di crociate, né  di fare una graduatoria delle urgenze,  compito di noi legislatori è stare al passo con chi rappresentiamo".  Segue... [segue...]
"Il rapimento dei tecnici italiani della ditta Bonatti, operante  in Libia nell’ambito della presenza Eni, conferma l’estrema delicatezza e serietà della situazione nell’area sotto il profillo della sicurezza.  Le ragioni e la matrice del rapimento non sono note, non possiamo che sperare in una rapida e positiva conclusione di questa vicenda affinché i nostri connazionali possano presto riabbracciare i loro cari. L’iniziativa politico-diplomatica delle Nazioni Unite e dell’UE, affidata all’inviato speciale Bernardino Leon, ha riscosso l’adesione di alcune forze e tribù mentre ha registrato la fiera avversione da parte di gruppi armati vicini sia al governo di Tobruk sia alle autorità di Tripoli".  Segue... [segue...]
"Il Bilancio della Camera che oggi abbiamo iniziato ad esaminare in Aula conferma il trend di riduzione della spesa  degli ultimi anni e fa registrare dati molto positivi. Per la prima volta da 10 anni a questa parte la spesa scende sotto il miliardo e la Camera è nelle condizioni di restituire al Tesoro la considerevole cifra di 34,7 milioni. Questi  risultati sono stati ottenuti grazie ad una pluralità di scelte che hanno riguardato il personale, le spese dei parlamentari e degli organi, gli affitti, l’insieme degli acquisti di beni e servizi". Segue... [segue...]

"Ha fatto bene Renzi a mettere il Paese al centro della sua relazione all'Assemblea nazionale, sia rivendicando puntigliosamente i molti risultati ottenuti in questi ultimi mesi, dall'elezione del Presidente Mattarella ai primi importanti segnali di ripresa economica, sia per indicare gli obiettivi da perseguire per i prossimi anni. La scelta di scommettere su un percorso virtuoso riforme-riduzione delle tasse parla alla generalità dei cittadini e contiene un'idea forte di equità e di crescita. L'Italia ha dimostrato con l'EXPO di Milano di avere le risorse culturali, imprenditoriali, umane per crescere, per affrontare grandi sfide, per realizzare grandi innovazioni". Segue...

 [segue...]
"Un altro passo avanti, nel difficile, ma mai interrotto, cammino delle riforme. Con l’approvazione alla Camera, del ddl PA, che ora va al Senato, si gettano le basi per una pubblica amministrazione davvero amica dei cittadini, dove burocrazie, lungaggini, sovrapposizioni, lasciano spazio a efficienza, rapidità di risposte, semplificazione di procedure. Non sarà un passaggio semplice, né immediato, ma le norme sulla digitalizzazione che permetteranno a cittadini e imprese di accedere a tutti i servizi della PA con un unico Pin, sono un segnale davvero importante per la modernizzazione del Paese".
Segue...
 [segue...]
IMPEGNO PER IL MEZZOGIORNO E LOTTA AGLI SPRECHI
“L'Istituto nazionale di statistica ci segnala novità positive: il numero di poveri in Italia ha smesso di crescere mentre tra le famiglie con figli comincia a diminuire. Al tempo stesso sono ancora troppi coloro che versano in condizioni di povertà assoluta, e le diseguaglianze tra aree geografiche e sociali restano grandi. Le regioni del Mezzogiorno continuano ad essere quelle che soffrono di più perché oltre una famiglia su quattro in Calabria, Basilicata e Sicilia vive in condizioni di indigenza”. Così la  vice presidente della Camera. Marina Sereni, commenta i dati dell’ISTAT. Segue... [segue...]
"Dopo oltre un decennio dai primi tentativi di negoziato e dopo un confronto lungo e impegnativo, l'accordo sul nucleare iraniano c'è! È un traguardo importantissimo per la pace e la sicurezza mondiale, tanto più in un contesto internazionale segnato da molteplici e gravi tensioni. Con l'intesa si apre infatti una fase nuova: l'Iran rinuncia al suo programma nucleare, ottiene l'alleggerimento delle sanzioni economiche, viene coinvolta pienamente nel contrasto al terrorismo internazionale e nella gestione dei conflitti dell'area. È un successo della diplomazia degli Stati Uniti e dell'Europa, di tutti coloro che hanno tenacemente perseguito l'obiettivo, facendo prevalere la pazienza e il coraggio del dialogo sulla paura e la demonizzazione dell'avversario". [segue...]
"Il testo dell’accordo raggiunto in extremis questa mattina tra i leader dell’Eurogruppo è arrivato al termine di un confronto davvero drammatico e ha il grande merito di aver scongiurato il default e l’uscita della Grecia dall’Europa. L’Italia ha giustamente lavorato per questo esito positivo. Siamo stati ad un passo dal crollo della costruzione europea, per l’irrigidimento delle posizioni di quei paesi che in fondo volevano Atene fuori dall’Euro e dall’Unione e per la crisi di fiducia aggravatasi con il referendum. Il testo è molto duro e impegna la Grecia a compiere passi difficili in cambio di un nuovo programma di aiuti e della possibilità di ridiscutere sul debito". Segue... [segue...]
"So che a Rondine sta crescendo una nuova generazione, anzi un nuovo genere di leader del mondo, leader che abbiano il coraggio del dialogo, che sappiano cercare, scavare per capire le ragioni dei conflitti. Oggi il mondo ha grande bisogno di questo coraggio e per questo ho avuto l'idea di candidare Rondine al Nobel per la Pace 2015 e sono molto felice di dirvi che la candidatura é stata accettata". Così la vice presidente della Camera, Marina Sereni accogliendo i ragazzi di Rondine, un'Associazione che, in uno splendido borgo alle porte di Arezzo, ospita per due anni giovani provenienti da Paesi in conflitto tra loro. Segue... [segue...]

“La riforma della scuola ora è legge dello Stato: il Parlamento ha discusso a lungo, il confronto è stato complesso e a tratti aspri, anche eccessivamente. Ci sono state critiche e proteste, alcune comprensibili, altre decisamente meno giustificabili. Tuttavia ora tutto questo è alle nostre spalle mentre avanti a noi c'è la possibilità straordinaria di investire nuove risorse nella scuola italiana, assumendo centomila insegnanti delle Gae, preparando il terreno per il concorso riservato ai docenti abilitati, rilanciando l'autonomia e responsabilizzando tutti, a cominciare dai dirigenti scolastici”. Segue...

 [segue...]
 “In questi anni di crisi l’Inps ha rappresentato un punto di riferimento fondamentale per milioni di persone in stato di bisogno. L’incremento della povertà che si è registrato, soprattutto tra i giovani, richiede un ripensamento della rete di protezione sociale. Tale questione si intreccia, a vari livelli, con quella previdenziale: carriere lavorative discontinue, retribuzioni troppo basse, lavoro nero, evasione contributiva (oltre a  un insufficiente ricorso alla previdenza integrativa), sono tutti fattori che generano profondo disagio nella vita di molti lavoratori, accrescendo il rischio di un futuro di povertà per i pensionati di domani". Così Marina Sereni, intervenendo alla presentazione del rapporto Inps a Montecitorio. Leggi l'intervento...

 [segue...]
"La riunione di oggi della Giunta per il Regolamento della Camera è decisamente importante e si rivelerà molto proficua se, come spero, si potrà registrare un’ampia convergenza dei Gruppi politici per introdurre anche da noi il Codice etico di condotta per i parlamentari. Nelle scorse settimane, grazie al lavoro del collega Nicoletti, capo delegazione al Consiglio europeo, la Camera ha ospitato un convegno di studio che ha messo a confronto le più consolidate esperienze europee e ascoltato il punto di vista degli esperti che su questa materia lavorano da anni.  Si tratta, in sintesi,  di adottare un insieme di norme deontologiche di comportamento in materia di trasparenza, serietà e affidabilità, che vada oltre il rispetto delle leggi vigenti  e che i singoli parlamentari si impegnano a rispettare". Segue... [segue...]
"Una borsa di studio per premiare la migliore ricerca sui Gruppi di Difesa della Donna, un’organizzazione femminile che, fondata a Milano nel 1943 da donne di diversa ispirazione politica e culturale, contribuì attivamente alla lotta contro il nazifascismo e l’occupazione tedesca nell’Italia del Nord. Con questa iniziativa la Fondazione Nilde Iotti , assieme al Gruppo Parlamentare del Pd alla Camera, offre un nuovo tassello di un lavoro prezioso di ricostruzione della memoria del nostro Paese, ricordando le donne che si resero protagoniste – assieme e a fianco degli uomini – della Resistenza e della rinascita democratica dell’Italia". Segue... [segue...]

“Il risultato del referendum greco di ieri è inequivocabile, eppure esso ha paradossalmente  moltiplicato le domande e i punti di incertezza. Tra gli elettori greci è prevalsa la richiesta di un cambiamento radicale nei rapporti con l'Europa: gli effetti sociali delle politiche di austerità hanno spinto la grande maggioranza dei cittadini a dire ‘No’ ad un'ipotesi di accordo con i creditori che avrebbe comportato ulteriori sacrifici ma ora nessuno può garantire che si giunga ad un compromesso migliore. Solidarietà e responsabilità dovrebbero ora soccorrere tutte le parti: sono in ballo aspetti tecnici complessi - mai affrontati prima - che potranno essere superati positivamente solo se ci sarà una ampia volontà politica”. Segue...

 [segue...]
"Il quadro offerto dal presidente dell’Autorità nazionale anticorruzione, Raffaele Cantone, durante la presentazione del rapporto 2014 davanti al Parlamento,  è denso di indicazioni per tutti. Quando ribadisce la necessità di  una ‘burocrazia meno invasiva e più efficiente, di  una politica onesta, autorevole e credibile, di imprese che scelgano di stare dalla parte giusta' Cantone richiama insieme legislatori, amministratori e aziende a fare ciascuno la sua parte contro un fenomeno complesso e cangiante come la corruzione.  Il Senato ha appena approvato  la legge di riforma del Codice degli appalti.Ora tocca a noi alla Camera completare al meglio questo provvedimento". Segue... [segue...]
""E' tornata in edicola L'Unità!  Una bella notizia non soltanto per i giornalisti, non tutti purtroppo, che sono tornati al lavoro, ma anche e soprattutto per i suoi lettori, vecchi e speriamo nuovi. E' una bella notizia per il pluralismo  dell'informazione sulla carta e in rete (www.unita.tv) perché, nonostante le tante offerte, la sua voce  ci è mancata in questi mesi difficili ma costruttivi. Il cambiamento che abbiamo avviato con tante riforme in questi mesi ha bisogno di un luogo di confronto e di dibattito come solo l'Unita' potrà essere, Per questo una esortazione a tutti noi: compriamola, leggiamola, regaliamola...".
Segue... [segue...]
"Se, ancora oggi, milioni di persone innocenti e inermi sono vittime di distruzioni e di persecuzioni o sono costrette a cercare altrove pace e sicurezza è proprio perché, in molte zone del pianeta, non si è ancora radicata la consapevolezza che la guerra è sempre una sconfitta, della politica, della diplomazia, della ragione, dell'umanità...Riflettere sulla Prima guerra mondiale, credo possa inoltre aiutarci ad illuminare alcuni dei problemi di oggi, come le tensioni e i nuovi nazionalismi che riaffiorano in molte parti d’Europa". Leggi l'intervento di Marina Sereni al convegno: L'Italia nella Prima Guerra Mondiale... [segue...]
"La bagarre con cui le opposizioni hanno accompagnato il voto di fiducia sulla scuola al Senato non ha consentito di cogliere un dato importante.  Sulle assunzioni, sulla valutazione degli insegnanti, sulle modalità e i tempi di utilizzo delle risorse per incentivare il merito, sul bonus scuola, il Pd e il Governo al Senato hanno prodotto un'ulteriore mediazione, cercando di raccogliere alcune delle ragioni di chi in questi mesi ha protestato e criticato la riforma. Non è servito purtroppo a rasserenare il confronto, perché in molte forze - dentro e fuori il Parlamento - prevale la voglia di contrastare la riforma in quanto tale, quasi fosse meglio lasciare la scuola così com'è". Segue... [segue...]

"Dopo una discussione difficile e a tratti aspra, in cui il premier Renzi ha dovuto esprimere con grande determinazione il punto di vista dell'Italia, finalmente l'Unione Europea ha assunto una decisione. Un compromesso, certo, che tuttavia ha previsto un impegno vincolante a redistribuire tra gli Stati membri 40.000 migranti, assumendo per la prima volta il principio di solidarietà nella gestione di un fenomeno con il quale dovremo fare i conti a lungo.  Ancora molta strada resta da fare per costruire un'Europa più forte politicamente, capace di condividere politiche e responsabilità anche su tematiche complesse come l'immigrazione e le crisi internazionali più acute". Segue... 

 [segue...]
 “I consiglieri parlamentari nominati oggi dall'Ufficio di presidenza, su proposta della segretaria generale della Camera, nell'importante ruolo di vicesegretari generali rappresentano alcune delle migliori professionalità ed esperienze di Montecitorio. Funzionari di provata capacità, che hanno sempre servito con competenza, dedizione e imparzialità  l'istituzione parlamentare e che vanno a completare un nuovo assetto del vertice dell'amministrazione. “Nessuno spoil system dunque, ma esclusivamente la scelta delle persone più idonee, in questa fase, a dare nuovo slancio e nuova efficienza all'amministrazione della Camera”. Segue...

  [segue...]

Elettrità, gas, acqua: "Negli ultimi anni i settori energetici sono stati oggetto di cambiamenti di straordinaria forza e rapidità, legati, tra l’altro, alle politiche di liberalizzazione e di concorrenza, all'emersione delle problematiche di salvaguardia dell'ambiente, all'affermazione progressiva di politiche volte alla tutela del consumatore.  Tali cambiamenti pongono con evidenza l’esigenza di una regolazione del settore che sia innovativa e adeguata alle trasformazioni in atto". Così Marina Sereni intervenendo alla presetazione del Rapporto 2015 dell'Autorità per Energia, gas e acqua.
Leggi l'intervento...
 [segue...]
"Lavorare tutti insieme per percorrere l'ultimo miglio, con l'obiettivo di concludere un accordo positivo tra i creditori e la Grecia, è interesse primario di tutti coloro che credono al progetto europeo. Come si è visto in queste ultime ore è possibile chiedere alla Grecia di far fronte ai  suoi impegni di natura economica per restare a pieno titolo nell'Unione Europea, accettando di definire insieme al Governo ellenico le misure fiscali e le riforme da attuare. Solo con la politica l'Europa potrà ripartire: sulla vicenda greca così come sul tema dell’immigrazione l'Unione può e deve far prevalere le ragioni dell'integrazione sugli egoismi e sulle burocrazie". Segue... [segue...]
"Il testo di maxi emendamento sulla scuola presentato oggi al Senato raccoglie una parte del dibattito e dei dubbi espressi negli incontri con oltre 40 associazioni del mondo della scuola in commissione. Dopo anni di tagli il governo torna a investire, dopo anni precariato si costruisce un percorso certo per stabilizzare 100mila insegnanti delle Graduatorie ad Esaurimento ai quali si aggiungono già nel 2015 gli idonei del 2012 mentre per gli altri idonei si conferma il concorso nel 2016 per ulteriori 60.000 posti. Il cuore della riforma è giusto e non può essere separato dal piano delle assunzioni". Segue... [segue...]
"Riconoscere diritti a chi non ne ha non toglie nulla nessuno, riconoscere i diritti delle persone e delle coppie omosessuali non significa in alcun modo indebolire la famiglia. Ancora una volta purtroppo in tema di unioni civili e di famiglia assistiamo ad una strumentalizzazione assurda, e ad una contrapposizione che non ha ragione d’essere.  Alle famiglie tradizionali sancite dal matrimonio e riconosciute dalla Costituzione, cui la manifestazione di Piazza San Giovanni ha inteso dare voce, il Governo Renzi e il Parlamento hanno dimostrato attenzione mettendo in campo misure economiche e fiscali mirate a sostenere in particolare i nuclei con molti figli".  
Segue... [segue...]
"Dai cambiamenti climatici ai popoli che pagano per salvare le banche; dall’assedio dei rifiuti alla riduzione della biodiversità; dalla scarsità d’acqua alla rapina della terra ai più poveri; dal riscaldamento globale alla critica al mercato senza regole… C’è tanto da leggere e c’è tanto su cui riflettere nell’ Enciclica 'Laudato si’' che Papa Francesco ha affidato al mondo intero. Il dolore del Papa per le ferite che l’uomo ha inferto al Pianeta è grande, ma non manca la speranza che tutto questo possa cambiare".
Segue... [segue...]
 “Alexander Langer ci ha insegnato che i diritti umani sono universali, devono vivere nelle differenze di genere, etnia, territorio, cultura, latitudine. Ma soprattutto essi vivono sull'esempio e sull'impegno spesso oscuro per i media ma non per questo meno efficace di giovani come quelli che oggi qui rappresentano l’Associazione ‘Adopt Srebrenica’ e che lavorano quotidianamente per favorire l'incontro tra persone di diversa etnia, per scongiurare la violenza". Così  Marina Sereni alla cerimonia del Premio internazionale Alexander Langer  che quest’anno coincide con il ventennale della morte di Langer e il ventennale della fine della guerra nella ex Jugoslavia e del genocidio di Srebrenica. Leggi l'intervento...

  [segue...]

"E’ giusto dire che sulla vicenda della Grecia il Governo Tsipras deve prendersi le sue responsabilità. Non c’è alcuna possibilità di evitare il default e l’uscita dalla moneta unica se il Governo ellenico non mette sul piatto la disponibilità a fare alcune riforme e a trovare un punto di mediazione e di accordo con i creditori. Tuttavia non può non risaltare il fatto che il negoziato si sposti continuamente dalle sedi proprie – gli organismi comunitari e l’Eurogruppo – a luoghi informali in cui i protagonisti sono singoli stati membri, ancorché importanti, come la Germania o la Francia. Certo è fondamentale in queste ore cercare di raggiungere un risultato positivo, che sembra sempre più difficile". Segue...

  [segue...]

"Mi piacerebbe che i dirigenti locali e nazionali del nostro partito, di fronte all’esito dei ballottaggi che certo ci consegna alcune sconfitte cocenti – come Venezia, Arezzo, Nuoro e Matera – accanto a risultati positivi e conferme – come Mantova, Lecco, Trani, Macerata – si  astenessero da letture “correntizie” di questo voto. Chiunque liquidi questo risultato con una spiegazione semplicistica non aiuta certo il Pd a capire quali sono stati i punti critici, perché gli elettori hanno preso le distanze da noi e dai nostri candidati in realtà in cui abbiamo amministrato per molti anni. La destra non è morta e resta un avversario temibile, il Pd deve lavorare di più e meglio per rendere convincenti le sue proposte e le sue idee a tutti i livelli". Segue... [segue...]
“Il sistema parlamentare, cardine fondamentale della democrazia partecipativa e rappresentativa, è un bene prezioso e delicatissimo. Ci si accorge sempre troppo tardi quanto è importante: cioè quando esso viene a mancare! E, sia noi, in epoca più remota, che alcuni di voi, in epoca più recente, abbiamo sperimentato drammaticamente questa mancanza. E’ una esperienza terribile che non vogliamo si ripeta mai più”. 
Così la vice presidente della Camera, Marina Sereni, intervenendo alla VII Conferenza Italia-America latina e Caraibi in programma a Milano e dal titolo: “Per una visione comune”.
Segue... [segue...]
"Sono passati 31 anni dalla morte di Enrico Berlinguer, un leader che ci ha insegnato il valore della politica come impegno al servizio degli ultimi, come passione ideale, come moralità.  Le sue parole del luglio 1981: ‘partiti di oggi sono soprattutto macchine di potere e di clientela: scarsa o mistificata conoscenza della vita e dei problemi della società e della gente, idee, ideali, programmi pochi o vaghi, sentimenti e passione civile, zero’ sono ancora estremamente importanti e attuali".
Segue...
 [segue...]
Il Centro internazionale per la Fisica teorica (ICTP),  l'Accademia per i progressi delle scienze dei Paesi (TWAS) invia di sviluppo, il Centro internazionale per l'ingegneria genetica e le biotecnologie (ICGEB) di Tieste, il network internazionale di centri per l'astrofisica (ICRAnet) di Pescara... "rappresentano un modo innovativo per l’Italia di “stare” all’interno delle grandi organizzazioni internazionali e delle sue reti di ricerca, impiegando in maniera intelligente le risorse pubbliche, ponendole a disposizione di un multilateralismo efficace e concreto". Così Marina Sereni intervenendo al convegno: “I centri scientifici internazionali in Italia per il sistema della ricerca e per il Paese”. Leggi l'intervento...

  [segue...]

"Essere riformisti non significa essere accomodanti e Giacomo Matteotti è riuscito a tenere insieme la radicalità degli obiettivi con il pragmatismo necessario per il loro raggiungimento. Domani l'aula di Montecitorio ricorderà  l’uccisione  di un parlamentare che in tre brevi legislature, dal 1919 al 1924, ci ha lasciato un’enorme mole di materiali  raccolto in tre volumi di 1600 pagine, un lavoro del 1970, presidente della Camera Pertini. La vicenda politica di Matteotti non può essere cristallizzata nel suo martirio. Certo fu vittima di un omicidio politico, fu martire antifascista, ma la sua figura è molto più complessa e poliedrica e gli atti parlamentari lo testimoniano". Così Marina Sereni intervenendo alla presentazione del libro "Giacomo Matteotti. un riformista rivoluzionario", voluto dalla Fondazione Di Vittorio della CGIL. Segue...

 [segue...]
"Confronto molto interessante quello che abbiamo svolto questa mattina a Montecitorio per iniziativa di CashlessWay, l'associazione italiana per la promozione della cultura degli strumenti digitali di pagamento. Nella quinta edizione del No Cash Day si è voluto approfondire il tema dei pagamenti nei confronti della Pubblica Amministrazione, ascoltando sia attori nazionali come la Banca d'Italia e l'Agid sia rappresentanti di Enti locali e aziende. La fotografia della situazione è nota. I benefici sociali della diffusione dei pagamenti elettronici sono stati studiati e riconosciuti da tutti". Segue... [segue...]
 “Gli elettori e le elettrici in Turchia hanno dato una risposta chiara alla domanda, o piuttosto alla sfida, posta dal Presidente Erdogan il cui partito Akp mantiene una forza importante ma non raggiunge la maggioranza assoluta dei seggi. In Parlamento entrano tutti i principali partiti turchi - tra cui il partito Hdp filo curdo di Selahattin Demirtas -  e non ci sono i numeri per modificare la Costituzione secondo la volontà esclusiva del partito di maggioranza relativa. Ora l'Europa non dovrebbe perdere l'occasione per interloquire con la Turchia per intensificare il dialogo e la collaborazione necessari per affrontare le sfide comuni”. Segue...

  [segue...]

“Credo si debba ringraziare la magistratura per l’azione che sta portando alla luce un enorme ed inquietante sistema di corruzione che investe, nella Capitale ma non solo, politici disonesti, dirigenti di cooperative, funzionari pubblici. Fa particolarmente male vedere come questo orrendo intreccio di malaffare e politica sia prosperato nell’ambito di attività di tipo sociale rivolte agli immigrati o a fasce deboli della popolazione. Il Pd nazionale e romano  hanno reagito e stanno reagendo nell’unico modo giusto e possibile: rispettando l’operato della magistratura, cacciando i corrotti, ricostruendo dalle fondamenta il rapporto con gli iscritti e con i militanti nel territorio per salvaguardare le istituzioni”. Segue...

 [segue...]
“Siamo ancora lontani dall’aver risolto il dramma della disoccupazione, giovanile e femminile in particolare, e dobbiamo fare ancora molta strada, utilizzando al meglio tutte le risorse e gli strumenti disponibili. Però non possiamo che guardare con speranza ai dati che oggi l’Istat ha reso noto: per la prima volta dal 2011 cala il numero delle persone in cerca di lavoro e sale quello di chi ha trovato un’occupazione. Ed è importante che questa inversione di tendenza riguardi anche le giovani generazioni perché lì c’è un punto essenziale per il futuro del nostro Paese. Spero che tutto il Pd sappia riconoscere che questi dati sono anche il frutto dell’azione di riforma avviata dal Governo". Segue... [segue...]
“Nel giorno della Festa della Repubblica s’intrecciano temi importanti per la coesione del nostro Paese. Condivido pienamente l’invito del capo dello Stato, Sergio Mattarella a un confronto parlamentare, sereno, composto e corretto e a un confronto nei partiti che pur nella vivacità delle posizioni politiche, e nella profondità dei consensi e dei dissensi, abbandoni ‘liti esasperate’ che allontano i cittadini dalle istituzioni e quindi dal voto.  E’ stato poi importante vedere sfilare insieme le nostre forze armate, i volontari del servizio civile, ricevuti poi anche a Montecitorio,  e persino i bambini che hanno disegnato ombrelli tricolore".
Segue... [segue...]
"Il panorama delle elezioni regionali e locali continua a cambiare la geografia politica del Paese e, dopo il voto di ieri, la stragrande maggioranza delle Regioni italiane sono governate da presidenti del Pd e da coalizioni di centrosinistra. Il dato politico complessivo è questo, con buona pace dei commentatori che non vedevano l'ora di parlare di un ridimensionamento del Partito Democratico e di Renzi. La vittoria della destra in Liguria - che ovviamente lascia grande amarezza anche per le divisioni a sinistra che l'hanno resa possibile - non può offuscare in alcun modo il nostro risultato positivo. Ciò non toglie che ci siano in questo voto elementi su cui riflettere, su scala locale e nazionale". Segue... [segue...]

“C'è chi spera nei polveroni sulle candidature impresentabili, chi fa sciacallaggio sulle vicende di cronaca, alimentando la paura e l'insicurezza e scatenando sentimenti razzisti. E c'è chi propone programmi e idee per dare speranza e per cambiare l'Italia, da Roma e dalle regioni. Ora finalmente l'elenco dei nomi delle candidature che - secondo il codice di autoregolamentazione dei partiti - sono impresentabili è  stato reso noto dalla Commissione Antimafia. La vicenda che riguarda il candidato alla Presidenza della Regione Campania De Luca era già nota – continua - e riguarda una norma della Severino che tuttavia rende possibile sia la candidabilità che l'eleggibilità". Segue... 

 [segue...]
“I numeri dell'Istat confermano le previsioni: l'Italia è uscita dalla recessione e ricomincia a crescere. È molto importante il dato sugli investimenti che trainano la ripresa economica; lo stesso dato sui prezzi al consumo e sulla fine della deflazione ci dice che possiamo guardare con fiducia e ottimismo al futuro. Naturalmente ciò significa anche non perdere il filo rosso delle riforme e proseguire con i programmi che il Governo ha messo in campo per favorire gli investimenti e l'occupazione".
Segue... [segue...]
"Con l’appuntamento odierno - ha spiegato Sereni -  miriamo a ribadire la vicinanza del Parlamento italiano e più in generale del nostro Paese al Parlamento e al popolo afghano. Intendiamo manifestare concretamente la nostra intenzione di continuare a sostenervi nella vostra opera di costruzione di un Paese libero con istituzioni democratiche pienamente funzionanti". Così Marina Sereni, dando il benvenuto ai funzionari del Parlamento afghano, la Wolesi Jirga, che partecipano al  progetto di Institution Building organizzato dalla Camera dei deputati, con Luiss e Maeci. Leggi l'intervento... [segue...]
CON I GIOVANI DI OGGI PER NON RIPETERE LE TRAGEDIE DI IERI
“La guerra è sempre una sconfitta della politica, della diplomazia, del dialogo. La Prima Guerra Mondiale fu una sconfitta anche per i vincitori, per l'enorme tributo di vittime e di distruzione che tutti i paesi coinvolti pagarono e perché le condizioni imposte ai vinti posero le basi per il secondo conflitto mondiale. Quella guerra fu più che mai una guerra atroce, in cui morirono al fronte oltre 650.000 italiani, soprattutto giovanissimi". Così la vice presidente della Camera, Marina Sereni, incontrando a Montecitorio ragazze e ragazzi di Trieste, Gorizia, di Colonia, Graz e Buie che hanno partecipato al progetto "Grande guerra, l'anno fatale: giovani a confronto sui giornali dell'estate 1914.  Segue... [segue...]

"In un paese normale - ha detto un collega in Aula questa mattina - quando viene arrestato un pericoloso terrorista ci si congratula con le forze di polizia e con il Ministro dell'Interno...Credo che questo sia stato per fortuna lo spirito prevalente del dibattito che si è svolto a Montecitorio in occasione dell'informativa sull'arresto a Milano del presunto complice dell'attentato al Museo del Bardo a Tunisi.  Chi oggi, per conquistare qualche voto, fa propaganda e alimenta la paura è inqualificabile sotto il profilo politico e non fa un buon servizio alla sicurezza delle nostre comunità". Segue...

 [segue...]
“Anche questo impegno è stato rispettato! Dopo molti mesi di discussione abbiamo approvato definitivamente la legge che reintroduce il reato di falso in bilancio, incoraggia chi collabora, impone di restituire il maltolto e rende più severe le pene per i reati contro la pubblica amministrazione. Grazie al lavoro del Governo e del Parlamento si compie un passo avanti innegabile per scoprire e colpire meglio la corruzione e i corrotti. Come hanno riconosciuto giuristi ed esperti da anni in prima fila nella battaglia per la legalità, da oggi abbiamo una legge più efficace".Segue... [segue...]
“Il supporto dell’Istituto nazionale di statistica al lavoro del Parlamento e delle Istituzioni è di estrema importanza: la qualità dell’approfondimento dei temi al centro del dibattito pubblico, unita a una costante attenzione alla dimensione territoriale degli aspetti economici, demografici e sociali, si rivelano, infatti, strumenti indispensabili per mettere in luce punti di forza e punti di debolezza e individuare le possibili strategie di intervento”. Lo ha detto la vice presidente della Camera, Marina Sereni, che ha voluto soffermarsi sul gender pay gap, alla presentazione del Rapporto annuale dell’Istat.  Leggi tutto l'intervento... [segue...]
"Come era forse prevedibile, nel momento di tradurre in scelte concrete la decisone della Commissione Europea sulla redistribuzione obbligatoria dei migranti e richiedenti asilo nel Mediterraneo, le resistenze di alcuni Governi si fanno sentire. Mentre nella riunione dei Ministri degli Esteri e della Difesa si precisano i contorni dell'operazione navale finalizzata al contrasto al traffico di esseri umani e ai barconi della morte, la cui guida viene affidata all'Italia, non è ancora concluso il confronto in sede ONU per dare una cornice certa di legalità internazionale a questa iniziativa europea. Il piano dell'Europa e della comunità internazionale ha una sua coerenza interna e va attuato complessivamente".
Segue...
 [segue...]

"Leggeremo con attenzione il Decreto approvato oggi dal Governo per quanto riguarda i rimborsi ai pensionati a seguito della mancata indicizzazione negli anni 2012 e 2013. Le informazioni fornite al termine del Cdm confermano un impianto che a nostro avviso è completamente in linea con la sentenza della Consulta e tiene conto delle risorse disponibili secondo un principio di equità. Anziché fare promesse che non possono essere mantenute perché non ci sono i soldi, anziché rinviare a dopo il voto, il Governo Renzi ha avuto il coraggio e la serietà di indicare una scelta leggibile, sostenibile sul piano finanziario e socialmente giusta". Segue...

 [segue...]
"Mi auguro che le organizzazione sindacali non arrivino al blocco degli scrutini come strumento di lotta. Bloccarli significherebbe impedire alle famiglie e agli studenti di potersi iscrivere al livello successivo di scuola, un servizio essenziale e un diritto dei cittadini". Così Marina Sereni, intervistata a Radio Città Futura.    "Questo non significa - prosegue - che il dialogo non continuerà con gli insegnanti o con i sindacati. Anche se questo è un buon disegno di legge, essendo il Pd un grande partito popolare, dobbiamo ascoltare questa mobilitazione". Segue... [segue...]
"L’offensiva di primavera dei Talebani era attesa, tanto più violenta nell’anno in cui la coalizione internazionale si appresta a lasciare il paese e a trasferire la responsabilità della sicurezza nelle mani degli Afghani. Di fronte ai morti, e all’uccisione di un cittadino italiano, è dovere di ognuno far prevalere il cordoglio per tutte le vittime ed esprimere  la più forte vicinanza alla famiglia di Alessandro Abati. La gravità degli attentati e degli attacchi di queste ore da parte dei Talebani è sotto gli occhi di tutti e certo ciò richiede una risposta decisa e unitaria dalla comunità internazionale".
Segue... [segue...]
 "Le reazioni rabbiose del leader della Lega Salvini alla decisione adottata questa mattina dalla Commissione Europea dimostrano che abbiamo imboccato la strada giusta. Il piano per distribuire tra gli Stati membri i profughi e i richiedenti asilo che approdano nella sponda nord del Mediterraneo in fuga dalle guerre e dal terrorismo ha un grande valore, perché apre la possibilità di una soluzione più ragionevole e condivisa ad una emergenza drammatica che non poteva e non può essere affrontata solo dall'Italia. È un risultato straordinario per il quale hanno lavorato in particolare la Vice presidente della Commissione Mogherini e il Governo Renzi e sarebbe normale ascoltare un apprezzamento da parte di tutte le forze politiche italiane". Segue... [segue...]
"Trentasette anni fa in una strada del centro di Roma, nel portabagagli di una Renault 5, le Brigate Rosse fecero ritrovare il corpo senza vita di Aldo Moro. Poche date lasciano dentro di noi il segno di un cambiamento profondo e quel 9 Maggio è una di queste. La storia politica italiana fu profondamente influenzata da quel rapimento e da quell’omicidio e ancora oggi siamo chiamati a cercare la verità, ad illuminare i punti oscuri di quella tragica vicenda, a fare i conti con i misteri di una stagione di terrorismo che insanguinò l’Italia mietendo centinaia e centinaia di vittime".
Segue... [segue...]
"Quest’anno la Festa dell’Europa è stata decisamente più di una solenne celebrazione di quel 9 maggio del 1950 quando, con la presentazione a Milano della dichiarazione Schuman, prese di fatto l’avvio il processo di integrazione europea. Le sfide che l’Unione sta affrontando sono molto complesse e per molti versi drammatiche: dalla crisi in Ucraina, che di fatto ha imposto una fase nuova nei rapporti con la Russia, alle enormi violenze e tensioni in Nord-Africa e in Medio Oriente, con l’avanzata dell’Isis e l’intensificarsi delle migrazioni verso le coste italiane". Segue... [segue...]
"Senza negare il conflitto sociale, Gino Giugni riteneva che la mediazione degli interessi fosse l’unico strumento atto a praticare il dialogo sociale necessario per garantire la funzionalità delle democrazie moderne e un equilibrato sviluppo economico in un mondo sempre più globalizzato. I frutti di questa visione, sul piano legislativo e nelle relazioni industriali, sono stati molteplici e proficui". Così Marina Sereni la vice presidente della Camera aprendo la cerimonia di consegna del Premio di laurea Gino Giugni. "Come legislatori - ha aggiunto -  sarà forse opportuno chiedersi se l’attuale quadro di regole e i poteri di raffreddamento e prevenzione dei conflitti siano oggi sufficienti a gestire i problemi che la realtà economica ci pone di fronte". Leggi l'intervento... [segue...]
"Sulla cancellazione degli assegni vitalizi e delle pensioni a favore dei parlamentari condannati, in via definitiva, per reati di particolare gravità, eravamo già d'accordo, dal punto di vista politico, sin dal luglio 2014, insieme agli altri componenti dell’Ufficio di Presidenza. La nostra è una scelta di forte moralizzazione della funzione politica, che deve poter garantire la dignità del Parlamento e rafforzarne il patto di fiducia con i cittadini". Così in una nota congiunta i componenti dell’Ufficio di Presidenza della Camera del Partito Democratico Sereni, Giachetti,  Fontanelli, Rossomando, Miotto, Pes, Valente, Sanga dopo l’ok di Montecitorio allo stop del vitalizio a favore dei parlamentari condannati. Segue... [segue...]
"Con il voto di ieri alla Camera, e con l'impegno ribadito dal Governo per garantire l'approvazione definitiva al Senato entro il mese, abbiamo avvicinato un traguardo storico, per il quale in tanti si sono battuti per anni. Siamo ad un passo da una vera e propria rivoluzione per l'ambiente e per il diritto alla salute dei cittadini, alla quale hanno contribuito positivamente anche alcuni gruppi dell'opposizione, come Sel e M5S. Finalmente verranno introdotti nel codice italiano e sanzionati seriamente reati come il disastro ambientale, l'inquinamento ambientale, l'impedimento al controllo ambientale, il traffico e l'abbandono di materiali ad alta radioattività". Segue... [segue...]

"Dopo più di un anno di confronti e di discussioni, dopo centinaia di emendamenti e di voti in commissione e in Aula, l'Italicum diventa finalmente legge! Non è stato un percorso né breve né semplice e il prodotto finale è molto diverso dalla proposta iniziale. Già questo dovrebbe aiutare a cogliere l'assurdità di chi accusa Renzi di "volersi fare le regole da solo". Il testo finale prevede una soglia del 3% per essere rappresentati in Parlamento, una percentuale minima del 40% per accedere al premio di maggioranza, il ballottaggio tra le prime due liste qualora nessuno raggiunga quel risultato, la possibilità di esprimere sino ad un massimo di due preferenze, di generi diversi". Segue...

 

 [segue...]
“Non si può che condannare e punire severamente i violenti che ieri hanno devastato una parte di Milano, ferendo agenti di polizia, incendiando auto e negozi. Per isolare e battere la violenza serve l'unita' di tutte le istituzioni e di tutta le forze politiche e sociali, non le polemiche e le accuse gratuite. Quelle violenze non hanno nulla a che fare con chi intendeva pacificamente dimostrare per le vie della città, e debbono essere di monito anche per i prossimi mesi. In ogni caso – continua -  sia la capacità delle forze dell'ordine di contenere e contrastare le frange violente sia la reazione civile e orgogliosa dei milanesi mettono ancora più in evidenza il valore positivo di Expo". Segue... [segue...]

"Oggi, Primo Maggio, in molti Paesi del mondo si celebra la festa internazionale del Lavoro e dei lavoratori. In Italia, e in Europa, questa giornata cade dopo una durissima crisi economica e sociale, i cui effetti sono ancora pesanti. Tanti i posti di lavoro persi, moltissime le aziende in difficoltà, incerto il futuro di tanti, troppi, giovani. Per queste ragioni ci siamo battuti e ci battiamo per mettere al centro dell'agenda europea gli investimenti e il lavoro. Alcune scelte importanti sono state fatte, i segnali di ripresa economica ci sono, cresce la fiducia di famiglie e imprese ma i dati sull'occupazione in Italia non sono ancora sufficientemente confortanti". Segue...

 [segue...]

“Il passaggio di oggi è stretto e complicato. Capisco le amarezze anche personali di alcuni, ma spero che i colleghi del Pd che hanno un dissenso sul testo della legge elettorale trovino il modo di esprimerlo senza giungere a negare la fiducia al governo presieduto dal segretario nazionale del nostro partito. Dalla crisi della politica si esce soltanto con il cambiamento, e con l'Italicum si creano le condizioni per dare al Paese una legge elettorale positiva, che corrisponde a molti dei principi sui quali l'Ulivo prima e il Pd poi si sono sempre impegnati”.

 [segue...]
"Ci siamo: il conto alla rovescia è ormai agli sgoccioli e il prossimo 1 Maggio, Festa del Lavoro e dei lavoratori, a Milano s’inaugurerà EXPO 2015. Merito di molti: dal governo alle imprese, dagli Enti Locali alle Organizzazioni non governative, dai volontari alle maestranze che hanno lavorato senza sosta per consentire che il grosso dei padiglioni fossero a posto... Merito di chi ci ha creduto fino in fondo, di chi ha denunciato e colpito il malaffare, di chi ha reagito ai ritardi e agli intoppi per realizzare le opere e rispettare l'impegno con il mondo".
Segue... [segue...]
"Ravenna non è una città qualsiasi. Come non è stato un uomo qualsiasi il protagonista principale della lotta di liberazione che si svolse in questa terra: il Comandante Bulow, Arrigo Boldrini e come un altro grande italiano, figlio anche lui di questa terra: Benigno Zaccagnini, il partigiano 'Tommaso Moro'. Il senso della Resistenza, del momento alto della vita di tanti giovani, è racchiuso nelle parole con le quali proprio Boldrini rispose a chi gli domandava cosa lo avesse spinto a quella scelta: 'Noi abbiamo combattuto - per quelli che c’erano, per quelli che non c’erano e anche per chi era contro'. E’ così. E’ qui il valore e il significato della Resistenza". Marina Sereni celebra il 25 Aprile a Ravenna. Leggi l'intervento...  [segue...]

“Le condizioni favorevoli sul piano internazionale e lo straordinario sforzo riformatore messo in campo dal Governo ci consentono di approvare un Documento di economia e finanza fortemente orientato alla crescita e all'occupazione. Non è il libro dei sogni e non nasconde al Paese che la strada da percorrere sia ancora molto impegnativa. Se vogliamo definitivamente uscire dalla recessione e sostenere i primi segnali di ripresa, dobbiamo proseguire con slancio lungo la via delle riforme, non solo per poter utilizzare la flessibilità che l'Unione Europea lega alle riforme strutturali, ma anche e soprattutto per rendere il sistema Paese più forte e competitivo e creare lavoro". Segue...

 [segue...]
"A fronte di un'emergenza migratoria davvero straordinaria, che affonda le sue radici nelle guerre, nelle carestie, nel pericolo terroristico che affliggono il continente africano e che il conflitto in Libia rende ogni giorno più grave e preoccupante, ha fatto bene il Presidente del Consiglio a venire in Parlamento per presentare le proposte con le quali domani parteciperemo al Consiglio Europeo. Sarebbe stato lecito aspettarsi un confronto parlamentare che andasse oltre le polemiche e le strumentalità cui ci hanno abituato i talk show mattutini e serali".
Segue... [segue...]

“Dopo molti anni di discussione finalmente anche nel nostro Paese si introduce il cosiddetto ‘divorzio breve’. Non si tratta, come qualcuno ha affermato, di un incentivo a rompere il matrimonio quanto piuttosto di una semplificazione di quel percorso che tra la separazione e il divorzio impedisce a molte coppie separate che hanno avviato altre relazioni di formare nuove famiglie.  Così Marina Sereni commenta il sì definitivo arrivato a Montecitorio alla legge sul divorzio breve. "Una norma equilibrata che segna un passo avanti sul terreno dei diritti civili cui spero seguano nei prossimi mesi altre scelte in particolare per quanto riguarda le unioni civili". Segue...

 [segue...]
"Anche quando lo sgomento sembra sopraffare ogni capacità di reazione, anche quando sembra che nessuno abbia la soluzione al dramma dell'ennesima strage in mare, anche quando le parole sembrano aver perso ogni significato, abbiamo il dovere di non rassegnarci, di non abituarci a quelle immagini terribili. Abbiamo il dovere di ricordare a noi stessi i valori della dignità umana e di ricercare le vie possibilI e praticabili per porre fine a questo orrore. Non ci sono soluzioni semplici e non servono slogan ad effetto: la politica e le istituzioni - a tutti i livelli - hanno la responsabilità di dire la verità ai cittadini". Segue... [segue...]
La discussione nel Pd – prima negli organismi di partito e poi nel gruppo parlamentare – è stata fatta e si è conclusa con una votazione dalla quale nessuno può prescindere. La proposta del Segretario è chiara: approvare la legge elettorale nel testo uscito dal Senato e semmai ragionare su altri passaggi per rispondere ad alcune preoccupazioni emerse dal dibattito. Non a caso Renzi ha indicato l’opportunità di attuare l’art. 49 della Costituzione con una legge sulla vita democratica dei partiti e la possibilità di migliorare la riforma costituzionale per quanto riguarda il superamento del bicameralismo paritario. Non credo proprio però che ci siano spazi per “ripartire da zero” sulla composizione del Senato,  come qualcuno auspica". Segue... [segue...]
"Ho conosciuto meglio il Pietro Ingrao fuori dalle istituzioni, l'ho conosciuto, seppure da giovane, nella mia terra, l'Umbria, dove è stato per molti anni capolista per il Partito Comunista. Alla Camera, abbiamo già avuto modo di festeggiare i suoi cento anni, lo scorso 31 marzo. Oggi presentiamo il volume con alcuni suoi discorsi degli anni nei quali è stato presidente di Montecitorio, dal 1976 al 1979,  ma anche con interviste e interventi che raccontano bene il suo impegno dentro e fuori le istituzioni". Così Marina Sereni, introducendo la presentazione del volume realizzato dalla Camera dei deputati, alla quale hanno partecipato il Presidente Giorgio Napolitano, Pierferdinando Casini ed Eugenio Scalfari. Segue... [segue...]

 "Il Festival di Giornalismo di Perugia è stata l'occasione per un bell'incontro sul tema della lotta alla povertà, cui ho partecipato insieme a Marco De Ponte di ActionAid, che ha promosso l'iniziativa, a Lorenzo Robustelli di Eunews e alla giornalista di Rainews24, Valentina Antonello. Il 2015 sarà un anno particolarmente importante sul piano internazionale per le politiche di cooperazione allo sviluppo: a luglio ad Addis Abeba si terrà la conferenza sul finanziamento dello sviluppo; a settembre alle Nazioni Unite si svolgerà il negoziato finale per definire i nuovi obiettivi per lo sviluppo sostenibile post-2015; a fine novembre si terrà a Parigi la conferenza internazionale sul clima". Segue...

 [segue...]
Il racconto fatto dai sopravvissuti dell’ultima tragedia che potrebbe essere avvenuta nel Mediterraneo, vicino alle nostre coste, con la scomparsa in mare di 400 migranti, è stato uno dei temi affrontato nella trasmissione DiMattina condotta da Roberto Vicaretti su Rainews e trasmessa oggi da Perugia dov’è in corso il Festival del Giornalismo. “Quello che avviene, che continua ad avvenire alle porte di casa nostra – ha spiegato Marina Sereni, intervenendo da Roma alla trasmissione – richiama tutti quanti: la politica italiana, l’Europa e le sue istituzioni, il mondo dell’informazione". Segue... [segue...]
OBAMA/CASTRO-HILLARY FOR PRESIDENT: I DEMOCRATS SCELGONO
"Mentre Obama stringeva la mano a Castro, suggellando così la svolta storica della ripresa dei rapporti tra USA e Cuba, la Clinton si preparava a lanciare la sua campagna per le presidenziali.  Il video con cui Hillary inizia la corsa è rivolto alle famiglie medie americane, con le loro differenze di età, etniche, culturali e di orientamento sessuale, e allude prevalentemente ai temi economici e sociali. Segno che la sconfitta dei Democrats nelle elezioni di mid-term ha lasciato il segno, che – come molti esponenti democratici ci raccontavano proprio in quei giorni in occasione di una nostra visita istituzionale – il cuore della competizione sarà il destino della middle class". Segue...  [segue...]
 Ora che il Documento di Economia e Finanza e i provvedimenti collegati - l'allegato Infrastrutture e il Programma Nazionale di Riforma - sono stati varati dal Consiglio dei Ministri, il Parlamento potrà confrontarsi e discutere delle principali grandezze economiche e delle priorità indicare da Renzi per i prossimi anni. Le notizie disponibili ci permettono di dire però che la direzione è quella giusta: si mette al centro la crescita, si rilancia con progetti precisi l'azione di spending review cercando di intervenire strutturalmente sulla dinamica della spesa pubblica, si individuano alcune risorse per misure a sostegno delle persone e delle famiglie più deboli".
Segue...
 [segue...]

"Di fronte all’assurda violenza del Tribunale di Milano il primo pensiero va alle vittime e alle loro famiglie, al magistrato rigoroso freddato mentre continuava a fare il suo dovere, all’avvocato, al socio di quell’immobiliarista di cui ora sembra che molti avvertissero la pericolosità e che però nessuno ha fermato prima che seminasse morte.Che più di qualcosa non abbia funzionato, come ha sottolineato il presidente del consiglio Renzi, è sotto gli occhi di tutti ed è gravissimo.  Che qualcuno usi anche questa tragedia per polemiche strumentali o per sollevare polveroni è altrettanto grave". Segue...

 [segue...]
"L'approvazione in prima lettura della Legge Delega che riforma il Terzo Settore e il Servizio Civile è una buona notizia per i milioni di italiani che quotidianamente prestano la loro opera da volontari, da cooperatori, da imprenditori sociali. Si compie finalmente un passo nella direzione di un riordino - da tempo ritenuto necessario - di tutte le normative specifiche e si creano le condizioni per un rilancio del ruolo dei diversi attori del Terzo Settore. Dalla delega escono rafforzati alcuni caratteri essenziali per questo mondo".
Segue... [segue...]
"La sentenza della Corte Europea dei diritti dell’uomo che condanna l’Italia per i fatti di Genova, e in particolare per l’irruzione nella caserma Diaz, riporta all’attenzione della larga opinione pubblica una vicenda dolorosa, una ferita alla democrazia che va sanata. Il modo migliore per rispondere al quella condanna è concludere l’esame della proposta di legge per l’introduzione del reato di tortura nel nostro ordinamento, una proposta che recepisce i principi ONU in materia di diritti umani e colpisce chiunque si renda responsabile di violenze come quelle che furono perpetrate a Genova in occasione del G8". Segue... [segue...]
“Buon lavoro a Graziano Delrio e a Franco Gabrielli indicati da Renzi  alla guida del ministero delle Infrastrutture e a Prefetto di Roma, Due ottime scelte perché entrambi, in questi anni e nei loro precedenti incarichi, hanno dimostrato  rigore, capacità, onestà e rispetto delle istituzioni.  In una fase di lentissima ripresa economica, abbiamo bisogno che il ministero delle Infrastutture funzioni  a pieno ritmo per avviare o completare piccole e grandi opere nel rispetto delle leggi e dell’ambiente. Così come la sicurezza della Capitale, anche alla vigilia di appuntamenti importanti come il prossimo Giubileo, dev’essere affidata a  mani sicure ed esperte”. [segue...]

"L'accordo raggiunto  Losanna tra il gruppo dei "5+1", l'Europa e l'Iran ha una portata storica e un significato enorme. Sul tema specifico del nucleare la riapertura, dopo 35 anni, del dialogo tra Usa e Iran ha consentito di stabilire un percorso molto preciso e impegnativo al termine del quale  l'Iran rinuncia a dotarsi di armi nucleari in cambio della fine delle sanzioni. Ora si tratta di scrivere nel dettaglio le modalità di attuazione di quegli impegni, cosa che avverrà entro il 30 giugno. Ma indubbiamente il risultato politico è chiarissimo e rappresenta una svolta per la sicurezza e la pace. nella regione e nel mondo".Segue...

 [segue...]
"Che su tema come la lotta alla corruzione, così sentito da tutti i cittadini onesti, non si sia trovato un accordo ampio in Parlamento è davvero triste. E' il segno della strumentalità con cui alcuni, in particolare nel M5S, sollevano il tema senza poi voler davvero contribuire a sradicare un fenomeno che indebolisce l'Italia in ogni ambito. Pene più severe, reintroduzione del falso in bilancio, sconti solo per chi restituisce tutto il maltolto: con il ddl anticorruzione appena approvato al Senato si compie un passo avanti essenziale verso la legalità e la trasparenza. Ciò non significa che il testo sia immodificabile e che non ci siano margini di ulteriore miglioramento alla Camera". Segue...
 [segue...]
"Credo che la marcia democratica di Tunisi abbia segnato davvero una data centrale nella storia recente dei paesi nordafricani, raccontandoci che le speranze delle Primavere arabe non sono esaurite: ma se davvero democrazia e libertà sono divenuti elementi fondanti del modello che i tunisini hanno scelto per il loro paese, è venuto il momento per l’Europa di dare alla Tunisia tutto il sostegno e la solidarietà che merita, perché se ha avuto senso dire “Je suis Charlie”, oggi ha senso dire “Je suis Bardo”. Con queste parole Marina Sereni ha concluso il suo intervento al Convegno dedicato alla Tunisia, come modello di democrazia araba. Leggi l'intervento... [segue...]
"Non si capisce perché il Pd, dopo una discussione così ampia e approfondita, dovrebbe rinunciare a concludere in tempi brevi l'iter della riforma elettorale. Innanzitutto credo sia giusto chiarire perché si tratta di una riforma necessaria e prioritaria.  Necessaria e prioritaria non solo perché una sentenza della Consulta ha azzoppato (e meritatamente) la legge vigente, lasciando in vita norme ingestibili e inutilizzabili per rinnovare il Parlamento, ma anche perché l'Italia soffre da troppi anni di una crisi politica e istituzionale alla quale dobbiamo dare urgentemente una risposta".
Segue... [segue...]
“RACCOGLIERE ALLARME COMUNI, SALVAGUARDARE I SERVIZI

“Ho partecipato, assieme ad altri colleghi e colleghe del Pd, all'Assemblea regionale dei Comuni Umbri promossa dall'Anci. Abbiamo ascoltato le preoccupazioni degli amministratori locali della nostra regione di fronte ai tagli significativi apportati ai bilanci degli Enti Locali dall'ultima Legge di Stabilità e non possiamo che raccogliere il loro grido d'allarme. Il Governo ha ereditato numerosi problemi dal punto di vista delle risorse finanziarie, non ultimo la clausola di salvaguardia che prevede l'aumento dell'Iva nel caso che i conti pubblici non tornassero in ordine".
Segue...

 [segue...]
“Il Consiglio dei ministri ha scelto una ipotesi di riforma della governance Rai che punta a rafforzare il ruolo e la responsabilità  del management, enfatizzando i compiti di indirizzo e garanzia del Consiglio di amministrazione che viene ridotto da 9 a 7 membri Saranno le Camere a scegliere attraverso un voto dell'Aula la maggior parte dei membri e ciò aumenterà indubbiamente il grado di trasparenza e la ricerca di nomi autorevoli mentre per la prima volta si introduce la presenza di un rappresentante dei dipendenti”.
Segue... [segue...]

"Chi ha seguito da vicino l'esame della riforma elettorale sa che nel Pd e tra le forze politiche che siedono in Parlamento c'è stato un dibattito ampio e vero, che ha portato a molte modifiche alcune delle quali sostanziali. Dal primo disegno dell'Italicum abbiamo introdotto il doppio turno, abbassato e unificato le soglie di ingresso, previsto la possibilità di esprimere la doppia preferenza di genere. Si è raggiunto un punto di equilibrio tenendo in grande considerazione le ragioni e le proposte della minoranza del pd. Personalmente, ad esempio, non sono entusiasta della introduzione delle preferenze ma prendo atto del fatto che in molti ritengono di rispondere così ad una domanda del tutto comprensibile di maggior legame tra eletto ed elettore". Segue...

 [segue...]
"Come sempre il resoconto dei lavori parlamentari che oggi troviamo sui quotidiani oscilla tra chi dice che abbiamo fatto una riforma annacquata della prescrizione e chi ci rimprovera per una legge liberticida che allungherebbe a dismisura i tempi dei processi. Bene ha fatto invece a mio avviso il Pd e il ministro Orlando a dare del voto di ieri una lettura equilibrata. Abbiamo ritenuto doveroso, di fronte al permanere di una vasta area di corruzione che coinvolge amministratori, politici, funzionari pubblici, magistrati, imprenditori, raccogliere la preoccupazione degli operatori impegnati nella lotta per contrastare questo fenomeno, ed intervenire sui tempi della prescrizione esclusivamente per questa fattispecie di reati". Segue... [segue...]
"Sarkozy frena il Front National in Francia, Susana Diaz ferma l’avanzata di Podemos in Andalusia. Il voto amministrativo francese e spagnolo conferma due tendenze: una notevole difficoltà dei partiti al governo nazionale, una forte crescita di formazioni che – da destra o da sinistra – contestano l’Europa e le sue regole di rigore con argomenti populisti. Nel coraggio del cambiamento sta la forza di Renzi e del Pd che finora, in questo panorama così complesso, è risultato tra i pochi partiti di governo che riesce ad avere risultati incoraggianti nelle urne. Chi, all’interno del nostro partito, sottovaluta questo dato o magari lo vive con sofferenza, farebbe bene a cogliere la portata della sfida che abbiamo davanti". Segue... [segue...]
“La guerra è sempre una sconfitta, anche per i vincitori. È una sconfitta della ragione, della politica. Nella risoluzione delle controversie internazionali il ricorso alle armi porta sempre e comunque a distruzione e morte, il bilancio è sempre drammatico non solo per i vinti. Fu così nella Prima Guerra mondiale: circa dieci milioni di morti, ((10.000 giovani umbri persero la vita in luoghi lontani dalla nostra terra), enormi risorse economiche bruciate, povertà e sofferenza ovunque. In più le dure condizioni imposte ai vinti posero di fatto le premesse per la Seconda Guerra Mondiale, ancora più terribile". Così  Marina Sereni, intervenendo a Foligno al convegno dedicato alla Grande Guerra. Leggi tutto... [segue...]

"Colpire l'Islam aperto e l'unica primavera araba che abbia dato luogo ad una positiva transizione democratica, terrorizzare i turisti occidentali e tentare di infrangere l'idea della convivenza pacifica tra le due sponde del Mediterraneo, cercare nuovi proseliti tra i giovani insoddisfatti e insicuri della Tunisia e del nord-Africa: l'attentato di ieri ha puntato a cogliere tutti questi obiettivi insieme, tocca a noi reagire per sconfiggere la strategia e l'ideologia di morte del terrorismo. La lotta alla violenza cieca del terrorismo di matrice islamica non sarà breve, richiede costanza, determinazione e coraggio".
Segue...

 [segue...]
"Ha fatto molto bene, il Presidente Renzi, ad aprire il suo intervento in Aula sull'orribile attentato terroristico in Tunisia, e sui sentimenti di solidarietà e di vicinanza che dobbiamo esprimere alle persone colpite e al governo tunisino.  Così come ha fatto bene a rivendicare i primi risultati e i primi segnali di fiducia che si cominciano a registrare in Italia e in Europa, ringraziando il Parlamento per il lavoro fatto in questi ultimi mesi. La partecipazione al Consiglio Europeo rappresenta ormai da tempo per il Parlamento italiano un'occasione periodica di approfondimento e di discussione sui principali punti dell'agenda che le Autorità di Bruxelles sono chiamate a trattare"Segue... [segue...]

"Bibi Netanyau ha cercato il referendum su di sé e lo ha vinto, smentendo le previsioni di tutti i sondaggi. L'Unione Sionista di Herzog e Livni ha avuto un risultato positivo se raffrontato con le precedenti elezioni, insufficiente però a far cambiare di segno al governo di Israele. La lista unitaria degli Arabi israeliani ottiene un'importante affermazione portando alla Knesset un buon gruppo di eletti. Ci sono elementi di novità nel voto israeliano che meriteranno ulteriori riflessioni, ma nell'insieme è impossibile negare la vittoria del Likud e soprattutto di Netanyau. Ciò getta un'ombra sul futuro del processo di pace tra israeliani e palestinesi".Segue...

 [segue...]

"Rispettare il lavoro della magistratura, fare chiarezza sugli episodi interessati dalle recenti inchieste, individuare e punire i responsabili: soltanto così, in questo come in altri passaggi, possiamo mandare ai cittadini e agli imprenditori onesti il messaggio di un Paese che vuole promuovere lo sviluppo e realizzare anche grandi opere difendendo la legalità e la trasparenza. Due sono i terreni sui quali dobbiamo intervenire e non vanno confusi. Da un lato la legge anticorruzione in discussione al Senato, rispetto alla quale trovo sbagliate e ingenerose le parole dell'ANM. Reintroduzione del reato di falso in bilancio, pene più severe e tempi di prescrizione raddoppiati servono esattamente per contrastare con maggiore efficacia comportamenti illegali particolarmente insidiosi nel rapporto tra economia, politica e pubblica amministrazione". Segue...

 [segue...]
"Nei primi 20 giorni di febbraio 76mila aziende hanno fatto sapere all'Inps che intendono assumere a tempo indeterminatousufruendo delle novità e degli sgravi previsti dal Jobs act. La notizia data dal presidente dell'Istituto di previdenza si aggiunge ad altri piccoli segnali positivi che sembrano toccare la nostra economia e annunciare una ripresa dopo molti anni di crisi profonda. Saranno i fatti nei prossimi mesi a dirci se siamo davvero fuori dal tunnel. Certo è che in questo caso siamo di fronte ai primi effetti tangibili di una riforma voluta dal Governo che incrocia sul piano internazionale altri fattori positivi per le imprese".  Segue... [segue...]
"Comunque la si pensi – troppo o troppo poco, troppo in fretta o troppo tardi – ora la proposta del Governo Renzi sulla scuola c’è, è un ddl e contiene molte innovazioni. La stabilizzazione degli insegnanti precari va di pari passo con l’introduzione di strumenti per premiare i migliori e con la previsione di un nuovo concorso; l’autonomia dei presidi si accompagna alla valutazione delle scuole; la reintroduzione di musica e storia dell’arte si inquadra in una complessiva ridefinizione delle materie con un forte investimento su inglese e digitale…In Parlamento si vedrà chi vuole fare di più nel senso dell’innovazione e del miglioramento della proposta e chi semplicemente criticare". Segue... [segue...]

"Credo si debba ringraziare davvero il Ministro Franceschini per aver voluto dedicare un'intera giornata alla nostra regione. È stata una visita intensa cominciata a Città di Castello per l'insediamento del Comitato Nazionale per le celebrazioni del Centenario della nascita di Burri, un grande maestro dell'arte contemporanea, le cui opere sono conosciute e apprezzate in tutto il mondo. La legge recentemente approvata dal Parlamento, per iniziativa in particolare del collega Verini, ha offerto la cornice per fare della ricorrenza del centenario di Burri l'occasione per un programma di iniziative importanti che toccheranno molte città italiane e che faranno di Città di Castello una delle capitali dell'arte contemporanea". Segue... 

 [segue...]
"Molti giorni sono passati da quando, nell’aula di Montecitorio, abbiamo assistito all’uscita delle opposizioni, in segno di protesta contro la riforma costituzionale. Una scelta di rottura che, dopo giorni di duro ostruzionismo, non ha certo contribuito a costruire le condizioni per rinnovare tutti insieme le regole e l'assetto del sistema istituzionale. È stato giusto, come ha fatto il Pd,  lavorare in queste settimane per recuperare un clima di maggiore serenità che vedesse anche i gruppi di opposizione partecipare al voto finale sulla riforma. Certo stupisce la decisione di Forza Italia di votare contro una riforma della Costituzione cui aveva contribuito e che ha approvato in prima lettura al Senato".Segue...
 [segue...]


B R E A D

A N D

R O S E S

 [segue...]

“È significativo che proprio oggi, mentre tutto è pronto per il lancio del Quantitative easing deciso nei mesi scorsi da Mario Draghi, alla Camera si avvii la discussione generale sul decreto di riordino delle Banche Popolari. Perché questo collegamento? Non solo perché parliamo di banche. In questi lunghi anni di crisi l'istituzione europea che ha contribuito più e meglio a tirar fuori dalla recessione l'Eurozona si è dimostrata senza dubbio la BCE. Rafforzando il suo ruolo e scegliendo mosse coraggiose per salvare la moneta unica e sostenere le potenzialità di investimento e crescita degli Stati membri”. Segue...

 [segue...]
"E' legittimo che abbia opinioni politiche, anche se a volte non le condivido". Lo dice la vicepresidente della Camera Marina Sereni, in un'intervista a Qn, a proposito delle parole della presidente Laura Boldrini sul presidente del consiglio. 'Protagonismo?', è la domanda. "Non credo", risponde: "Certo, sull'eccesso di decretazione del governo, la Costituzione prevede che sia il capo dello Stato a intervenire, non la presidente della Camera".  Sereni interviene poi sul tema posto della declinazione al femminile dei ruoli istituzionali. "E' una battaglia simbolica", afferma, e "diciamo che di priorita' ce ne sono parecchie..." in fatto di pari opportunità". Segue...  [segue...]
“La banda ultralarga è  ‘la risorsa imprescindibile su cui sviluppare la competitività futura del Paese e su cui  si misurerà la nostra capacità di rimanere una delle nazioni più avanzate del pianeta’. Questo è quanto si legge nelle premesse del piano da 6 miliardi con le linee strategiche per la digitalizzazione dell’Italia varato ieri dal Consiglio dei ministri.  Si tratta di un ottimo punto di partenza: portare entro il 2020 la connessione a 30 mega per tutta la popolazione e  a 100 mega per il 50% degli italiani è un traguardo ambizioso ma alla nostra portata.Mi auguro che tutti, dalla Pubblica amministrazione alle imprese, alle associazioni dei cittadini, a tutto il mondo dell’Ict, diano il contributo fattivo per realizzare quella che Renzi ha definito "autostrada del futuro". Segue... [segue...]
"L'assenza del'europarlamentare Salvini in occasione della visita del Presidente Mattarella a Bruxelles è perfettamente coerente con le assurdità che il Segretario leghista urla nei suoi comizi, in piazza o in Tv. Non avendo risposte credibili da proporre ai lavoratori, ai piccoli imprenditori, alle famiglie italiane, e del Nord in particolare, la Lega costruisce attorno all'Unione l'immagine del "nemico" e concentra la sua propaganda contro... Le parole del Presidente Mattarella d'altro canto suonano come un importante incoraggiamento per quegli europeisti e riformisti".
Segue...
 [segue...]
"Dopo diversi anni di caduta dell’occupazione, sono incoraggianti i dati Istat che, per la seconda volta, segnalano un leggero calo della disoccupazione e, insieme, un incremento degli occupati. Senza  abbandonarci a superficiali entusiasmi, penso che, insieme alle novità  sulla crescita della produzione industriale e sul miglioramento della fiducia di imprese e famiglie, sia il momento di incoraggiare questi segnali,  facendo ognuno la propria parte. Parlamento e Governo, le Regioni, gli imprenditori, i sindacati".
Segue...   [segue...]
MAI DIMENTICARE IL CAMMINO CHE ABBIAMO FATTO
"Su invito di Maurizio Terzi, Sindaco di Fabbrico (Reggio Emilia), ho partecipato questa mattina alla celebrazione del  70° anniversario della battaglia partigiana del 27 Febbraio 1945. Il Comune di Fabbrico è stato decorato di medaglia di bronzo al valor militare per il sacrificio e il coraggio dimostrato dalla popolazione durante la lotta di liberazione. La battaglia partigiana che si tenne in quella data rappresenta la rinascita dalla dittatura e dall’occupazione nazifascista ed è identificata da tutti come il caposaldo dello spirito democratico e del riscatto civile di quella comunità". Di seguito il mio intervento… [segue...]
FIDUCIA CONSUMATORI E IMPRESE SEGNALE MOLTO POSITIVO
"I dati dell'Istituto di Statistica nazionale sulla crescita della fiducia dei consumatori e delle imprese, dopo lunghi anni di crisi il cui impatto sociale è tuttora molto elevato, sono un importante segnale dell'inversione di tendenza in atto. Non siamo ancora fuori dal tunnel ma tutto testimonia che siamo di fronte alla possibilità concreta di far ripartire l'economia e l'occupazione. Merito di una situazione congiunturale favorevole - il calo del prezzo del petrolio, il cambio euro/dollaro favorevole alle esportazioni in primis - ma anche merito di un'azione molto determinata del governo italiano. Segue... [segue...]
RC MAGISTRATI: NORME EQUILIBRATE NON PUNITIVE
"Il Parlamento ha approvato in via definitiva una nuova disciplina in materia di responsabilità civile dei magistrati. Non una legge punitiva, come purtroppo sembra pensare una parte della Magistratura, ma una norma equilibrata che cerca di introdurre nel nostro ordinamento un principio di garanzia per tutti i cittadini nei confronti di inadempienze o colpe gravi del sistema giudiziario. La procedura di infrazione europea aperta nei confronti dell'Italia per una normativa ritenuta non idonea obbligava il nostro Paese a giungere, dopo anni di scontri ideologici e inconcludenti, ad una riforma". Segue... [segue...]
ASCOLTARE LA GRECIA PER RAFFORZARE L'EUROPA
"Il Governo Tsipras ha inviato all'Eurogruppo una proposta con la quale si impegna a realizzare un programma di riforme in cambio di una proroga di quattro mesi dei prestiti in scadenza. Attuare le privatizzazioni già decise, intensificare la lotta al contrabbando e all'evasione fiscale, portare a termine un piano serio di spending review introducendo misure di tutela per i più poveri: il quadro di proposte avanzato dal governo greco sembra essere ispirato a buon senso e indica la necessità di un compromesso anche rispetto alle aspettative suscitate da Syriza in campagna elettorale". Segue... [segue...]
RIFORME PER SCOMMETTERE SU LAVORO E CRESCITA
"Il Parlamento sia luogo di confronto e di stimolo, non di freno. Saranno i fatti a dirci nei prossimi mesi se e quanto le riforme che il Governo Renzi ha varato avranno aiutato la ripresa economica e la creazione di nuovi posti di lavoro e di nuove opportunità. Personalmente sono fiduciosa e ritengo che il nostro Paese avesse e abbia ancora bisogno di innovazioni per poter utilizzare tutte le potenzialità e le risorse di cui è ricco. Le scelte fatte sin qui sul mercato del lavoro, sulle liberalizzazioni, sulla riforma delle banche popolari, così come quelle annunciate sulla scuola o sulla Rai, si muovono in una direzione necessaria per il nostro tessuto economico e sociale". Segue... [segue...]
JOBS ACT E CRESCITA: UN ANNO DI GOVERNO UTILE AL PAESE
"Il fatturato dell'industria che aumenta e i decreti attuativi del Jobs Act che oggi avranno il via libera dal Consiglio dei Ministri. Forse questi due fatti possono sintetizzare il bilancio di un anno di Governo Renzi durante il quale il Parlamento ha approvato moltissimi provvedimenti volti a favorire l'occupazione e la ripresa economica. Non basta, certo, perché ci sono molte altre misure indispensabili che ancora non sono state perfezionate, a cominciare da quei decreti fiscali che in tanti attendono per poter avere meno evasione, più certezza del diritto e più semplicità nel rapporto tra Stato e contribuenti". Segue... [segue...]
LETTERA ALLA UE PASSO POSITIVO, ORA RISPOSTA RAGIONEVOLE
“La lettera con cui il Ministro Varoufakis formalizza la richiesta di un’estensione di sei mesi dell’attuale programma è un fatto positivo, che testimonia la consapevolezza da parte dell’attuale Governo greco di dover mettere in atto riforme molto profonde e di dover concordare con i creditori eventuali modifiche nel quadro degli impegni assunti dagli esecutivi precedenti. Ora è necessario che le istituzioni europee, come ha giustamente sottolineato il Ministro Padoan, riflettano e lavorino per trovare un compromesso ragionevole, per aiutare la Grecia in un percorso di riforme..." Segue...  [segue...]
INCOMPRENSIBILE E SBAGLIATO PER TANTE CATEGORIE
“Ho ascoltato ieri ore e ore di interventi dei colleghi del M5S e temo che, ancora nei prossimi giorni, dopo il voto di fiducia, i parlamentari di Grillo si apprestino a proseguire con l’ostruzionismo. Come sempre, è tra le facoltà dell’opposizione scegliere gli strumenti e i mezzi che ritiene più idonei per far valere le proprie idee. Tuttavia è difficile negare che c’è una sproporzione evidente tra il merito del provvedimento in discussione–durante l’esame del quale sono state accolte molte proposte emendative anche con il contributo dei gruppi di minoranza–e le forme della battaglia parlamentare del M5S". Segue... [segue...]
I CITTADINI SI ASPETTANO DA NOI IL CAMBIAMENTO
“Ho trovato convincente l'impianto della relazione di Renzi, che giustamente si è soffermato sullo scenario internazionale, sulla crisi in Libia, sulla discussione tra la Grecia e l'Eurogruppo. Nel mio intervento ho sottolineato tre punti: il passaggio alla Camera sulle riforme costituzionali va spiegato con chiarezza. Ciò che è andato in scena non è una manifestazione di arroganza della maggioranza e del governo quanto piuttosto il tentativo delle minoranze di impedire al Parlamento di decidere. A chi ci rimprovera di non aver voluto il confronto possiamo rispondere indicando la grande mole di modifiche apportate in commissione". Segue... [segue...]
PRUDENZA E DETERMINAZIONE, COINVOLGERE TUTTI GLI ATTORI
"La situazione in Libia ha raggiunto livelli estremamente allarmanti, ed è giusto che l’Italia contribuisca ad un’iniziativa della comunità internazionale all’altezza della complessità e della drammaticità del quadro sul terreno. La divisione tra Tobruk e Tripoli, la mancanza di dialogo e i conflitti armati tra le diverse fazioni e autorità libiche stanno favorendo l’avanzata di ISIS in aree e città di importanza strategica. Non possiamo correre il rischio di azioni unilaterali, non condivise con tutti i principali attori dell’area e con le massime istituzioni sovranazionali. Non possiamo ripetere errori del recente passato". Segue... [segue...]
NELL'AULA DI MONTECITORIO COMPORTAMENTI INACCETTABILI
"Ciò che abbiamo visto in questi giorni nell'Aula di Montecitorio non ha alcuna giustificazione. La riforma costituzionale è all'esame della Camera da mesi. In commissione sono stati esaminati centinaia di emendamenti e molti di questi sono stati approvati, migliorando sensibilmente il provvedimento uscito dal Senato e raccogliendo anche indicazioni dei gruppi di opposizione. Chi accusa il Pd di fare forzature nei tempi e nei contenuti mente sapendo di mentire. D'altro canto, stiamo esaminando una riforma della Costituzione i cui punti salienti sono in discussione da quasi trent'anni". Segue... [segue...]
ORA TUTTI LAVORINO PER UN ACCORDO STABILE
"L'accordo raggiunto a Minsk sul cessate il fuoco è un primo passo importante ed è assolutamente necessario che le parti  si adoperino innanzi tutto per il suo pieno rispetto. Gli altri punti dell'intesa, il ritiro delle armi pesanti dalla linea degli scontri, gli scambi di prigionieri, l'impegno a riforme costituzionali che diano maggiore autonomia alle regioni orientali, necessitano infatti di una situazione in cui la politica e la diplomazia prevalgano sull'odio e la violenza. Come hanno giustamente dichiarato la cancelliera Merkel e il presidente Hollande siamo di fronte ad una evoluzione positiva ma c'è ancora molto da fare e tutta la comunità internazionale deve contribuire". [segue...]
BASTA TRAGEDIE DEL MARE, MAGGIORE IMPEGNO EUROPEO
“Come purtroppo molti operatori avevano previsto, la missione Triton, per il mandato e le caratteristiche con cui è stata definita, non è  riuscita ad evitare l'orrore di altre morti nel Mediterraneo. Le testimonianze dei superstiti parlano di altre trecento vittime che potrebbero essere in fondo al mare. Da tempo l'Italia ha chiesto e continua a chiedere un maggior coinvolgimento dell'Europa verso un'emergenza umanitaria che da soli non possiamo risolvere. Ha fatto bene l'Alto Rappresentante per la Politica Estera e di Sicurezza Comune Mogherini ad annunciare una riunione straordinaria dei Commissari per l'Azione esterna con il Commissario per l'immigrazione per rivedere le politiche europee in materia". Segue... [segue...]
RICORDARE PER NON RIPETERE LE TRAGEDIE DEL PASSATO
“Oggi ricordiamo tutti coloro che, fra il 1943 e il 1945, furono trucidati nelle fosse carsiche dell'Istria e della costa slovena, vittime dell’odio e della pulizia etnica di un’Europa devastata dai nazionalismi. Alla tragedia di chi  trovò una morte atroce nelle Foibe si aggiunse quella di quanti furono costretti ad abbandonare per sempre la loro terra, la loro casa in Istria e in Dalmazia. Questi fatti, troppo a lungo dimenticati, sono parte importante della nostra storia, italiana ed europea e devono essere impressi nella nostra memoria e tramandati ai più giovani. Ancor più oggi, di fronte al risorgere di nuove barbarie, la memoria di quegli eccidi deve rafforzare in tutti noi i valori fondanti di una civiltà vera...Segue... [segue...]
LAVORO, SCUOLA, FISCO, REDDITI: ANDARE AVANTI SULLE RIFORME
"Il rapporto Ocse “Going for Growth” conferma la necessità di proseguire sulla strada delle riforme già tracciate dal Governo italiano. I dati dell’Eurozona, e quelli del nostro Paese nell’ambito Ocse, testimoniano la necessità di politiche mirate a ridurre le diseguaglianze, a far crescere i redditi medi e bassi, ad aumentare la produttività, ad investire in settori strategici per lo sviluppo delle risorse umane come la scuola. Con la delega fiscale, con il Jobs Act, con la delega per semplificare e ammodernare la Pubblica Amministrazione, con la Buona Scuola il Governo Renzi ha messo in campo una vasta iniziativa di riforme che vanno nella direzione giusta". Segue... [segue...]
L'EUROPA NON PUO’ PERMETTERSI DI FALLIRE
"La crisi dell’Ucraina richiede il massimo di unità e determinazione da parte dell’Europa. Siamo di fronte ad una escalation del conflitto molto preoccupante e le conseguenze per le popolazioni civili sono sempre più pesanti. L’iniziativa della Cancelliera Merkel e del Presidente Hollande ha bisogno del sostegno convinto di tutta l’Unione Europea. Le pressioni sulla Russia, affinché accetti il terreno della trattativa e si impegni per un cessate il fuoco vero e duraturo,  devono essere da parte europea le più decise possibili. Non esistono alternative militari alla via del dialogo politico e diplomatico". Segue... [segue...]
IL SALTO NEL VUOTO NON CONVIENE A NESSUNO
"Una riunione straordinaria dell’Eurogruppo è stata convocata per mercoledì 11. Si discuterà della Grecia e l’augurio di tutti quelli che credono nell’Europa è che si trovi il giusto compromesso tra l’austerità ad ogni costo e l’incapacità di mettere un freno alle spese e onorare i debiti . Il nostro Paese, soprattutto nel semestre in cui ha guidato il Consiglio dell’Unione Europea, ha messo in campo una concezione che supera la prassi, senza risultati, dell’austerità fine a se stessa, rilanciando termini come flessibilità e obiettivi come quello della crescita e degli investimenti".
Segue... [segue...]
 "Il presidente Mattarella non dirà soltanto dei sì, ma anche dei no. In maniera nascosta, discreta, molto poco spettacolare, eserciterè fino in fondo la sua moral suasion". Così Marina Sereni a Radio Città Futura.    "Serviva - aggiunge - un presidente come lui: arbitro, imparziale, profondo conoscitore del Parlamento e della Costituzione. Credo sbagli chi lo descrive come uomo della prima Repubblica, è un uomo politico che ha chiaro qual è il fermento che lo circonda, che guarda in avanti e non indietro". E sul rapporto teso tra Pd e Ncd: "C'è una discussione in corso, ma credo che Ncd debba scegliere: se sta nella maggioranza, deve rimanerci, deve dircelo". Segue... [segue...]
Con 665 voti, i grandi elettori hanno scelto Sergio Mattarella come dodicesimo presidente della Repubblica. "Orgogliosa di aver contribuito alla sua elezione", ha scritto Marina Sereni dopo il voto sul candidato proposto dal segretario del PD, Matteo Renzi,  dopo la consultazione con tutti i partiti che hanno accettato il confronto. Il nuovo capo dello Stato che giurerà di fronte alle Camere il 3 febbraio, è giudice della Corte Costituzionale ed è tra i fondatori del Partito Democratico. "Buon lavoro, presidente Mattarella" [segue...]
"Sarà anche un incremento di fiducia ‘psicologico’, quello che sembra accomunare imprese e famiglie in questi primi giorni del 2015, ma lungi dal parlare di inversione di tendenza e di crisi alle spalle, credo sia comunque da sottolineare. Non hanno niente di ‘psicologico’ il calo del prezzo del petrolio, i costi più bassi dell’energia, il cambio euro/dollaro favorevole all’export, la manovra monetaria della Bce con il lancio del quantitative easing,  una riapertura sul fronte mutui/casa e una prima inversione di tendenza per quanto riguarda le assunzioni".
Segue... [segue...]

"La candidatura di Sergio Mattarella alla Presidenza della Repubblica dovrebbe essere valutata da tutti i grandi elettori per quello che è: una personalità con esperienza politica - come tutti i partiti avevano chiesto - con un profilo istituzionale fortissimo ed una indiscutibile credibilità morale. Il Pd, cui spettava la responsabilità di avanzare una proposta, ha tenuto conto delle osservazioni e delle valutazioni di tutte le forze che hanno partecipato agli incontri, scegliendo un nome cui nessuno può attribuire il difetto di essere troppo di parte".
Segue...

 [segue...]

"La legge elettorale è passata ieri al Senato e ora tornerà alla Camera. Il risultato del lavoro di Palazzo Madama, che ha significativamente cambiato il testo licenziato in prima lettura, è il frutto di un compromesso e di una discussione cui hanno contribuito tutte le forze politiche. Dispiace che, a fronte di modifiche che hanno raccolto obiezioni e perplessità espresse dalla minoranza del Pd, alcuni colleghi non abbiano ritenuto di votare poi il testo finale. Mi auguro in ogni caso che nel prossimo passaggio alla Camera si possa ottenere, in tempi ragionevoli, la più ampia condivisione per una riforma che finalmente cancella il Porcellum e restituisce ai cittadini la possibilità di scegliere i propri rappresentanti e di determinare maggioranze stabili". Segue...

 [segue...]