Marina Sereni
Marina Sereni
<b>883</b> Ore. <b>22%</b> Totale sedute
<b>31</b> Eventi da me promossi
<b>120</b> Interventi a Montecitorio
<b>114</b> Impegni in Italia
<b>47 </B> Missioni e incontri internazionali
12-12-2014
SCIOPERO GENERALE
"ASCOLTARE LA PIAZZA, MA IL GOVERNO NON E' CONTRO I LAVORATORI"
"Concordiamo, ancora una volta, con le parole del Capo dello Stato. Le esasperazioni non fanno bene al Paese e fanno peggio a un’Italia in difficoltà da troppi anni dove la crescita arranca e le lentezze burocratiche non sono un buon viatico per chi vuole investire.  La politica deve rispettare e ascoltare  chi oggi scende in piazza o  chi ha scelto di aderire allo sciopero generale di otto ore  -  l’ultimo, unitario, di 3 ore a fine turno fu contro la legge Fornero – ma deve ascoltare anche chi è rimasto a casa o al lavoro.  Non penso, al contrario di alcuni, che le scelte del governo Renzi siano inique o che vadano contro i lavoratori: la decisione di dare gli 80 euro a chi lavora e paga le tasse lo dimostra. Nel pieno rispetto di tutti, del Governo, del Parlamento e dei corpi intermedi, quali sono in questo caso le organizzazioni sindacali, è necessario l’impegno di tutti per invertire la rotta. Le riforme, tutte, dal lavoro, alla Giustizia, alla PA possono aiutare l’Italia, la cieca difesa delle proprie prerogative provoca soltanto scontri. Da gennaio a novembre, sono i dati del presidente della Commissione di garanzia, ci sono già stati circa 1.300 scioperi. Raffreddare il conflitto è responsabilità di tutti".
Marina Sereni, 2009-2015