Marina Sereni
Marina Sereni
<b>904</b> Ore. <b>22%</b> Totale sedute
<b>33</b> Eventi da me promossi
<b>134</b> Interventi a Montecitorio
<b>123</b> Impegni in Italia
<b>52 </B> Missioni e incontri internazionali
16-01-2015
SIRIA
"OTTIMO LAVORO PER GRETA E VANESSA, RIPORTARE A CASA TUTTI"
 “C’è chi riesce a commentare la liberazione delle due cooperanti  italiane, Greta Ramelli e Vanessa Marzullo,  rapite  a fine luglio in Siria, con le seguenti parole: ‘uno schifo’. Io invece voglio esprimere la gioia e la soddisfazione per il rientro in Italia di due ragazze che hanno scelto di alleviare le sofferenze di chi è vittima inconsapevole di guerre e per il lavoro di squadra silenzioso e lontano dai riflettori che ha visto impegnate tutte le istituzioni del nostro Paese”.

Così la vice presidente della Camera. Marina Sereni.

“E’ legittimo riflettere sulle condizioni di  sicurezza e sull’opportunità di alcune iniziative di solidarietà e di cooperazione nelle aree di maggiore tensione- continua -  Ma noi dobbiamo anche apprezzare e difendere il valore di coloro che sentono il bisogno di impegnarsi in prima persona per portare aiuto e sollievo alle vittime delle guerre, per quei giornalisti coraggiosi che sentono il dovere di documentare e informare su ciò che accade nelle aree di conflitto. L’Italia può e deve contribuire per porare aiuti materiali ai profughi e alle vittime della guerra in corso in Siria per sostenere l’azione dell’inviato speciale dell’Onu Staffan De Mistura, per sollecitare ogni azione politico-doplomatica  che possa far cessare le violenze nell’area. E al tempo stesso, dobbiamo continuare a lavorare - sempre lontano dal clamore a dai riflettori – per far tornare a casa tutti i nostri connazionali.  Penso agli ostaggi ancora nelle mani di rapitori, Padre Dall’Oglio e Giovanni Lo Porto, ma anche ai fucilieri di Marina, Latorre, ora convalescente in Italia, e Girone trattenuto in India”.

“ In questi giorni non vorrei sentire polemiche e distinguo – conclude Sereni - ma parole di benvenuto per le ragazze e plauso per chi è riuscito a riportarle a casa”

Marina Sereni, 2009-2015