Marina Sereni
Marina Sereni
<b>949</b> Ore. <b>22%</b> Totale sedute
<b>34</b> Eventi da me promossi
<b>150</b> Interventi a Montecitorio
<b>135</b> Impegni in Italia
<b>55 </B> Missioni e incontri internazionali
12-03-2015
FRANCESCHINI IN UMBRIA
"TRA ARTE CONTEMPORANEA E GRANDIOSE ANTICHITA'"
Credo si debba ringraziare davvero il Ministro Franceschini per aver voluto dedicare un'intera giornata alla nostra regione. È stata una visita intensa cominciata a Città di Castello per l'insediamento del Comitato Nazionale per le celebrazioni del Centenario della nascita di Burri, un grande maestro dell'arte contemporanea, le cui opere sono conosciute e apprezzate in tutto il mondo. La legge recentemente approvata dal Parlamento, per iniziativa in particolare del collega Verini, ha offerto la cornice per fare della ricorrenza del centenario di Burri l'occasione per un programma di iniziative importanti che toccheranno molte città italiane e che faranno di Città di Castello una delle capitali dell'arte contemporanea. A Spello il Ministro ha potuto vedere gli scavi della domus romana di Sant'Anna e gli straordinari pavimenti a mosaici che, grazie all'azione del Comune, della Regione e della Soprintendenza ai beni archeologici sono stati in gran parte recuperati e messi in sicurezza. La visita si è conclusa ad Amelia dove Franceschini ha potuto rendersi conto direttamente della situazione delle Mura, che necessitano ancora di  interventi significativi, e visitare il Museo della Città che ospita, tra l'altro, la splendida statua bronzea di Giulio Cesare Germanico. In ognuna di queste realtà il Ministro ha constatato l'impegno della Regione e degli Enti locali per salvaguardare e valorizzare i beni culturali e artistici e ha assunto l'impegno a verificare, nell'ambito della programmazione delle risorse del Ministero per il 2015, la possibilità di sostenere questo nostro sforzo. Soltanto così, mettendo insieme le competenze, i fondi e le disponibilità di tutti i soggetti - pubblici e privati - possiamo difendere le bellezze del nostro territorio e renderle anche un fattore di crescita e di sviluppo.
Marina Sereni, 2009-2015