Marina Sereni
Marina Sereni
<b>883</b> Ore. <b>22%</b> Totale sedute
<b>31</b> Eventi da me promossi
<b>120</b> Interventi a Montecitorio
<b>114</b> Impegni in Italia
<b>47 </B> Missioni e incontri internazionali
15-04-2015
IMMIGRAZIONE
"MOLTIPLICARE GLI SFORZI PER STABILIZZARE LA LIBIA"
Il racconto fatto dai sopravvissuti dell’ultima tragedia che potrebbe essere avvenuta nel Mediterraneo, vicino alle nostre coste, con la scomparsa in mare di 400 migranti, è stato uno dei temi affrontato nella trasmissione DiMattina condotta da Roberto Vicaretti su Rainews e trasmessa oggi da Perugia dov’è in corso il Festival del Giornalismo. “Quello che avviene, che continua ad avvenire alle porte di casa nostra – ha spiegato Marina Sereni, intervenendo da Roma alla trasmissione – richiama tutti quanti: la politica italiana, l’Europa e le sue istituzioni, il mondo dell’informazione. Oggi un quotidiano ha titolato: ‘Ci invadono e ci sparano’, seminando paura e confondendo in un solo calderone Isis e richiedenti asilo, chi scappa dalla guerra e dalla fame e chi uccide. C’è chi pensando di lucrare qualche voto alle prossime elezioni usa toni inquietanti, il discorso pubblico per strappare qualche voto in più sta alzando toni in maniera pericolosa,  ma senza voler polemizzare con il leader della Lega, penso che i suoi alleati dovrebbero contenerlo perché fa molti danni e perché, trascorso il periodo elettorale, sarà difficile recuperare”.

“Quello a cui assistiamo – ha continuato Sereni – non è qualcosa di imprevisto. Per questo penso che dobbiamo affrontarlo politicamente e insieme all’Europa. Sono una di quelle che pensa che la questione Libia non sia già persa, ma è una partita difficile da giocare e bene hanno fatto e fanno il premier Renzi e il ministro Gentiloni a sensibilizzare tutti su questa crisi  e a moltiplicare gli sforzi per stabilizzare il Paese e moltiplicare l'impegno dell'Ue sull'emergenza immigrazione"

Marina Sereni, 2009-2015