Marina Sereni
Marina Sereni
<b>941</b> Ore. <b>22%</b> Totale sedute
<b>34</b> Eventi da me promossi
<b>142</b> Interventi a Montecitorio
<b>128</b> Impegni in Italia
<b>55 </B> Missioni e incontri internazionali
20-12-2015
LEGGE DI STABILITA' 2016
"PIU' LAVORO, MENO TASSE, PIU' SICUREZZA, PIU' CULTURA"
"Più lavoro, meno tasse, più cultura, più sicurezza. Come si addice a ogni Legge di Stabilità che si rispetti, anche quella 2016 è stata approvata in un rush notturno. Forse con troppi commi, forse con troppe materie, forse con un eccesso di norme di dimensioni specifiche.. Tuttavia mai come quest'anno la Legge cerca di parlare ad un’Italia che torna a crescere e investe su se stessa, a cominciare dai giovani, dalla cultura dalla creazione di posti di lavoro di buona qualità. Per un approfondimento sui vari capitoli, vi rimando al focus del ministero dell’Economia, ma intanto mi preme segnalare come la riduzione delle tasse che scatta il primo gennaio accrescerà il reddito e la fiducia delle famiglie e quindi i consumi che, come segnalano le varie statistiche, sembrano in via di ripresa. E poi… gli sgravi fiscali sulle nuove assunzioni e gli incentivi fiscali , rafforzati al Sud,  che sono certa daranno un impulso alle imprese per sostenere i programmi di investimento e assumere lavoratori puntando sull’innovazione. Ma non ci siamo dimenticati di chi è in difficoltà e di chi il lavoro, perduto, non potrà trovarlo più per questo segnalo gli interventi per i cosiddetti 'salvaguardati', che potranno accedere anticipatamente alle pensione, e per le donne che potranno lasciare il lavoro con 35 anni di contributi. Per i pensionati a basso reddito è stato anticipato al 2016 l'innalzamento della 'no tax area', la soglia di reddito entro la quale non si paga l'irpef. La manovra ha tenuto conto anche delle novità  negative che hanno attraversato il mondo dal momento del suo arrivo in Parlamento e dunque, la risposta che abbiamo dato alla minaccia del terrorismo è stato un intervento economico sul piano della sicurezza materiale,  ma anche della cultura e del l'inclusione, con investimenti sulle periferie urbane e spese per rilanciare i consumi culturali. Abbiamo fatto un buon lavoro, scontentando  chi scommette sul fallimento e urla soltanto a schermi accesi, col voto del Senato consegneremo  al Paese la Legge di Stabilità 2016  dalla parte dell’Italia che vuole crescere".
Marina Sereni, 2009-2015