Marina Sereni
Marina Sereni
<b>949</b> Ore. <b>22%</b> Totale sedute
<b>34</b> Eventi da me promossi
<b>150</b> Interventi a Montecitorio
<b>135</b> Impegni in Italia
<b>55 </B> Missioni e incontri internazionali
05-02-2016
APPROVATA LA LEGGE "DOPO DI NOI"
"UNA VITA DIGNITOSA E AUTONOMA PER I DISABILI CHE RESTANO SOLI"
"C'è un assillo comune a tutti i genitori di ragazzi disabili: sapere che Il proprio figlio, dopo la loro morte, potrà avere tutte le cure e l'assistenza di cui ha bisogno, che qualcuno continuerà a garantirgli una vita dignitosa, l'autonomia possibile costruita negli anni grazie agli sforzi delle famiglie. A questa domanda abbiamo cercato di dare risposta con la legge sul "Dopo di noi" approvata in prima lettura nei giorni scorsi alla Camera. ll provvedimento si pone l'obiettivo di corrispondere a uno degli impegni contenuti nella Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità, in particolare laddove si riferisce al diritto di scegliere liberamente, sulla base del principio di uguaglianza, dove e con chi vivere, ovvero non essere obbligati a vivere in una particolare sistemazione, come purtroppo ancora oggi avviene con il ricorso alle Residenze Sanitarie Assistenziali. La proposta di legge affronta le questioni riguardanti la disabilità in modo organico: punta a favorire il benessere, l'inclusione sociale e l'autonomia delle persone con disabilità;  istituisce un Fondo per l'assistenza alle persone con disabilità grave prive del sostegno familiare e  agevola le erogazioni di soggetti privati; disciplina le modalità di definizione dei livelli essenziali delle prestazioni, con interventi innovativi di residenzialità che riproducano le condizioni abitative e relazionali della casa famiglia. Mi auguro ora un passaggio rapido al Senato e un’approvazione definitiva in tempi ragionevoli, perché l’Italia, al confronto con altri Paesi europei, ha un ritardo da colmare su questo versante e la qualità della vita di tutti, a partire dai disabili, è la vera misura di un Paese civile e umano".
Marina Sereni, 2009-2015