Marina Sereni
Marina Sereni
<b>904</b> Ore. <b>22%</b> Totale sedute
<b>33</b> Eventi da me promossi
<b>134</b> Interventi a Montecitorio
<b>123</b> Impegni in Italia
<b>52 </B> Missioni e incontri internazionali
01-03-2016
VERSO L'8 MARZO
"ITALIANE CHE HANNO LASCIATO IL SEGNO...LEGGIAMOLE"
“Il nostro Risorgimento ha avuto patriote come Cristina Trivulzio di Belgiojoso;  le istituzioni della nostra Repubblica hanno avuto madri come Nilde Jotti, oltreché padri; la nostra letteratura ha avuto grandi protagoniste quali Grazia Deledda, per ora la sola italiana insignita del Nobel”. Sono le prime tre donne “che hanno fatto grande l’Italia” ad inaugurare la collana “Italiane” della Maria Pacini Fazzi Editore di Lucca presentata oggi a Montecitorio che si arricchirà nei prossimi mesi di altre biografie, storie di donne che hanno lasciato il segno nel loro tempo e in ogni campo. Il mio saluto e la mia soddisfazione per questa iniziativa ha almeno due motivazioni. La prima è che oggi è primo marzo e così diamo il via a una serie di eventi che ci porteranno alla Giornata internazionale della Donna attraverso momenti di riflessione su temi e con protagonisti diversi. Lo facciamo in una legislatura che è la più femminile della storia repubblicana: le deputate sono il 31%, abbiamo finalmente raggiunto una soglia europea, niente di  più. Una legislatura che ha visto per la prima volta alla Camera la costituzione di un intergruppo parlamentare cui hanno aderito 80 deputate di tutti partiti che si sono messe insieme, al di là di steccati ideologici e di maggioranza e opposizione, per fare cose utili alla vita delle donne. I primi risultati li abbiamo avuti proponendo e facendo approvare diversi emendamenti alla Legge di Stabilità. L’altro motivo di soddisfazione è che parliamo di libri. La mia è una generazione che è arrivata ad Internet, ma è cresciuta sui libri. E allora, senza contrapposizioni, quando si dà spazio ia libri e alla cultura, io sono felice. Saluto e ringrazio per questo Maria Pacini Fazzi e Francesca Fazzi che hanno  voluto festeggiare i 50 anni della casa editrice nata nel 1966 con una collana sulle figure femminili che hanno lasciato il segno. E mi auguro, conoscendo le storie delle tante donne che hanno fatto la storia, tante e tante altre continueranno a lasciare la loro impronta."
Marina Sereni, 2009-2015