Marina Sereni
Marina Sereni
<b>883</b> Ore. <b>22%</b> Totale sedute
<b>31</b> Eventi da me promossi
<b>120</b> Interventi a Montecitorio
<b>114</b> Impegni in Italia
<b>47 </B> Missioni e incontri internazionali
30-03-2016
UN LIBRO PER LA GIORNATA MONDIALE DELL'AUTISMO
"FAMIGLIA, SCUOLA, SANITA' PUBBLICA, VOLONTARIATO...INSIEME SI PUO'"
"In vista del  2 Aprile,  Giornata Mondiale della Consapevolezza dell’Autismo, presentiamo  oggi alla Camera dei Deputati, su iniziativa della collega Chiara Gribaudo, vicepresidente del Gruppo PD,  il libro del professo Maurizio Arduino “ Il bambino che parlava con la luce” (ed. Einaudi). Una lettura che consiglio a tutti coloro che – genitori, insegnanti, professionisti del sistema socio-sanitario, amministratori pubblici, semplici cittadini sensibili e impegnati nel sociale – possono entrare in contatto con persone affette da “disturbi dello spettro autistico”. Silvio attratto dalla luce, Cecilia affascinata dai nastri e dalle corde, Elia che sorride mentre corre, Matteo che parla con i numeri più che con i suoi coetanei:  le quattro storie raccontate nel volume mettono in evidenza con grande efficacia la complessità di un disturbo multiforme, che si manifesta in tanti modi diversi, che bisogna saper riconoscere ed accettare già dai primi anni di vita di un bambino per poter cercare le risposte migliori e ottenere risultati in termini di socializzazione e autonomia.  Fino a pochi anni fa di autismo si parlava poco, le famiglie erano il più delle volte lasciate sole, la diagnosi era spesso tardiva e questo rendeva tutto più complicato. Oggi molta strada è stata percorsa, grazie al lavoro di tanti soggetti:  famiglie che non si sono arrese, operatori e operatrici che hanno saputo innovare metodi e strumenti di diagnosi e cura, associazioni di volontariato che hanno raccolto le inquietudini dei genitori  e le hanno incanalate in una miriade di iniziative positive, insegnanti che si sono messi in gioco studiando e inventando metodologie per l’inserimento dei ragazzi affetti da autismo.  Anche Parlamento e Governo hanno cercato di fare la loro parte. Lo scorso anno abbiamo approvato una legge che impegna il Ministero della Salute ad aggiornare le linee guida per la diagnosi e cura dei disturbi dello spettro autistico e ad inserire nei Livelli Essenziali di Assistenza i percorsi terapeutici e assistenziali per i minori e gli adulti affetti da autismo, mentre con l’ultima Legge di Stabilità è stato costituito un fondo per dare attuazione alle nuove norme. In questa stessa direzione si è mosso il Ministero per l’Istruzione e l’Università che, soprattutto per impulso del sottosegretario Faraone, sta attuando le novità introdotte dalla Buona Scuola per quanto riguarda il nodo cruciale dell’inserimento scolastico di questi bambini e ragazzi. Infine con la legge sul Dopo di noi, approvata in prima lettura alla Camera, stiamo cercando di dare una risposta alla domanda che tutti i genitori di ragazzi diversamente abili si pongono pensando a cosa accadrà ai loro figli quando non potranno più occuparsi di loro…

Ecco, credo dobbiamo davvero ringraziare il  professor Arduino per aver voluto e saputo offrire ai non addetti ai lavori un racconto veritiero e competente, utilissimo per comprendere i molti ostacoli da affrontare e al tempo stesso non perdere la speranza. I disturbi dello spettro autistico sono una sfida che tutti insieme possiamo cercare di conoscere e gestire accettando le persone che abbiamo davanti e scoprendo insieme a loro nuovi modi di entrare in relazione e comunicare. Venerdì prossimo anche la facciata di Montecitorio, insieme ai monumenti più famosi del mondo,  si colorerà di blu e questa volta lo facciamo con un pizzico di ottimismo in più e con l’impegno a continuare il nostro lavoro per rendere la vita delle persone con autismo e delle loro famiglie meno difficile e solitaria". 

Marina Sereni, 2009-2015