Marina Sereni
Marina Sereni
<b>904</b> Ore. <b>22%</b> Totale sedute
<b>33</b> Eventi da me promossi
<b>134</b> Interventi a Montecitorio
<b>123</b> Impegni in Italia
<b>52 </B> Missioni e incontri internazionali
05-04-2016
PANAMA PAPERS - SI ALL'INDAGINE DELL'AGENZIA DELLE ENTRATE
"NO ALLA RICCHEZZA PER POCHI RENDE TUTTI GLI ONESTI PIU' POVERI"
"L'indagine che l'Agenzia delle Entrate ha disposto alla luce delle notizie emerse dalle notizie giornalistiche sui Panama Papers è sacrosanta. La lotta all'evasione fiscale rimane un punto fermo di questo governo e di questa maggioranza ed è necessario fare chiarezza sui nomi di circa 800 contribuenti italiani che sarebbero coinvolti nei "Panama papers".  Ma intanto dobbiamo dare piena attuazione a tutte le misure importanti già decise: devono andare avanti gli scambi automatici  d’informazioni su conti correnti e scambi di denaro che permettono una vera lotta all’evasione. Da gennaio 2017, 80 Paesi, compresi alcuni ex paradisi fiscali come San Marino o il Liechtenstein, saranno coinvolti in quest’opera di trasparenza. L’Italia, nel 2015 ha sottoscritto circa 20 accordi di questo tipo  (Svizzera, Cayman, Vaticano, Barbados…)e la voluntary disclousure nel 2015 ha portato a quattro miliardi di incasso da parte del nostro Fisco.  La battaglia all’evasione si combatte con la massima collaborazione a livello internazionale e tutti insieme perché, per un ‘paradiso’ che si redime, ce n’è uno pronto ad aprire. I numeri dicono che ci sono 7.600 miliardi di dollari sottratti al fisco, l’8% della ricchezza globale.  Una ricchezza per pochissimi, che rende tutti gli onesti più poveri"
Marina Sereni, 2009-2015