Marina Sereni
Marina Sereni
<b>883</b> Ore. <b>22%</b> Totale sedute
<b>31</b> Eventi da me promossi
<b>120</b> Interventi a Montecitorio
<b>114</b> Impegni in Italia
<b>47 </B> Missioni e incontri internazionali
14-06-2016
BREXIT
"IN OGNI CASO, NIENTE RIMARRA' COME PRIMA"

"Non è possibile prevedere oggi quali possano essere le conseguenze di una vittoria dei "leave" sui "remain" nel referendum britannico. Le borse mostrano grande nervosismo, ma ciò non vuol dire che un eventuale "Brexit" abbia necessariamente ripercussioni devastanti ed ingestibili sul piano economico e finanziario. Certo la macchina delle istituzioni europee - a cominciare dalla BCE - non è ferma e sta preparandosi a tutte le opzioni. Vertici di emergenza sono già convocati per il 24 giugno. Tuttavia credo sia un errore minimizzare i rischi connessi con un risultato favorevole all'uscita della Gran Bretagna dall'Unione Europea. Per l'Europa, che perderebbe un membro importante sotto il profilo politico oltre che economico, e per la stessa Gran Bretagna che sarebbe comunque costretta a negoziare con l'Ue un accordo di libero scambio, accettando di sottostare a delle regole sulle quali non avrebbe peraltro più voce in capitolo. Ma il dato più negativo è quello del messaggio che ne ricaverebbero i cittadini del nostro continente poiché, per rispondere ad una crisi di legittimazione aperta da anni, l'Europa si troverebbe costretta ad imboccare la strada di un rimpicciolimento anziché quella delle riforme indispensabili, del cambiamento profondo sia delle politiche che dell'architettura istituzionale. Non possiamo quindi che guardare con attenzione e partecipazione al voto dei nostri amici britannici, esprimendo l'auspicio che prevalgano coloro che vogliono restare nella UE. Sapendo che, comunque vada, il giorno dopo nulla sarà come prima e dovremo affrontare seriamente i nodi di fondo aperti nella costruzione europea".

Marina Sereni, 2009-2015