Marina Sereni
Marina Sereni
<b>949</b> Ore. <b>22%</b> Totale sedute
<b>36</b> Eventi da me promossi
<b>175</b> Interventi e partecipazioni a Montecitorio
<b>144</b> Impegni in Italia
<b>56 </B> Missioni e incontri internazionali
06-09-2016
ROMA A 5S
"QUANDO SI GOVERNA PROPAGANDA E BUGIE HANNO LE GAMBE CORTE"
"Niente più streaming, né autodenunce, e neppure la semplice verità.  Chi s’è candidato a governare in nome della trasparenza, chi ha puntato il dito contro tutti, alla prova dei fatti dimostra di avere opinioni e metri di giudizio mutabili a seconda delle convenienze.  L’audizione della sindaca Raggi e dell’assessore Muraro davanti alla Commissione Rifiuti ha dimostrato questo e molto di più. Al di là di chi sapeva, di chi ha taciuto, di chi ha scritto le email e di chi le ha lette,  stupisce il silenzio e l'imbarazzo dei dirigenti nazionali del Movimento 5 Stelle. Dopo un plebiscito degli elettori che dimostrava fiducia e attese, emergono gravi difficoltà nella vicenda di Roma e nessuno dà un giudizio, una spiegazione plausibile: dagli eletti al mini-direttorio ai componenti del  direttorio nazionale, da Grillo a Casaleggio ... è silenzio. Non mancano invece le indiscrezioni, i retroscena, i segnali di divisioni profonde ma non comprensibili all'opinione pubblica. ma lo streaming? Non voglio tornare sulle dimissioni degli assessori o sulle discutibili scelte dei nuovi;  non voglio infierire sulla città sporca o sulle 2700 corse Atac sospese nel primo lunedì di settembre;  non voglio sottolineare che alle richieste di chiarezza si risponde attribuendo la colpa ai cosiddetti ‘poteri forti’ (chi sono: la magistratura? la stampa?). Preoccupa che un Movimento che ha, legittimamente, l'ambizione di governare l'Italia e che si presenta agli italiani come il "nuovo" nella politica mostri tanta incapacità, così poca chiarezza, un deficit di responsabilità e di classe dirigente spaventoso, una distanza abissale tra i comizi e i fatti. Fare la morale e dichiararsi puri non basta quando si hanno ruoli di governo la propaganda, come le bugie, ha le gambe corte".
Marina Sereni, 2009-2015