Marina Sereni
Marina Sereni
<b>941</b> Ore. <b>22%</b> Totale sedute
<b>34</b> Eventi da me promossi
<b>142</b> Interventi a Montecitorio
<b>128</b> Impegni in Italia
<b>55 </B> Missioni e incontri internazionali
07-09-2016
ECONOMIA ITALIANA
"OK SOSTEGNO A INVESTIMENTI E AIUTO A FASCE DEBOLI"
Le notizie diffuse da Istat e Eurostat negli ultimi giorni purtroppo non sono positive: la crescita di Italia, Francia e Finlandia nel secondo trimestre 2016 è  ferma in un quadro globale di rallentamento dell'economia. Nonostante ciò è ancora prevedibile che dopo anni di segno negativo il Pil italiano abbia finalmente un segno più. Le politiche del governo, e le tante riforme approvate in Parlamento, sono state importanti ma dobbiamo fare ancora di più. Ecco perché la prossima Legge di Bilancio dovrà concentrarsi su due obiettivi: il sostegno agli investimenti produttivi e l’aiuto alle fasce più deboli. Le dichiarazioni del presidente del Consiglio e dei ministri competenti sul tema delle pensioni, gli incontri di ieri con sindacati, Regioni ed enti locali per l’avvio del progetto Casa Italia vanno in questa direzione. Siamo tutti chiamati a lavorare per risolvere le emergenze dettate dal terremoto, ma anche a preparare un futuro migliore tutelando il patrimonio artistico diffuso e realizzando abitazioni più sicure.

 Gli studiosi parlano di ‘grande gelata’ dell’economia mondiale, sottolineando come anche i ‘Paesi locomotiva’ stiano rallentando. Per questo bisogna sostenere i consumi ed è giusto – come anticipato da Renzi ieri - che siano i pensionati al minimo, gli insegnanti, le partite Iva e gli statali con il contratto fermo da anni a beneficiare delle risorse disponibili. Tra le misure annunciate, l’ipotesi di sperimentare forme di prestito garantito dallo Stato per il pensionamento anticipato e l'aumento delle pensioni minime, l'avvio del Sia contro la povertà, il lancio del progetto Casa Italia, la proroga degli ammortizzatori sociali per circa 40mila lavoratori di aziende in aree di crisi.

 Un mix di interventi necessario anche a ristabilire fiducia nelle possibilità di un Paese come il nostro che soltanto tenendo insieme investimenti e riforme potrà davvero invertire la rotta.

Marina Sereni, 2009-2015