Marina Sereni
Marina Sereni
<b>949</b> Ore. <b>22%</b> Totale sedute
<b>36</b> Eventi da me promossi
<b>178</b> Interventi e partecipazioni a Montecitorio
<b>146</b> Impegni in Italia
<b>56 </B> Missioni e incontri internazionali
01-05-2017
NO ALLA CAMPAGNA DIFFAMATORIA CONTRO LE ONG
"LA QUESTIONE MIGRANTI NON E' UN REALITY: SERIETA' E RESPONSABILITA'"
La questione migranti non è un reality show: ci sono donne, uomini e bambini veri che scappano da guerre o fame; ci sono donne e uomini veri che - in divisa o volontari - cercano di salvare chi rischia di morire tra le onde del mare; ci sono criminali veri - certificati o celati dietro facce rispettabili - che si arricchiscono sulla loro pelle: c’è chi dà una mano e cerca soluzioni ragionevoli e chi fa propaganda parlando di muri e fili spinati… Mi domando a cosa servano le accuse non provate alle ONG impegnate nel Mediterraneo da parte di chi ha il compito di applicare le leggi e perseguire i criminali, mi domando a che servano quei politici che schiacciano un pisolino in un centro d’accoglienza al solo scopo di farsi fotografare e finire sui media per un giorno ancora. Il fatto che nei primi mesi di questo 2017 siano arrivati 37mila migranti nel nostro Paese impone serietà e responsabilità.  La si deve  chiedere all’Europa che fin qui non è riuscita a gestire in maniera umana ed efficace i flussi migratori, la si deve chiedere alla magistratura, la si deve chiedere alla politica. Chi con la felpa-slogan o con il completo istituzionale parla di “taxi del mare” deve saper indicare proposte serie e reali e non gettare fango in modo indistinto sul mondo delle ONG e della solidarietà.  Proseguano gli accertamenti da parte della magistratura e delle commissioni parlamentari competenti, si colpiscano tutti coloro che commettono reati sulla pelle dei migranti, ma si rispetti il lavoro straordinario degli operatori e dei volontari impegnati quotidianamente nelle attività di soccorso in mare.
Marina Sereni, 2009-2015