Marina Sereni
Marina Sereni
<b>949</b> Ore. <b>22%</b> Totale sedute
<b>35</b> Eventi da me promossi
<b>170</b> Interventi e partecipazioni a Montecitorio
<b>141</b> Impegni in Italia
<b>55 </B> Missioni e incontri internazionali
06-09-2017
REDDITO D'INCLUSIONE SOCIALE
"SFORZO STRAORDINARIO PER COMBATTERE LA POVERTA', MA ANCHE LA DEMAGOGIA"
"Finalmente anche il nostro Paese si è dotato di uno strumento per combattere in maniera strutturale la povertà: il Rei, il reddito d’inclusione sociale, infatti con l'approvazione definitiva da parte del Consiglio dei Ministri del decreto attuativo è divenuto una realtà. Una misura concreta, sostenibile ed efficace che in tanti abbiamo voluto fortemente per affrontare in modo serio la situazione di esclusione sociale e povertà assoluta che coinvolge diversi milioni di italiani. Non è una soluzione miracolistica, è solo un primo passo, ma di importanza storica perché consente di affrontare in modo strutturale il problema e di introdurre e sperimentare nel nostro sistema di welfare un istituto di tipo universalistico di contrasto della povertà mettendo insieme sussidi e servizi. Il ruolo dell'Alleanza contro la povertà è stato in questo percorso essenziale. Un cartello di associazioni, coordinato dal presidente delle Acli Roberto Rossini, di cui fanno parte, tra gli altri: Caritas Italiana, Cgil-Cisl-Uil, Comunità di Sant'Egidio, Confcooperative, Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome, Save The Children… che ha contribuito ad elaborare la proposta ed è oggi impegnato per attuare questa innovazione con il massimo di rigore e impegno. Per questo ho ascoltato con interesse – durante la conferenza stampa tenutasi oggi a Montecitorio -  sia le loro analisi che le loro proposte per un Piano Nazionale triennale contro la povertà 2018-2020, che consenta di rafforzare, anche con risorse aggiuntive, la concreta attuazione del Rei. Sono da sempre convinta che la crescita economica di un Paese come il nostro passi anche per la riduzione delle diseguaglianze e della esclusione sociale. I caratteri della crisi di questi anni e le profonde trasformazioni in corso nel sistema produttivo rendono questo tema una priorità non soltanto sul piano morale, ma anche dal punto di vista economico. Ecco perché credo che, già a partire dalla prossima Legge di Bilancio, sarà necessario fare uno sforzo straordinario per reperire progressivamente ulteriori risorse, cosa peraltro già evidenziata dallo stesso Presidente Gentiloni. L’obiettivo che perseguiamo è combattere davvero la povertà e, sapendo di avere di fronte un percorso complesso, anche la demagogia”.
Marina Sereni, 2009-2015