Marina Sereni
Marina Sereni
<b>949</b> Ore. <b>22%</b> Totale sedute
<b>35</b> Eventi da me promossi
<b>170</b> Interventi e partecipazioni a Montecitorio
<b>141</b> Impegni in Italia
<b>55 </B> Missioni e incontri internazionali
26-09-2017
CONVEGNO RELAZIONI ITALIA/REPUBBLICA DOMINICANA
"DIPLOMAZIA E SOLIDARIETA' UMANA PER LA PACE E LA CRESCITA SOSTENIBILE"
  

La legislatura in corso ha rappresentato e rappresenta un punto di svolta nelle relazioni con la Repubblica Dominicana e in generale con l’America latina, sia sotto il profilo dei rapporti bilaterali che sotto quello delle relazioni parlamentari. Nell'ottobre del 2015  abbiamo infatti tenuto il Primo Forum parlamentare Italia-America latina e Caraibi e nella dichiarazione finale approvata in quel Forum venne inserito un articolo aggiuntivo in cui si raccomandava “al Governo italiano di valutare la possibilità di riaprire l’Ambasciata d’Italia in Repubblica Dominicana". Una richiesta che è divenuta realtà il 1° febbraio scorso. Oggi ho potrato i saluti della Camera all'incontro dal titolo:“Il futuro delle relazioni diplomatiche tra l’Italia e la Repubblica Dominicana”. Ecco il mio intervento.

 



 

Gentile Ambasciatrice della Repubblica Dominicana in Italia, S.E. Peggy Cabral,

gentile Vice Ministro degli Affari esteri della Repubblica dominicana, Carlo Gabriel Garcìa,

caro Vice Ministro agli Affari Esteri e alla cooperazione internazionale Mario Giro,

cari colleghi e colleghe, signore e signori,

è un piacere essere qui con voi oggi per aprire i lavori della seconda giornata di dibattito sul futuro delle relazioni diplomatiche tra l’Italia e la Repubblica dominicana e mi rallegro con il senatore Malan e con l’onorevole Nissoli che hanno promosso questo appuntamento di riflessione nella loro veste di Presidente e Vice Presidente dell’associazione di amicizia.

La legislatura in corso ha rappresentato e rappresenta un punto di svolta nelle relazioni con la Repubblica Dominicana e in generale con l’America latina, sia sotto il profilo dei rapporti bilaterali che sotto quello delle relazioni parlamentari.

Nell'ottobre 2015, presso il Parlamento italiano, abbiamo infatti tenuto il Primo Forum parlamentare Italia-America latina e Caraibi, che ha inaugurato in tal modo una nuova sede di incontro e di scambio tra il nostro Paese e i Paesi latino-americani ed ha visto una consistente partecipazione di parlamentari dei Paesi aderenti all’Istituto Italo-latino americano. Non posso non ricordare qui la rappresentanza di alto livello della Repubblica Dominicana che partecipò ai lavori con una nutrita delegazione guidata dalla allora Presidente del Senato, Cristina LIZARDO MÉZQUITA.

Mi piace ricordare come proprio nella dichiarazione finale che venne approvata in quel Forum venne inserito un articolo aggiuntivo in cui si raccomandava “al Governo italiano di valutare la possibilità di riaprire l’Ambasciata d’Italia in Repubblica Dominicana, nazione dove è presente una numerosa comunità di origine italiana che esercita una grossa influenza nel settore sociale, economico e culturale”. Una richiesta che è divenuta realtà il 1° febbraio scorso, quando la nostra Ambasciata è stata finalmente riaperta.

Colgo questa occasione per ricordare che la Camera dei deputati italiana ospiterà il Secondo Forum parlamentare Italia-America latina e Caraibi, nei giorni 11 e 12 dicembre prossimi,  proprio a ridosso dell’Ottava Conferenza governativa, ed auspico che la Repubblica Dominicana partecipi anche a questa seconda edizione con pari entusiasmo.

Le relazioni bilaterali fra l’Italia e la Repubblica Dominicana sono sempre state ottime e improntate alla piena collaborazione. Oggi si arricchiscono grazie anche all’Accordo di cooperazione tra le due associazioni di amicizia parlamentare sottoscritto ieri al Senato.

Di fronte alle sfide enormi e complesse che ci propone il mondo di oggi siamo convinti dell’importanza di rilanciare il dialogo politico a livello bilaterale e multilaterale, per favorire la crescita sostenibile, combattere le diseguaglianze, affrontare i rischi per la pace e la sicurezza, accrescere la credibilità delle istituzioni democratiche. In questo senso, la collaborazione e il dialogo tra parlamenti, espressione della volontà popolare, sono essenziali.

Desidero, in conclusione del mio intervento, esprimere la solidarietà mia e dell’intera Camera dei deputati per gli effetti dell’uragano Irma, il più devastante degli ultimi tempi, che ha provocato danni ingentissimi ed un numero impressionante di sfollati. Il ripetersi di questi fenomeni, dalla portata sempre più devastante, sta d’altra parte a ricordarci della necessità e urgenza di dare attuazione concreta agli impegni e agli accordi internazionali finalizzati a ridurre l’impatto umano sui cambiamenti climatici. So che subito dopo l’uragano la Cooperazione Italiana ha autorizzato un contributo multilaterale di emergenza e che l’ONU, da un lato, e l’Unione Europea, dall’altro, hanno previsto interventi in tutti i Paesi caraibici colpiti dall’uragano. Credo di interpretare i sentimenti di tutti i presenti nell’esprimere la nostra vicinanza alle comunità colpite e a quanti stanno operando per prestare soccorso e aiutare la ricostruzione.

A tutti voi porgo i migliori auguri di buon lavoro

Marina Sereni, 2009-2015