Marina Sereni
Marina Sereni
<b>949</b> Ore. <b>22%</b> Totale sedute
<b>34</b> Eventi da me promossi
<b>150</b> Interventi a Montecitorio
<b>135</b> Impegni in Italia
<b>55 </B> Missioni e incontri internazionali
06-09-2016
TAVOLA ROTONDA SAVE THE CHILDREN
"ACCOGLIENZA E CONVIVENZA, L'ITALIA MODELLO D'EUROPA?"
Una legge sui minori migranti non accompagnati da approvare in tutti i parlamenti in Europa, prendendo spunto dalle norme in  discussione alla Camera. Ho avanzato questa proposta partecipando all’iniziativa di Save The Children dal titolo “Children at the forefront of the European And Global Action of Migration” che si è svolta a Roma, a Palazzo Valentini.  Le relazioni dei partecipanti alla tavola rotonda hanno dimostrato l’enorme complessità del tema in discussione. Le migrazioni in generale, e l'arrivo nel nostro paese di bambini e bambine non accompagnati, non sono un fenomeno transitorio, non possono essere affrontati come "emergenze". Si tratta di un tema che divide la politica ma sui bambini forse possiamo superare gli steccati tra maggioranza e opposizione per arrivare al più presto all’approvazione della legge a Montecitorio. A Save The Children un ringraziamento in più per l’impegno con i bambini e le bambine nelle zone colpite dal terremoto dell’ Italia centrale.

Su 10 bambini che approdano sulle coste del nostro Paese, 9 sono minori non accompagnati. Approdano in Italia per ricongiungersi con i familiari senza averne il permesso, altri sono vittime della tratta, altri ancora sono migranti economici, cercano un lavoro, benché bambini. In ogni caso sono minori senza un adulto di riferimento. Questi bambini e bambine devono essere accolti adeguatamente in un programma che, dopo la fase dell’emergenza, si occupi della loro educazione e della loro integrazione. Non esistono risposte semplici, ecco perché è importante vedere che la situazione in Italia si sta muovendo: è stato approvato il primo Piano nazionale anti-tratta; si è approvata con decreto una norma che consente di inserire i minori non accompagnati nel sistema di prima accoglienza destinato ai richiedenti asilo; si sta definendo una procedura condivisa per determinare l'età dei minori non accompagnati... Stiamo cioè cercando di affrontare i punti di criticità nella prima e nella seconda accoglienza che le ong come Save the Children hanno evidenziato. Certo però sarebbe importantissimo avere una legge organica come quella che si sta discutendo in I Commissione. Prima della pausa estiva la relatrice Pollastrini, che partecipa all’incontro e sarà esaustiva sui contenuti,  ha consegnato alla commissione Affari Costituzionali il testo base di questa legge che, anche grazie a Save The Children,  è all’attenzione del nostro Parlamento da tre anni e porta la prima firma della nostra collega Sandra Zampa. Speriamo che ora alla ripresa si vada avanti spediti e che l'Italia possa fare da apripista su questo tema cruciale. Save The Children è presente in molti paesi e lavora su scala transnazionale, ecco perché penso che sia importante e necessario portare i punti cardine di questa legge all’attenzione di tutti i Paesi europei, perché spesso su questi temi le istituzioni europee sono più avanti dei singoli governi e dei singoli parlamenti nazionali.

Marina Sereni, 2009-2015